Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Parlano di noi

Mercoledì, 29 Giugno 2022 22:11

Come documentare gli aspetti culturali e innovativi della città di Mantova in lingua spagnola ? Ecco ! Gli studenti hanno lavorato in coppia o singolarmente per creare dei video su storia, monumenti, gastronomia, parchi ed eventi. Hanno fatto finta di partecipare al famoso programma della TVE spagnola e a turno hanno presentato i loro video. Poi hanno risposto a delle domande dei compagni e...

Domenica, 19 Giugno 2022 10:14

DANNUNZIANA, tre momenti al VittorialeTre poesie nei luoghi del poeta vate, Gabriele D' Annunzio:- Qui giacciono i miei cani, 1935- Inno alla macchina, 1903- L' ulivo, 1903Alunni delle classi 5, a.s. 2021/22Francesco Ardizzoni, Anna Bindini, Francesco Liguori, Wissal Laaoud, Pietro Ferramola, Giulia Novellini.Prof. Simone Grassetto Silvia Marastoni Roberta Di Monaco#vittorialedegliitaliani...

Venerdì, 10 Giugno 2022 16:01

Si è concluso il progetto “Peer to peer: prevenzione al cyberbullismo” a cui hanno partecipato alcuni studenti delle classi prime che hanno seguito la formazione on line “Ambasciatori del cyberbullismo” proposta dall’associazione MOIGE. Al fine di promuovere buone prassi di comportamento e di essere punto di riferimento per i coetanei, i giovani “Ambasciatori” hanno realizzato un breve video...


 
In data 24 febbraio2021 la classe 4BS ha partecipato ad una videoconferenza tenuta dai volontari ROBERTO CIRELLI e MARCO CAPRA del Comitato di Coordinamento del Volontariato di Protezione Civile della provincia di Mantova. L’incontro rientra nel progetto "Centri di Promozione della Protezione Civile" di cui la prof. Marelli Ermana è referente.

Sono stati illustrati, diversi concetti peculiari della Protezione Civile. Ad esempio, è stato mostrato l'organigramma e le attività della Protezione Civile come la previsione, prevenzione, gestione e superamento delle emergenze.

Sono state spiegate le due tipologie di rischio: quelle di origine naturale come terremoti,vulcani, maremoti,alluvioni,frane,fenomeni meteo avversi, deficit idrico, incendi boschivi e quelle di origine antropica, per esempio, rischio industriale, trasporti sostanze pericolose, tecnologici ed epidemie.

È stata posta una particolare attenzione ai rischi sul nostro territorio.
È stato quindi spiegato il corretto comportamento da adottare nei vari eventi calamitosi e quindi l’importanza dell’autoprotezione in caso di emergenza.

Inoltre è stata anche sottolineata l'importanza del lavoro svolto dai volontari della P.C sul territorio nazionale, sensibilizzando gli studenti al volontariato e alla cittadinanza attiva.




 Protezionecivile2 Protezionecivile3  Protezionecivile1
Teconologico1





Sabato 13 Febbraio, nella seconda parte della mattinata, si è tenuto, con l’ormai consueta modalità a “distanza”, un incontro di orientamento in uscita per favorire la scelta Universitaria.

Proposto dai Rappresentanti d’Istituto, approvato dal Dirigente ed organizzato dalla responsabile per l’orientamento in uscita, prof.ssa Binotti, l’incontro è stato strutturato in due parti: la prima relativa all’ambito sanitario, la seconda a quello biologico naturalistico.

I lavori, apertisi con un’introduzione da parte della Prof.ssa Binotti, sono proseguiti con l’intervento, nelle varie aree, degli ex studenti dell’Istituto attualmente già laureati.

Durante tutti i contributi degli ex studenti, visibilmente lusingati, trapelava sicurezza professionale ma ancora un grande senso di appartenenza all’Isitituto, nonche’, genuina riconoscenza espressa ai docenti presenti.

Non sono mancati spunti per le numerose e pertinenti domande da parte dei ragazzi di quinta che hanno seguito con grande attenzione.

Molto interessanti anche le riflessioni da parte di alcuni studenti al primo anno che hanno rassicurato sulla preparazione raggiunta nonostante i diversi mesi in DAD dello scorso anno scolastico.

E’ stato con questo importante messaggio che si sono chiusi i collegamenti con un arrivederci al prossimo anno scolastico e, con l’invito anticipato, agli attuali futuri diplomati, a venire a raccontarci le loro esperienze.

Ci sentiamo di ringraziare anche tutti i nostri laureati in medicina che non hanno potuto essere presenti, perché impegnati come vaccinatori, e la Prof.ssa Gola che ha reso possibile il contatto con tutti i nostri diplomati.

I rappresentanti d’istituto
Alberini Isabella
Corbellani Nicolò
Giacchini Filippo




Il Consolato Generale d’Italia a Rosario, in Argentina, ha organizzato una serie di seminari e laboratori riservati ai docenti di Lingua e Letteratura italiana presenti sul territorio della sua Circoscrizione e appartenenti a ordini di scuola diversi, dalla scuola dell’infanzia ai corsi per adulti.
L’iniziativa, svoltasi tra il 15 e il 19 febbraio 2021 ha visto la partecipazione di alcuni docenti ed ex docenti dell’Istituto tecnico A. Mantegna di Mantova coinvolti nell’iniziativa dal prof. Michele Negro, dirigente scolastico del medesimo istituto dal 2015 al 2018 ed attualmente in servizio presso il Consolato italiano a Rosario in Argentina.
I docenti coinvolti sono i professori Della Sciucca Stefania, Marastoni Silvia e Piva Tiziana, oltre al prof. Grosso Davide Remo trasferito in altra sede.
Gli incontri, che si sono svolti tramite la piattaforma Zoom, sono stati inseriti nelle iniziative organizzate dal Consolato italiano che vogliono celebrare i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, padre della nostra lingua per valorizzarne il suo valore culturale e linguistico.
La sede diplomatica italiana ha informato che il ciclo di incontri ha assunto un carattere laboratoriale dove i corsisti hanno partecipato in forma attiva e pratica al fine di esercitare l’uso della lingua italiana e approfondire tematiche legate a metodologie didattiche come la flypped classroom, il cooperative learning applicate all’insegnamento di discipline linguistiche e non linguistiche.
In particolare i docenti- formatori dell’Istituto Mantegna hanno condotto i seguenti laboratori: prof.ssa Della Sciucca Stefania “Insegnare una disciplina non linguistica in lingua straniera (CLIL), prof.ssa Marastoni Silvia “Dalle parole chiave al testo poetico: laboratorio di scrittura collettiva”, prof.ssa Piva Tiziana “Laboratorio didattico: i personaggi dell’Inferno di Dante; i quattro colori dell’Inferno”, prof. Grosso Davide Remo “Conversazioni su Dante e l’astronomia”.

Le proposte sono state ben accolte dai colleghi argentini, che hanno dimostrato grande interesse per la nostra lingua e cultura oltre che aver apprezzato con entusiasmo le proposte didattiche illustrate e aver dimostrato disponibilità a sperimentarle nelle loro realtà scolastiche nell’ottica di una eventuale futura collaborazione.


WhatsApp Image 2021 02 19 at 22.11.23


SharedScreenshot

WhatsApp Image 2021 02 18 at 19.41.58

Orientamento in uscita 6 feb






Nella giornata di sabato 6 febbraio per il Settore Economico si è svolto dalle 10 alle 12.45 un incontro online per l’orientamento in uscita, su proposta dei Rappresentanti d’Istituto, che ha visto gli ex alunni del Mantegna protagonisti nel raccontare le proprie esperienze post-diploma.

Durante l’incontro, fortemente voluto e interamente organizzato dai rappresentanti in carica con il supporto della Vicepreside, Prof.ssa Adele Binotti, si è parlato principalmente di percorsi universitari: i quindici ex alunni intervenuti – introdotti dal Prof. Ennio Polcini – hanno illustrato in breve il loro percorso di studi oltre che le esperienze conseguite, ma anche le loro considerazioni personali inerenti alle scelte fatte.

Inoltre, al termine di ogni presentazione è stato dedicato uno spazio ai quesiti degli studenti, raccolti dalla studentessa Victoria Rodighiero, ai quali gli ex alunni hanno risposto brillantemente, soddisfacendo così tutte le loro curiosità in fatto di scelta universitaria.

Tuttavia, tra gli ormai diplomati alunni del Mantegna non vi erano solo universitari bensì anche ragazze e ragazzi già entrati nel mondo del lavoro, così che si potesse disporre di una panoramica completa e articolata delle varie possibilità che si hanno al termine degli studi superiori.

Gli studenti hanno partecipato attivamente, dimostrandosi molto interessati e soddisfatti dell’incontro proposto, affermando inoltre che questa iniziativa è stata molto divertente oltre che utile, a tal punto da sperare che diventi un appuntamento fisso per l’orientamento in uscita del Mantegna.

Insomma, un’occasione d’oro per tutti: in primo luogo per gli studenti delle quinte che hanno potuto informarsi “alla fonte”, poi per gli insegnanti che, partecipando, hanno potuto rivedere i loro ex alunni e da ultimo - ma non per importanza - per gli ormai diplomati che per un paio di ore sono potuti ritornare a far parte del Mantegna!

Victoria Rodighiero, 5ARI



IL MANTEGNA CELEBRA LA GIORNATA DELLA MEMORIA CON
“PROCESSO A DIO”


Immagine per articolo assemblea 28 gennaio



Il testo di Stefano Massini, rappresentato con notevole intensità drammatica dalla Compagnia Campogalliani, ha fornito agli studenti un ulteriore motivo di riflessione sulla tragedia dell’Olocausto. Un’altra assemblea on-line è stata organizzata dall’ITET “Mantegna” che, giovedì 28 gennaio, ha voluto celebrare la Giornata della Memoria, proponendo “Processo a Dio” della Compagnia Campogalliani.
In un cupo magazzino del padiglione 41 del Campo di concentramento di Majdanek, Elga Firsch, attrice di origini ebraiche, decide di processare Dio, colpevole di aver consentito la tragedia della Shoah. Dov’era Dio quando gli ebrei sono stati ridotti in schiavitù, deportati, privati persino del nome, sterminati? Dov’era Dio?... sono le domandi incalzanti di Elga che, con disperazione e rabbia, ricorda le migliaia di vittime della barbarie umana e vuole vendicarsi…non si sa se su Dio o sull’uomo.
Interessante il ruolo del rabbino, un personaggio che si scosta da tutti gli altri, e che si pone come difensore di Dio, se pur con un certo imbarazzo, di fronte a interrogativi che non sembrano trovare risposte convincenti.
Straordinario il coinvolgimento emotivo degli studenti che, attraverso i rappresentanti d’Istituto Isabella Alberini, Nicolò Corbellani, Filippo Giacchini e Victoria Rodighiero, hanno fatto pervenire alla Compagnia teatrale numerose domande, volte a indagare lo stato d’animo degli attori, la capacità di immedesimarsi in ruoli tanto complessi e trasmettere emozioni così forti come in “Processo a Dio”.
Nel corso dell’interessante dibattito, tenuto al termine della rappresentazione e coordinato dalla prof.ssa Paola Menegazzo, non sono mancate domande legate all’esperienza teatrale della Presidente e degli interpreti. Il teatro richiede “passione, impegno, studio, caparbietà” sostiene Francesca Campogalliani, che è sempre vissuta nel teatro; il teatro “è casa” per tutta la Compagnia. E’ anche questo lo spirito che hanno trasmesso, per dimostrare quanto una passione possa coinvolgere e unire. Un ringraziamento speciale a chi ha reso possibile la realizzazione di questo evento: Francesca Campogalliani (Presidente della Compagnia teatrale e costumista), Mario Zolin (regista e attore), Roberta Vesentini (attrice), Giampiero Marra (attore), Paolo Di Mauro (attore), Nicola Martinelli (musiche).
Per celebrare la Giornata della Memoria, grazie all’interessamento della prof.ssa Stefania Roversi, il 27 gennaio, alcune classi dell’indirizzo Tecnologico dell’Istituto hanno anche partecipato alla trasmissione in diretta dal Campo di Fossoli. Durante il secondo conflitto mondiale esso costituì soprattutto un campo di smistamento dei prigionieri ebrei, molti dei quali furono poi deportati e uccisi nei campi di sterminio e dove tuttavia si registrarono anche fucilazioni. Filmati, racconti e collegamenti in diretta con Praga, Monaco e Budapest hanno consentito di ricostruire una triste pagine della nostra storia, riproponendo testimonianze di inaudita violenza, che ci impongono di non dimenticare.

I rappresentanti di Istituto
Ducale
Gazzetta di Mantova
11/02/2020

"Esuli e foibe, tragedia che ci deve unire tutti"
Al Bibiena la commemorazione ufficiale con le autorità. Dalla Regione un premio a sei studenti del Mantegna

[...] E sempre il 10 febbraio, in consiglio regionale sono stati premiati, con una menzione speciale, sei studenti della terza Cr dell’Istituto Tecnico Economico e Tecnologico Andrea Mantegna di Mantova che hanno partecipato al concorso, promosso dalla Regione, sul martirio giuliano-dalmata-istriano, con una ricerca dal titolo "Le foibe un dramma del Novecento". Gli autori sono Elisa Abbatecola, Sara Bettinazzi, Aurora Borgato, Nicole Lebovitz, Martina Pasquale e Beatrice Zanotti.

Articolo consultabile al seguente link

1

Gazzetta di Mantova

30 Novembre 2017

Idee Digitali per la città: i premiati.

Mantova Maker Days: i riconoscimenti agli studenti per i loro progetti innovativi

Leggi l'articolo in formato digitale

Gazzetta di Mantova

16 Novembre 2017

Il mantegna al G7 dei giovani

Leggi l'articolo in formato digitale

Gazzetta di Mantova

 

20 giugno 2017

Quattro studenti dell’Itet al G7 dei giovani

Si è tenuto a Catania un confronto sulle sfide che interessano la società e di trovare soluzioni efficaci da applicare nel breve periodo.

 

16 maggio 2017

Il Mantegna vola a Catania, i ragazzi simuleranno il G7 

Quattro studenti all’assemblea che lavorerà in parallelo a quella di Taormina. La prof: «Esperienza fondamentale. E l’anno prossimo Parlamento europeo» 

31 marzo 2017

Papà antidroga ai ragazzi "Così ho perso mio figlio"

La drammatica testimonianza all'assemblea degli studenti dell'Is Mantegna «Non cedete. Oggi siete dipendenti da un cellulare, domani dagli stupefacenti»

(v.d.)

15 marzo 2017

Il processo penale rifatto in classe

Al Mantegna l'avvocato istruisce i ragazzi: lunedì prossimo l'udienza simulata

 

18 febbraio 2017 

Mantova, debutto in 18 aziende per gli studenti del Mantegna 

Alternanza scuola-lavoro con le ditte del distretto della calza per 23 studenti.

(b.r.)

 

16 febbraio 2017

A Castel Goffredo i ragazzi studiano la calza 

A Castel Goffredo via al progetto promosso da Adici con l’Istituto Mantegna. Un mese di stage in azienda per 23 allievi del corso perito tessile-moda. 

di Corrado Binacchi

 

04 novembre 2016

«La moda? Il segreto è la curiosità» 

Consigli d’autore dalla Maison Gattinoni agli studenti degli istituti Bonomi e Mantegna di Mantova

di Nicola Artoni

Mantova Maker Days

 

Mantova Maker Days

PODCAST (rubrica)

Numero UNO (dedicato alla gornata della memoria)

PILLOLE DI MEMORIA
E’ giusto disobbedire? O ci si deve sempre e comunque attenere alle leggi e agli ordini superiori anche quando questi sono forieri di dolore e distruzione? Queste due domande, oggi tristemente attuali, hanno accompagnato la nostra Giornata della Memoria 2022. Fonte di riflessione per noi, ragazzi della 4AS e della 4CS, e per le nostre docenti, prof.sse Marastoni e Di Monaco, è stata la lettura di alcuni brani dal libro ‘La banalità del male’ in cui l’autrice, Hannah Arendt, racconta il processo che si tenne nel 1961 a Gerusalemme contro un criminale nazista, Adolf Eichmann. Ciò che sorprende la Arendt è osservare che Eichmann fosse una persona normale, addirittura banale, e che, durante il processo, egli avesse continuato a sottolineare di aver semplicemente obbedito agli ordini di Hitler, ordini che avevano il valore di una legge. Attraverso l’esame di esempi anche attuali, siamo arrivati all’idea opposta, quella di ‘banalità del bene” e a comprendere che la disobbedienza civile, nel corso della storia, ha portato spesso a grandi cambiamenti senza l’uso delle armi. Durante la Shoah, molti sono stati gli esempi di disobbedienti, persone che hanno salvato ebrei dalla morte certa anche a rischio della propria vita. Ed è a queste persone, alcune mantovane, alcune note a livello nazionale o regionale, che vogliamo dare voce con questo ciclo di brevi podcast da noi prodotti.
Buon ascolto! 

Buzle Francesco e Salvatore Mirabello (4AS) hanno curato la parte tecnica dei podcast (introduzione, conclusione, musica e montaggio) per entrambe le classi.

A) DON ARRIGO BECCARI
Don Arrigo Beccari fu il parroco di Nonantola durante la seconda guerra mondiale; egli salvò moltissimi ragazzi Ebrei nascondendoli  in una grande villa alle porte della città, Villa Emma, e stampando per loro documenti falsi. Rischiò più volte la vita e fu incarcerato ma riuscì a sopravvivere.
https://drive.google.com/file/d/18SWTERl7Vnr8zjVU3IRGCqvwMe5lV_5d/view?usp=sharing
Desirée Smania, Matteo Carastro, Ilaria Fenzi, Sara Zavattiero (classe 4AS)

B) MARGHERITA BEDUSCHI
Margherita Beduschi era una donna di Rivarolo mantovano, una pellicciaia che, grazie al suo coraggio, riuscì a salvare una intera famiglia ebrea, i Benyacar.
https://drive.google.com/file/d/1mMvcchacJSWOKYMdPiSa9AGeBT8zMqGn/view?usp=sharing
Sofia Gardinazzi, Giulia Bencivinni (classe 4AS)
 
C) DON PRIMO MAZZOLARI
Don Primo Mazzolari fu un prete che operò nel mantovano e che non esitò a mettere a rischio la propria vita per salvare numerosi Ebrei. 
https://drive.google.com/file/d/1r1C5ycAQyBr4qEDzrLpuv2KPnQRuz_ki/view?usp=sharing
Paola Bertoldi, Anita Tellini (classe 4AS)
 
D) FRANCESCO RAMPI e LUISA UNGAR
I coniugi Rampi, mantovani, con uno scambio di identità e il supporto del vicinato, riescono a salvare la famiglia Gizelt. 
https://drive.google.com/file/d/1iE5rBZeK3IX6Gf6Q73K9nCFgXeldqCTc/view?usp=sharing
Maria Grazia Guglielmi, Yasser Mazili e Giulia Aroldi (4AS)

E) GIORGIO PERLASCA 
Giorgio Perlasca, militante nella guerra civile spagnola prima, commerciante italiano a Budapest poi, si finge console spagnolo nel 1944 e salva più di cinquemila ebrei ungheresi. 
https://anchor.fm/rachele-marino/episodes/Pillole-di-memoria-e1fe5oa 
Rachele Marino, Kevin Osagie, kamila Cardoso (4CS)

F) LYDIA GELMI CATTANEO
Lydia Gelmi, in Cattaneo, è una bergamasca atipica: amica d'infanzia di Papa Roncalli, decide di salvare numerose famiglie ebree dalle violenze naziste e di portarle in Svizzera. Similmente, anche nella nostra Mantova, la sig.ra Lucia, nonna di Adriano, compie un gesto di semplice disobbedienza.
https://anchor.fm/jasmeen-kaur31 
Letizia Genovesi, Jasmeen Kaur, Adriano Manfredini (4CS)

G) FRANCESCO TIRELLI 
Emiliano di nascita, Francesco Tirelli lascia l’Italia per aprire la sua gelateria a Budapest; qui, salva molte vite e la sua bottega diventa un luogo sicuro per molti ebrei. 
https://anchor.fm/giacomo-marchi/episodes/Pillole-della-memoria-e1fmfb8 
Federica Zannini, Asia Zanolo, Giacomo Marchi (4CS)

H) CARLO ANGELA 
Carlo Angela, padre di Piero e nonno di Alberto Angela, da medico piemontese presso una casa di cura, decide di falsificare esami e cartelle di molti ebrei e antifascisti per salvare loro la vita.  
https://anchor.fm/nicole-guglielmi/episodes/Pillole-di-memoria-Ivan--Gaia-e-Nicole-e1flm5p 
Nicole Guglielmi, Gaia Bustaffa, Ivan Draghi (4CS) 

I) GINO BARTALI
Noto campione di ciclismo, Gino Bartali, dopo l’occupazione tedesca, nel 1943, nascose nella canna della sua bicicletta documenti da falsificare, portandoli da Firenze ad Assisi. Grazie al suo coraggio salvò circa 800 ebrei. 
https://anchor.fm/luca-rezzaghi/episodes/Pillole-di-memoria-e1fn589 
Isabella Simone, Vittoria Riccò, Luca Rezzaghi (4CS) 

L) ANTONIO LORENZINI
Antonio Lorenzini fu un semplice impiegato dell’ufficio anagrafe che riuscì a salvare moltissime persone, tra cui Vittore Colorni e i suo familiari,  creando documenti falsi.  
https://drive.google.com/file/d/1kkwZWgNXVeu3mRpZNqCRJ0ga49Qkmb2k/view?usp=sharing
Aimad Darqoch, Said Sikder, Nicole Tassini (4AS)

M) GIUSEPPE NOCE
Giuseppe Noce è il bisnonno di una studentessa di 4AS: durante la guerra, aiutò una famiglia di vicini nascondendoli nella propria casa. 
https://drive.google.com/file/d/1F1ukqfu0w0chIC_1CmqQzYWtzIUvyZOV/view?usp=sharing
Chechelani Gaia, Angela Savi, Gurijnder Kaur e Arathy Kumar (4AS)