Notizie


Nella giornata di martedì 27 Febbraio si è tenuta la terza assemblea d’istituto sul tema della violenza di genere. La mattinata è iniziata con la visione, presso il teatro Ariston, del film “Mia” che ha colpito particolarmente gli alunni e le alunne e ha introdotto magistralmente al tema. Successivamente sono stati proposti gli interventi degli esperti Lorenzo Pedroni e Rebecca Mainardi, psicologi che operano presso il CPIM di Mantova che hanno affrontato il tema del trattamento terapeutico degli uomini maltrattanti, dell’avvocata Beatrice Biancardi penalista e volontaria del Cav e presidente del CPO dell’ordine degli avvocati di mantova che ha trattato il tema della violenza di genere dal punto di vista normativo e legislativo. Infine Giacomo Mambriani quale membro dell’associazione Maschile Plurale ha parlato del percorso di trasformazione e sensibilizzazione del ruolo del maschile nella cultura attuale. I diversi interventi sono stati intervallati da alcuni monologhi sul tema interpretati magistralmente dall’attrice dell'Accademia teatrale F. Campogalliani di Mantova Roberta Vesentini. 

Prof. Barbi Sebastiano e Commissione Supporto agli studenti



 
Si è conclusa oggi la visita guidata alla Casa del Mantegna delle classi 1AA, 1AE, 1BE, 1BS, 2AE, 2BE e 2CE alla mostra “Disegna ciò che vedi. Helga Weissova: da Terezin i disegni di una bambina”. L'allestimento, curato dall'Istituto di Storia contemporanea, presenta i disegni della pittrice Helga Weissova, ancora vivente, realizzati nel ghetto di Terezin, dove anche i più piccoli (nel 1941 l'artista aveva 12 anni) sono deportati e travolti dalla repressione nazis
ta antisemita. A Terezin, grazie all'autogestione ebraica, alcune caserme vengono destinate ai bambini anche se sperimentano quotidianamente l'odio, la violenza e la morte. Grazie alle guide delle prof.sse Giorgia Giusti e Gloria Lasagna, gli studenti ne hanno avuto concreta consapevolezza e hanno visto attraverso i disegni come si svolgevano le lezioni nel ghetto: matematica, musica, teatro, arte si alternavano nelle ore della giornata per contrastare quel clima di angoscia e terrore, anche se poi, davanti all'opinione pubbl
ica mondiale, i nazisti si servivano di quella vivacità culturale a scopi propagandistici. Dei 15.000 bambini passati dal Ghetto di Terezin solo poche centinaia sono sopravvissuti: grazie a Helga We
issova e alla sua arte, nota in tutto il mondo, i disegni testimoniano non solo l'orrore e le sofferenza della deportazione e della guerra, ma ci ricordano che i sogni, la musica e la cultura danno la forza per sopravvivere e per cambiare il nostro destino. 
 
Prof.ssa Roberta Di Monaco





Oggi, nell’ambito del progetto Orientamento, la classe 4 AM ha avuto il piacere di accogliere una Designer di successo: la Sig,ra Debora Ziggiotto.
L’incontro si è dimostrato da subito molto coinvolgente grazie al rapporto, praticamente peer to peer, con l’esperta. Si è generato un clima “smart” in cui i ragazzi hanno potuto descrivere, sentendosi a proprio agio, le loro emozioni riguardanti il futuro.
La Designer che, seppur giovanissima, vanta già un blasonato curriculum lavorativo in aziende moda prestigiose, ha calamitato l’interesse della platea con una presentazione sul percorso di studi fatto, la stesura del suo cv ma sopratutto su come stendere il portfolio, quel fashion book che rappresenta un vero biglietto da visita per immettersi nel mondo del lavoro. Non sono mancate pillole informative, che spesso sono di reale interesse per gli studenti, tipo come muoversi nei primi tempi nella città in cui si sceglie il corso di studi, come porsi nei confronti dei nuovi docenti, quali competenze pratiche sviluppare prima di intraprendere una Fashion School, cosa fare nei momenti di crisi scolastica e lavorativa…
L’intervento, dedicato all’Orientamento, si è concluso con la presentazione fotografica bi e tri-dimensionale degli innumerevoli gioielli-moda stilistici, eseguiti in prima persona dalla Sig,ra Debora Ziggiotto.

Orientamento 4 AM

Prof.ssa Alessandra Morelli


Il territorio e il calo demografico, la famiglia come entità etica e non solo come fenomeno sociale sono stati i temi trattati dal Dr. Lodi  Rizzini  e dal prof. Savignano i quali hanno strutturato un breve ma significativo percorso in ambito bioetico. Il dr. Lodi Rizzini ha esposto un interessante excursus afferente alle variazioni e alle cause intervenute nella situazione demografica del territorio mantovano nel corso degli ultimi 70 anni. Il prof Savignano invece, ha intrattenuto i ragazzi sul dissolvimento della famiglia e sulle problematiche ad esso connesse: dal calo della natalità  alla “ sindrome del ritardo”, dalle principali tematiche giovanili al necessario adeguamento con gli altri paesi UE. L'elevato spessore dei relatori come il professor Savignano, docente di Filosofia morale nonché Direttore del Dipartimento della Formazione e dell'Educazione presso l'Università degli Studi di Trieste, ha catturato l'attenzione e l'interesse dei ragazzi e dei docenti presenti.

Classe 5AS

Prof.ssa Anna Tosetti

Questa mattina, le classi 5AA, 5BS, 5AR, 5BR e 5CR, assieme alle classi di altre scuole superiori mantovane, hanno assistito ad uno spettacolo della compagnia teatrale "Il Carro di Trespi". La compagnia milanese, molto attiva nell'ambito delle rappresentazioni dedicate agli studenti, ha portato al Teatro Ariston di Mantova "La Patente" di Luigi Pirandello. L'atmosfera sommessa e tetra dell'allestimento, ha creato un'aura di mistero attorno agli enigmatici personaggi dell'omonima novella, tenendo col fiato sospeso gli spettatori fino alla fine. Anche se la recitazione lenta e un po' troppo prosastica e qualche discutibile effetto scenico, non hanno convinto tutti, l'opera ha comunque introdotto all'esplorazione delle maschere sociali, tipica strategia narrativa dello scrittore siciliano: uno spunto per una riflessione profonda sulla natura umana. Il Teatro Ariston rimane comunque un ottimo palcoscenico per la performance in questione, con la sua atmosfera intima e accogliente.

Francesca Gola e Francesca Luppi, Classe 5BS

Oggi la nostra Emily Meneghinello (1BS) ha partecipato alla gara regionale di corsa campestre a San Vittore Olona, in provincia di Milano, ben distinguendosi tra le 94 ragazze partecipanti, in una gara resa difficile da freddo e pioggia. Grazie Emily e tantissimi complimenti !

Prof.ssa Elena Martini

Proseguono gli appuntamenti con APINDUSTRIA finalizzati all’orientamento. Mercoledì 21 febbraio, il dott. Giacomo Cecchin e la dott.ssa Marina Storti sono ritornarti per dialogare con la 4AR e la 4BR sul tema della comunicazione, successivamente, hanno affiancato il Direttore di APINDUSTRIA, dott. Giovanni Acerbi, per un incontro con le classi 5AR, 5BR e 5CR sul tema della dirigenza imprenditoriale. Cos’è un’associazione di imprese? Quante sono le aziende presenti a Mantova e provincia? Cosa significa azienda import-export? Queste le domande con le quali il dott. Acerbi, con grande naturalezza e competenza, ha catturato l’attenzione del pubblico, raccontandosi nel suo ruolo di Direttore di associazione di categoria. La scuola è un’azienda? Se sì, chi è il titolare? Chi sono invece i lavoratori? Con questi successivi interrogativi, il dott. Cecchin si è inserito con efficacia comunicativa e ironia riflettendo sugli atteggiamenti positivi che accomunano il lavoratore allo studente: serietà e impegno. Nell’arco dell’intero incontro, studenti e studentesse sono stati più volte coinvolti attivamente, partendo dal recente tirocinio PCTO, nonché dalle prime esperienze di lavoro già vissute da alcuni. Per questo, si è parlato di Curriculum Vitae e colloquio di lavoro, d
al punto di vista di quanto le aziende si aspettano, e sono state indicate alcune tecniche utili al riguardo, senza mai dimenticare quanto l’autenticità sia fondamentale per dare la versione migliore di sé. Quali contratti di lavoro e quali aziende del territorio conosco? Infine, cosa farò dopo il diploma? Università o lavoro? Anche di fronte a questi interrogativi, molti dubbi e informazioni sono emersi, in un colloquio fluido e stimolante, guidato da chi ormai conosce in ogni sfumatura le dinamiche aziendali, così come quelle relative all’accoglienza di giovani tirocinanti che, interfacciandosi con la realtà del lavoro, stanno costruendo il loro futuro.  

Prof.ssa Valeria Vecchi



A spasso tra le vie del capoluogo emiliano, alla scoperta di luoghi che hanno fatto la storia. 
Nella giornata del 20 Febbraio 2024, le classi 3AR e 3BR si sono immerse nelle vie dello splendido capoluogo emiliano, tra i monumenti e i luoghi che ancora oggi rendono Bologna una delle città più apprezzate e visitate. Bologna “ombelico di tutto” per citare Francesco Guccini. Nella mattinata, i due gruppi accompagnati dai docenti Murano, Polcini e Masiello e guidati da due esperte hanno visitato il canale delle Moline, la famosa “Finestrella” e il centro storico della città, in particolare: Piazza Maggiore, Basilica di San Petronio, al cui interno è presente la famosa Meridiana più lunga al mondo (circa 67 metri), le famose Torri degli Asinelli e Garisenda, la statua di Nettuno ed il Ghetto ebraico. Molto apprezzato il palazzo che ha ospitato l’Archiginnasio, fondato nel 1088 e prima università d’Europa. Altro momento importante della giornata è stato quello della visita al Museo della Musica, ubicato all’interno del prestigioso Palazzo Sanguinetti. Il museo raccoglie la collezione privata di Giovanni Battista Mirtini, una delle personalità più illustri del Settecento musicale, a livello europeo. I ragazzi hanno concluso la giornata visitando, assieme ai loro insegnanti, i portici della città, realizzati, nel Medioevo, con lo scopo di estendere le dimensioni dei palazzi preesistenti e permettere il passaggio di persone e carri. Un’altra straordinaria occasione per vivere insieme un’esperienza culturale e umana da ricordare.

Prof. Vittorio Masiello
Nell'ambito del progetto Biblioteca scolastica, durante il I quadrimestre, le classi 1AA, 1AS/AM, 1AE, 1BE hanno letto il libro "Ero un bullo: la vera storia di Daniel Zaccaro" dell'autore Andrea Franzoso. Di seguito, con le rispettive docenti di lettere, Di Monaco, Masotto, Caniglia, Gattinoni, i ragazzi si sono confrontati in classe su alcune tematiche emerse dalla lettura: il rapporto con un padre, la genitorialità, la gestione dei sentimenti (l'amore, la rabbia, la trasgressione, l'insicurezza del sentirsi diversi dagli altri), il marchio tra gli adolescenti, il bullismo, l'insegnante dei sogni. Ieri, 20 febbraio, al termine delle attività, le classi hanno avuto l'opportunità di interagire direttamente con lo scrittore: durante l'incontro avvenuto on line, in un'ora e mezza, Andrea Franzoso ha risposto a molte curiosità e domande degli studenti e ciò ha permesso di esplorare ulteriormente le tematiche del libro, sottolineando uno dei poteri che la letteratura ha, ovvero creare ponti, suscitare empatia e parlare a tutte le generazioni. Dal perché lo scrittore avesse scelto proprio la storia di Daniel alla riflessione sulla virilità-non virilità maschile causata dall'analfabetismo emotivo attuale, l'incontro ha toccato davvero tanti argomenti. Ciò che rimane, oltre alle riflessioni e all'energia trasmessa, sono le parole dell'autore stesso: ognuno nasce solo se sognato, la felicità da soli è una pasticca perché l'uomo per vivere ha bisogno di una comunità e non si può essere felici da soli. I confini del nostro linguaggio sono i confini del nostro mondo e senza le parole ciò che rimane è solo la violenza. Ricordiamoci che siamo umani, non perfetti!
Con la foga e la passione che lo animano, a conclusione dell'incontro, Franzoso ha sottolineato la missione che deve seguire lo scrittore: show dont't tell. A tutte le ragazze e ragazzi che hanno questo talento consiglia di trovare un proprio stile, di tirar fuori estro e creatività, e perché no, magari di iniziare un corso di scrittura creativa. 
La storia di Daniel, con la sua traiettoria di caduta e riscatto, ha lasciato un segno indelebile nei cuori degli studenti, dimostrando che il percorso verso la redenzione è sempre possibile, anche nelle circostanze più avverse.

Grazie Daniel, grazie Andrea, grazie ragazzi/e! 
Prof.ssa R. Di Monaco
 



L’utilizzo dei video nella didattica: attività realizzata nel progetto “La storia del confine orientale” 
In un periodo nel quale i principali canali di comunicazione tra i giovani sono rappresentati dai social media, i video sono, senza alcun dubbio, lo strumento di elezione in quanto consentono di esprimere messaggi caratterizzati da una più efficace e immediata valenza comunicativa. A conclusione del progetto “La storia del confine orientale, gli studenti di 2AE e di 2CE hanno realizzato due brevi video di  classe per sintetizzare ciò che hanno appreso attraverso un’attività laboratoriale realizzata con un lavoro cooperativo partendo da fonti come articoli di giornali (L’Arena di Pola) e brevi video (da Youtube) del periodo storico analizzato.  La proposta didattica ha  permesso a ciascuno studente di partecipare al lavoro in gruppo seguendo le proprie competenze e i propri interessi e di attivare, all’occorrenza, processi di peer tutoring. L’elaborazione di un prodotto audiovisivo ha favorito l’apprendimento di conoscenze  e lo sviluppo di competenze trasversali oltre che una valenza anche dal punto di vista dell’inclusività, se si pensa alle competenze sociali, relazionali e di collaborazione insite nella metodologia proposta.

Prof.ssa Tiziana Piva

VIDEO 2AE

VIDEO 2CE

PODCASTDisponibile sul sito della scuola, alla sezione PODCAST, l'uscita n.3 dedicata alla scoperta delle città medievali. I mini podcast (dai 3 ai 9 minuti) nascono dall'approfondimento proposto e studiato nella classe 3BS, sulla struttura e la vita in una tipica città medievale: da Mantova, il nostro viaggio ci ha portati fino in Umbria, alla scoperta di Assisi, passando per Urbino, Bologna, la vicina Verona, le toscane Lucca, Siena, Arezzo e Firenze, culla del Rinascimento e della letteratura italiana. 

Classe 3BS, prof.ssa R. Di Monaco
Durante il recente viaggio a Firenze, la classe 4AM ha avuto l'opportunità di esplorare la ricca storia e l'arte della città. Sotto la guida dei professori Luca Flagiello e Lucio Cordovana, gli studenti hanno vissuto un'esperienza culturale unica.  
La giornata è iniziata con la visita al Museo Ferragamo, dove gli studenti hanno potuto immergersi nell'arte e nell'artigianato della moda italiana. Successivamente, la classe si è diretta alla Galleria Gucci, dove hanno avuto modo di apprezzare il prestigio e l'eleganza del marchio.  
Dopo la visita ai musei, gli studenti hanno passeggiato per il centro storico di Firenze, ammirando edifici iconici come il Palazzo Vecchio e la Piazza della Signoria. Il suggestivo Ponte Vecchio ha incantato gli allievi con la sua architettura e la sua storia millenaria.   
La giornata è proseguita passeggiando tra le vie del centro storico ammirando le particolari facciate rinascimentali della Basilica di Santa Trinità, della maestosa Cattedrale di Santa Maria del Fiore e della  Basilica di Santa Maria Novella.  
Questa esperienza ha arricchito non solo le conoscenze del design e della moda italiana ma ha anche aperto le loro menti alla bellezza e alla storia di Firenze.


Continuano a ritmo sostenuto gli eventi che il gruppo di tutor per l'orientamento ha predisposto per gli studenti del triennio del nostro istituto. Lunedì 19 febbraio gli studenti delle classi quinte hanno incontrato nuovamente i Maestri del lavoro che, a completamento dell'incontro sul colloquio simulato avvenuto lo scorso 5 febbraio, hanno dato indicazioni su come si scrive una lettera di presentazione e come si compila un curriculum. Con il loro consueto stile ironico e professionale, Sandro Bonetti e Claudio Bertoni hanno spiegato cosa è una lettera di presentazione e come si scrive, come si compila un curriculum, quali sono i termini da evitare e come presentarsi al meglio per indurre nel selezionatore la curiosità di incontrare il candidato; sono stati presentati e analizzati i diversi modelli di curriculum reperibili in rete ed è stato illustrato il quadro delle qualifiche. Alla base di un curriculum efficace, apprendiamo dai Maestri, c'è un'attenta e profonda analisi di se stessi, delle proprie aspirazioni, dei punti di forza ma anche dei punti di debolezza ed è in questa direzione che si volge il percorso di orientamento che mira a rendere gli studenti consapevoli delle proprie scelte. Dopo la trattazione dei temi oggetto dell'incontro, Claudio Bertoni ha spiegato come sia cambiato il mondo del lavoro nel tempo e ha dato qualche suggerimento per affrontare al meglio le prime esperienze. Nell'ultima parte, è stato dato spazio alle testimonianze di alcuni studenti che hanno già avuto modo di presentare un curriculum.

Prof.ssa Laura Caniglia


Presso il nostro istituto "Itet Mantegna" le classi 3AA, 3AS/ 3AM e 3BS, nell'ambito del percorso di Orientamento, hanno partecipato all'incontro "Evoluzione digitale" organizzato da "Federmanager & federazione maestri del lavoro" e tenuto dall'informatico O. Caramaschi. 
Si è parlato di tematiche molto attuali come intelligenza artificiale, Big Data, Social media, Machine learning, riflettendo sul passaggio sempre più "incalzante" che sta avvenendo da una tecnologia automatica ad una autonoma. L'aspetto, però, su cui è stato posto l'accento è stato quello etico: ci si è chiesti infatti quali possibili conseguenze avremo in futuro se il mondo digitale si insinuerà sempre più nelle vite di tutti i giorni e quanto l'aspetto emotivo ed empatico potrà ancora giocare un ruolo di primo piano. 
Tanti stimoli sono stati forniti, ma tra tutti è emersa la necessità di un uso maggiormente consapevole di strumenti così potenti che oggi possediamo, strumenti che consentono al progresso di andare avanti, ma che devono essere conosciuti e padroneggiati sotto ogni punto di vista, avendo maggiore cognizione di tutto ciò che essi celano.
Prof.sse Serena R. Citriniti e Alessandra Morelli



Era da un po' che non si vedevano i quotidiani sui banchi di scuola. Averli in classe per le attività connesse al progetto didattico Dialogica, non solo ha permesso di riappropriarsi di gesti non più consueti, come sfogliare un quotidiano cartaceo, ma ha consentito di ritagliarsi letteralmente lo spazio relazionale per "dialogare" sopra alle notizie.
Grazie alla generosità del maestro Storti, fautore sui canali social dell’informazione sagace ma sempre deontologicamente corretta ("pareridistorti"), gli studenti della 2BS hanno lavorato alla stesura del commento su una notizia da loro scelta.
Nella fase successiva si procederà a registrare i podcast audio a corredo dei post nel blog che raccoglie le attività redazionali di Dialogica, giunto quest'anno alla quinta edizione.

Prof. Simone Grassetto





L’agenzia per il lavoro Mestieri Lombardia ha illustrato alle classi 4AA, 4AR e 4BR la sua attività, nell’ambito del percorso di Orientamento, presso l’ITET “A. Mantegna” il giorno 15 febbraio. Nella prima parte dell’incontro, le dott.sse Daria Riberti e Marzia Marchioro, attive nella sede di Mantova, hanno illustrato con empatia e autenticità l’identità non profit dell’agenzia per il lavoro Mestieri Lombardia, che dal 2023 opera in relazione al consorzio di cooperative sociali Sol.Co, presente a Mantova dal 1991. Lavorando sinergicamente nel territorio, le due realtà si occupano dell’inserimento dei lavoratori più svantaggiati, e per questo Mestieri Lombardia si differenzia dalle altre agenzie interinali. La cooperativa sociale, che per sua natura si prende cura delle persone più fragili, costituisce, pertanto, il principale cliente dell’agenzia per il lavoro non profit. Tra i molti prodotti di Mestieri Lombardia, emerge Dote GOL, che aiuta i giovani a recuperare talenti e attitudini, soprattutto nel tempo presente post pandemico. La seconda parte dell’incontro è stata più attiva: si sono creati quattro gruppi, ciascuno dei quali ha elencato le azioni ritenute necessarie per trovare un lavoro. Nella fase del debriefing, da tutti i gruppi è emerso il passaparola come primo canale, e le formatrici hanno confermato come questa sia effettivamente la forma vincente nel nostro territorio. Contestualmente, si è parlato di mercato del lavoro, canali di ricerca di un’occupazione, forme di contratto, e sono stati forniti alcuni dati statistici a livello nazionale e provinciale sui tassi di disoccupazione e occupazione. L’incontro ha dato la possibilità di dialogare con professioniste molto competenti e disponibili sull’idea del futuro professionale che, pur sembrando oggi lontano o sconosciuto per molti giovani, richiede, oltre al titolo di studio, lo sviluppo di competenze trasversali da cui emerga l’unicità di ogni persona. 

Prof.ssa Valeria Vecchi





 

Lo scorso  10 febbraio 2024, presso l’istituto ITET “Andrea Mantegna”, si è svolto l’incontro con la polizia stradale, che ha coinvolto le classi 2AA, 2AS e 2BS. Sono intervenuti gli assistenti capo coordinatori Cugini Andrea, Roni Andrea accompagnati dal vice ispettore Boeri Marco.  L’ispettore Cugini ha mostrato alcuni video riguardanti  gli incidenti stradali spesso causati da superficialità e mancanza di conoscenza delle regole da seguire in strada. Sono stati affrontati diversi argomenti come: il comportamento che si deve assumere in strada, osservando cosa può accadere in un solo attimo di distrazione, le gravissime conseguenze della superficialità e della disattenzione. L’incontro ha suscitato vivo interesse in noi ragazzi; abbiamo partecipato ad un progetto molto importante che ci ha  aiutato a crescere come cittadini responsabili permettendoci di capire l’importanza della prevenzione. L’illustrazione delle regole da seguire correlate dai video che le giustificano non è scontato:  usare le cinture di sicurezza , evitare l’impiego di dispositivi elettronici quando si è alla guida (cellulari etc..), non farsi distrarre dalla musica o da quanto ci circonda, attraversare sempre la strada sulle strisce pedonali, insomma conoscere la strada e i pericoli connessi. 

Il 10 febbraio 2024 si commemora il Giorno del Ricordo: quest’anno cade il ventennale dalla sua istituzione.
La giornata è stata istituita per conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli Italiani e di tutte le
vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e
della più complessa vicenda del confine orientale”.
Le classi 2AE e 2CE, accompagnate dalle docenti Maffioli P., Restani D. e Piva T., hanno partecipato alla
celebrazione di questa giornata organizzata presso il Conservatorio Campiani da Comune, Prefettura e
provincia di Mantova.
Dopo l’apertura con gli interventi del prefetto Iorio, del presidente del consiglio comunale Allegretti e del
presidente della Provincia Bottani, l’incontro è proseguito con un momento musicale a cura degli studenti
del Conservatorio, e le letture proposte di alcuni studenti del nostro Istituto, che hanno riportato brani che
ricordano la strage di Vergarolla, a cura di Anna Maria Crasti, esule di Orsera vivente oggi a Milano e una
testimonianza di Marina Smaila, esule al campo profughi di Mantova presso la Caserma IV Missili ed oggi
vivente a Verona.
La giornata è proseguita con la relazione della prof.ssa G. Caccamo docente dell’Università di Trieste sul
tema “Il dramma dell’esodo al confine orientale” e con gli interventi di L. Blasevich, che ha riportato le
vicende di quel periodo vissute direttamente dal padre, esule allora ragazzino, e dagli altri familiari, e la testimonianza a voce, in diretta via cellulare, di Giovanni Badalucco, 96 anni, anche lui esule.
”Lo spirito di questa giornata è ricord
are l’orrore di un passato che non è così tanto lontano dai nostri
giorni – ha dichiarato il Prefetto di Mantova– riflettere tutti insieme, istituzioni, scuole, giovani, aiuta a 
capire quello che è successo e a comprendere meglio anche quello che siamo oggi, ci aiuta a comprendere i
valori a cui si ispira la nostra Costituzione che è anche una risposta a quel tipo di comportamenti autoritari
che negano il riconoscimento degli altri e si basano sulla violenza e sulla sopraffazione”.

https://www.facebook.com/share/p/w2aHcp8sfRejTYcX/






CHIMICA VERDE E SOSTENIBILE: UNIMORE PRESENTA IL NUOVO CORSO DI LAUREA

La proposta orientativa predisposta dai  docenti tutor delle classi quinte del Tecnologico ha previsto nei giorni scorsi la presenza di UNIMORE che, con la partecipazione dei proff. Raimondi e Bortolotti, ha illustrato ai ragazzi delle classi 5 AA/AS/BS il nuovo corso di laurea denominato “ Chimica verde e sostenibile”. Muovendo da una breve illustrazione del passaggio da economia lineare ad economia circolare, avvalendosi della puntuale segnalazione delle urgenze/ necessità  del mercato del lavoro volta alla ricerca di professionisti green, il prof. Raimondi ha offerto un quadro estremamente interessante della recentissima proposta di UNIMORE.  Una recente indagine, infatti, ha registrato che il 35% delle assunzioni afferiscono proprio operatori di questo settore: assai sostenuta è  la domanda di un “chimico verde”  che non inquina ma risolve, che opera passando dalla via sintetica al processo industriale, che interagisce col tessuto sociale per intercettarne le reali necessità a fronte delle conclamate urgenze operative. Il prof. Raimondi e il prof. Bortolotti  hanno infine  presentato il nuovissimo piano di studi che vedrà  la luce proprio a decorrere dal prossimo anno accademico e che ha suscitato vasta curiosità e vivo interesse presso gli alunni presenti. 

Prof. Anna Tosetti

È iniziato il ciclo di quattro eventi sull’imprenditoria, dedicato alle classi quarte e quinte del settore economico, che prevede l’incontro con diverse figure professionali dell’associazione APINDUSTRIA di Mantova. Le classi 5AR, 5BR, 5CR hanno dialogato con il dott. Giacomo Cecchin e con la dott.ssa Marina Storti, entrambi attivi presso l’Ufficio comunicazione. Di comunicazione, organizzazione di eventi, rapporti con i media del territorio, oltre che di formazione continua, si è appunto parlato, allo scopo di conoscere le attività di un’associazione di categoria, la quale vuole avvicinarsi alla scuola, perché solo così è possibile accorciare la distanza tra la realtà del lavoro e quella degli studenti. Con grande competenza, ironia e simpatia, partendo dalla sua poliedrica esperienza di giornalista, storico e guida turistica, il dott. Cecchin ha sottolineato come la buona comunicazione all’interno di un’azienda sia la chiave fondamentale per il successo di questa. Con la freschezza e la passione di chi ha appena iniziato una carriera, la dott.ssa Storti, invece, ha sottolineato l’importanza della scuola come luogo in cui integrare studio ed esperienze di vita, al fine di stimolare lo spirito critico della persona. Nella prima ora dell’incontro, gli studenti hanno ricevuto “istruzioni” su come diventare efficaci organizzatori, successivamente, una parte del gruppo si è messa in gioco allo scopo di simulare l’organizzazione di un evento, ovvero la cena di fine anno tra studenti e professori. Infine, il gruppo che ha simulato l’organizzazione ha relazionato il planning al resto del pubblico, per una finale valutazione dei punti di forza e delle criticità. L’incontro, che sarà replicato a breve per le due classi quarte dello stesso settore, si è, quindi, piacevolmente concluso con alcune riflessioni che hanno trovato d’accordo i due esperti presenti, studenti e docenti: se scuola e lavoro si incontrano in questa cornice è per crescere insieme, in vista di un futuro che generi ricchezza autentica. 
Prof.ssa Valeria Vecchi





LE PAROLE DEI GIORNALI, COME SI SCRIVE PER INFORMARE
La scelta delle parole giuste sta diventando sempre più di centrale importanza sia nella sfera privata, sia nel mondo lavorativo.

Questo il tema dell’incontro coordinato dal dott. Binacchi Fabrizio, giornalista  Capo Redattore Centrale presso Rai Vaticano a Roma, già in Rai direttore Sede Emilia-Romagna, Rai Friuli-Venezia Giulia e di Trento, già capo delle Redazioni Regionali di  Lazio, e Lombardia”. Binacchi ha piacevolmente intrattenuto gli studenti delle classi 3AR e 3BR, evidenziando come le parole sono una parte fondamentale della comunicazione, se non la più importante. Ci permettono di interagire con le altre persone, di comunicare le nostre necessità o semplicemente di raccontare e raccontarci. Dopo una breve storia della nascita della radio, della televisione e dei vari programmi televisivi, i ragazzi sono stati condotti a scoprire i segreti della televisione dentro il suono, dietro le immagini, gli stili di conduzione, i canoni del sommario e a conoscere i vari profili e ruoli editoriali. Infine, attraverso esempi di luoghi comuni, stereotipi, frasi fatte che dilagano sui giornali e in TV, il giornalista ha dimostrato come spesso viene snaturato il significato delle parole e ha sottolineato quanto sia importante combattere questa invasione di espressioni inflazionate e riscoprire quanto sia potente la PAROLA GIUSTA AL POSTO GIUSTOSpesso ci innamoriamo più di una parola che del suo significato con i drammi che ne possono conseguire, non solo semiotici e semantici, parlar chiaro, quindi, è pensare pulito.

Prof.ssa Tiziana Piva



 


La giornata a Bologna, oggi 6 febbraio, per i ragazzi della 3AA, 3BS, 3AS é iniziata con un tour guidato alla scoperta del centro storico con guide esperte. In particolare si è potuto ammirare il canale delle Moline e la sua pittorica “Finestrella”, la Fontana di Nettuno, Piazza Maggiore e la Basilica di San Petronio, il quartiere ebraico,  le famosi torri e, per finire, il nucleo storico dell’Università e la Sala Borsa.
Dopo la sosta culinaria  nei luoghi tipici della zona,  il gruppo, accompagnato dai proff. Alessandro, Martino, Morelli e Pierri, ha visitato l’affascinante Museo internazionale della musica a Palazzo Sanguinetti. La giornata si è allegramente  conclusa passeggiando sotto i famosi portici bolognesi.

Il 6 febbraio, si celebra la Giornata Mondiale per la Sicurezza in Rete, il Safer Internet Day 2024. Una ricorrenza istituita e promossa dall’Unione Europea per riflettere sull’uso consapevole degli strumenti digitali e sul ruolo attivo che hanno i giovani nell’utilizzo della rete. Un'occasione importante per considerare un rafforzamento delle misure di protezione per i pre-adolescenti e potenziare l’educazione a un uso consapevole e sicuro della rete. In questa occasione le AMBASCIATRICI DEL CYBERBULLISMO del nostro Istituto colgono  l’opporturnità per ricordare l'importanza dell’uso consapevole e sicuro della rete e di promuovere un'educazione sull’utilizzo degli strumenti digitali, che passi attraverso il coinvolgimento di istituzioni e figure adulte di riferimento. Nel farlo, ne approfittano per sottolineare che E’ IMPORTANTE CONOSCERE  per navigare sicuri in rete E SAPERE COSA SI PUO’ FARE QUANTO SI E’ VITTIMNA DI CYBERBULLISMO. 

Video realizzato per la Giornata Mondiale per la Sicurezza in Rete
https://www.youtube.com/watch?v=Uqc7mbkXNTM

Studenti: BRANCHER MATILDE, NDOYE MAME COUMBA, FERRARESI INES, IFEKA DANIELA  CREMONESI NOEMI, ORLANDI MIRIAM, GIANFREDA GLORIA, LESHI ALEKSANDRA, HABBI AHLAM

Nella settimana delle  celebrazioni del 27 gennaio, le ragazze e di ragazzi della 2 AS del nostro Istituto hanno effettuato un breve tour alla scoperta del quartiere ebraico di Mantova. Guidate dalle professoresse Tosetti e  Turnaturi nella ricerca di quanto resta nella nostra città della presenza di una delle più importanti comunità ebraiche del territorio nazionale, i ragazzi si sono addentrati nella storia per riscoprire questi luoghi e farne narrazione. Partendo dall'antico cimitero ebraico ubicato presso San Nicolò al Gradaro, i ragazzi si sono poi soffermati dinnanzi ai principali angoli e monumenti, che sono stati oggetto di un’interessante flipped classroom, mediante la quale gli alunni hanno relazionato sulla storia e la struttura di questi. Il percorso si è concluso dinnanzi alle” Pietre di inciampo” posate in via Principe Amedeo a memoria dei componenti della famiglia Levi, deportati nei campi di sterminio. Scopo di questa iniziativa formativa è ”fare memoria” , per combattere “l'indifferenza” cioè come ha asserito Liliana Segre “l'apatia morale di chi si volta dall'altra parte”. 

prof.ssa Anna Tosetti




Come ci si presenta ad un colloquio di lavoro? C'è un modo corretto di star seduti, di rispondere alle domande? Che tipo di domande aspettarsi? A questi e ad altri interrogativi hanno risposto il 5 febbraio i Maestri del Lavoro di Federmanager Sandro Bonetti, Claudio Bertoni e Rodolfo Bellintani. Nel corso della mattina i tre relatori hanno incontrato gli alunni delle classi quinte e hanno dato loro una serie di informazioni utili per giovani che sono sul punto di affacciarsi al mondo del lavoro e che presto dovranno affrontare ansie, dubbi e paure dei loro primi colloqui. Con professionalità e anche una certa dose di ironia, i Maestri del Lavoro hanno parlato ai maturandi di comunicazione, di linguaggio verbale e paraverbale, proseguendo poi con tutta una serie di consigli pratici e utili su cosa aspettarsi da un colloquio, qual è il modo corretto e quello sbagliato di rispondere alle domande, quali possono essere i possibili interlocutori che ci si trova davanti. Rodolfo Bellintani ha anche raccontato di due esperienze personali, una positiva e una negativa, puntando in questo modo l'attenzione anche sull'aspetto emotivo che riguarda i due possibili esiti. C'è stata anche una parte pratica in cui, grazie alla collaborazione di alunni volontari, attraverso il role playing è stato inscenato un colloquio per mettere in pratica quanto spiegato precedentemente. L'incontro sul colloquio simulato, che fa parte del percorso di orientamento programmato dai tutor del nostro istituto, verrà replicato anche per gli alunni delle classi quarte.

Prof.ssa Laura Caniglia


Orientare attraverso le parole: una sfida importante che si è collocata all’interno di un percorso orientativo molto ricco ma che, questa volta afferiva  ad un LABORATORIO MOTIVAZIONALE proposto ai ragazzi della classe 5BS nell’ambito del piano dell’orientamento.  Lo scopo prefissato era quello di intercettare il bisogno orientativo dei ragazzi, obiettivo non  sempre facile da raggiungere  poiché spesso i ragazzi non si conoscono, non sanno riconoscere i propri talenti e non sanno come iberare le proprie aspirazioni e tradurle in motivazioni.
L’utilizzo di queste particolari tecniche espressive ha reso possibile un autoanalisi  che è emersa collegando fra loro parole - apparentemente prive di reciproco nesso -  ma che alla fine si sono trasformate in moti emozionali e riflessioni personali che i ragazzi hanno poi condiviso fra loro. Guidati dalla prof. Sabrina Micello ed utilizzando tecniche di caviardage ed  esercizi di libero componimento, i ragazzi hanno dato voce al “sentire del momento”, creando piccoli ma significativi componimenti poi condivisi attraverso la lettura degli stessi.




Dalle testimonianze indirette che abbiamo avuto l'opportunità di ascoltare in particolare ci ha colpito la storia della giovane Norma Cossetto, studentessa universitaria che, dopo essere stata catturata, torturata, violentata dai partigiani jugoslavi, venne gettata nelle foibe nella notte tra il 4 e il 5 ottobre 1943. Dalle testimonianze della sorella sorella Licia e della moglie di un suo cugino emergono le atrocità dei fatti accaduti nel 1943 e delle violenze che molti loro conoscenti e compaesani subirono da parte dei partigiani jugoslavi. La signora Licia spiega che i rapitori della sorella cercarono più volte di costringerla a entrare a far parte delle loro bande e a rinnegare di essere italiana. Norma rifiutò sempre in nome della sua libertà di pensiero e politica, per questo dopo giorni di torture e abusi, venne spinta nelle foibe insieme ad altri cadaveri. Il suo corpo venne poi recuperato e sepolto insieme a quello del padre (anch’egli perseguitato). La storia di Norma, alla quale sono state dedicate targhe commemorative e, in alcune città, nomi di vie, è uno dei tanti esempi di privazione della propria vita in nome della libertà.
Il messaggio importante che abbiamo colto nell’incontro del progetto “storie fuori dalla storia” è che, solo ricordando vite come quella di Norma, nello specifico contesto storico del massacro delle Foibe tra 1943 e 1945, è possibile tenere viva LA MEMORIA da un lato degli orrori compiuti dagli uomini e dall’altro dei sacrifici che altri uomini e donne hanno compiuto per proteggere la propria libertà, il proprio pensiero, la propria famiglia.
Questa memoria, come quella delle vittime dell’Olocausto durante la seconda guerra mondiale, dovrebbero far riflettere tutti sugli errori commessi in passato per far sì che non siano ripetuti.
Concordiamo nel pensare che nel massacro delle foibe queste manifestazioni umane scaturiscono dalla paura e dal desiderio di vendetta, come ha giustamente detto Viviana Facchinetti, redattrice del giornale "L' Arena di Pola" e colei che ci ha raccontato la storia del confine orientale.

“Storie fuori dalla storia. Ricordi ed emozioni di emigrati giuliano-dalmati”, questo il titolo dell’incontro con Viviana Facchinetti, scrittrice e giornalista, attuale direttrice del mensile "L'Arena di Pola" a cui hanno partecipato le classi seconde e terze dell’Istituto il 30 e 31 gennaio 2024.

Nella nebbiosa mattinata di ieri, martedì 30 gennaio 2024, un gruppo di alunni/e dell'istituto Mantegna ha partecipato alla gara di corsa campestre tenutasi a Mantova nel campo di Bosco Virgiliano, nell'ambito delle Competizioni Sportive Scolastiche. Accompagnati dalla prof.ssa Rebecchi, tutti gli alunni si sono ben distinti, mostrando impegno e tanta sana competizione. A coronamento della bella esperienza, si segnala il primo posto nella categoria "Allieve" di Meneghinello Emily.
Alla gara hanno partecipato numerosi alunni/e di diversi Istituti superiori, sia di città che della provincia, rendendo così la giornata un'ottima occasione di condivisione dei principi dello sport.

Prof.ssa E. Martini



Campestre 1
In scena sin dal 10 gennaio nei teatri cittadini della Lombardia e del Veneto, “Il Diario di Anna Frank”, soddisfando le aspettative degli studenti, nel vedere rappresentata una vicenda tra le più tristi e cupe del 900, conferma la bravura e la professionalità de “Il carro di Trespi”, la compagnia teatrale fondata nel 1962 dalla famiglia Miraglia di Milano.
Per questo spettacolo, la scelta di un’ambientazione sonora oltre che scenica (quella lampada centrale che rimanda a Guernica di Picasso), aumenta l’ansia nello spettatore che sente sirene d’allarme antiaereo e passi di marcia sopra al silenzio forzato nel rifugio di Amsterdam, dove Anna vive il quotidiano alla ricerca della sua identità.
Amore e paura, mai odio, né rancore, ma tanta speranza nelle pagine del suo amatissimo diario (Kitty), perché un giorno tutto il dolore finirà. Dopotutto, la fiducia nel prossimo non deve mai venir meno, come non bisogna mai abbandonare le proprie aspirazioni personali.

Classi 1AA, 1AE, 1BE, 1BS, 2AM presso il Teatro Ariston di Mantova



Si è concluso stamani un breve percorso afferente all'affettività e alla sessualità responsabile”. Questa iniziativa sull'affettività è stata intrapresa dall'Itet Mantegna già dallo scorso anno e in questi giorni in particolare,  ha coinvolto i ragazzi di alcune classi del biennio del tecnologico.  Aiutati dalla dottoressa Turrin, ginecologa e dalla dottoressa Gonnelli, psicologa , i ragazzi hanno potuto riflettere sulle proprie emozioni, sulla ricchezza e sull'importanza dei rapporti umani e sulla propria unicità.  Tale percorso rientra all'interno del progetto” educazione alla salute”  da molti anni presente nella nostra scuola. Le esperte che ringraziamo per la professionalità e la disponibilità offertaci, hanno risposto con un linguaggio semplice, ma puntuale ed efficace ai numerosi quesiti che la professoressa Tosetti, responsabile del progetto, aveva da loro raccolto In forma anonima. In questo modo le professioniste hanno dissipato dubbi, perplessità ed incertezze, ma soprattutto hanno offerto strumenti utili di crescita e di formazione personale:  la prevenzione, la conoscenza del proprio corpo, la consapevolezza del proprio” benessere”.

prof.ssa Anna Tosetti



Oggi le classi quarte e quinte dell'istituto hanno incontrato gli orientatori dell'Università di Trento che hanno presentato l'offerta formativa del loro ateneo. All'incontro hanno partecipato la responsabile del servizio orientamento Ginevra Gioia e alcuni studenti orientatori che hanno parlato nello specifico delle diverse aree di studio: Enrica Brugnara, Omar Cruder, Anna Ferrari, Sara Lombin, Francesco Malandruco, Alessandro Petronilli, Greta Tagetto. Nella prima parte dell'incontro Ginevra Gioia ha presentato in maniera generale ed esaustiva l'ateneo, indicando la dislocazione delle varie sedi sul territorio con relative distanze dal centro, le informazioni principali riguardanti gli esami di ammissione, le tasse, i servizi e le opportunità per gli studenti. Particolarmente interessante è stata la parte relativa alla possibilità di svolgere esperienze all'estero all'interno del programma Erasmus, in quanto si pone come continuazione delle attività che la nostra scuola offre agli studenti ogni anno. Nella seconda parte dell'incontro, gli studenti orientatori hanno presentato le diverse aree di studio in cui si divide l'offerta formativa e poi, dislocandosi in varie zone dell'atrio, si sono resi disponibili per rispondere a domande e curiosità degli studenti, a disposizione dei quali c'erano anche molte brochure informative divise per corso di Laurea.

Per qualsiasi informazione sull'Università di Trento è possibile accedere al seguente indirizzo: www.orienta.unitn.it

Il sito internet è raggiungibile al seguente indirizzo: www.unitn.it

Prof.ssa Laura Caniglia





Giornata di divulgazione scientifica con il nostro istituto, Università di Parma e scuole medie
Focus: sostenibilità e contemporaneamente orientamento dei nostri ragazzi verso università e dei ragazzi delle medie verso istituto tecnologico.
Prof. Cinzia Manicardi

Ecco l'articolo completo, uscito oggi sulla Gazzetta di Mantova.
CLICCA QUI PER LEGGERE
Nell’ambito del progetto Orientamento, la classe 4 AM ha avuto il piacere di accogliere il prof. Alberto Penazzi, docente del ITS COSMO, regione Lombardia e Veneto, con sede a Padova. Durante l’incontro gli studenti hanno ricevuto dal responsabile dell'orientamento di ITS informazioni sulle possibilità di corso, sulle collaborazioni della scuola in ambito moda e dei vantaggi dati dalla posizione strategica delle sedi.
I corsi spaziano dall'occhialeria all'oreficeria, dallo sport-system alla pelletteria, dal marketing digitale al tessile per giungere sino alla gestione del patrimonio e degli archivi delle aziende moda. Il docente ha risposto in seguito alle curiosità della classe spiegando in maniera chiara le varie possibilità lavorative per gli studenti.

Prof.ssa Alessandra Morelli
 
 

 
Il 20 e 21 gennaio presso il Liceo G. Casiraghi di Cinisello Balsamo (MI) si è tenuto il primo Convegno nazionale ITP “Italian Teacher Programmes”, il programma di formazione del CERN di Ginevra per i docenti italiani. 
Professori da tutta Italia e ricercatori del CERN si sono impegnati in una due giorni di confronto sul futuro della scuola italiana in un momento di grandi cambiamenti legati ai fondi PNRR. I tavoli di lavoro hanno riguardato la didattica laboratoriale e i vari approcci esistenti (inquiry-based, inverted-teaching, learning by doing per citarne
alcuni), la didattica digitale e la sua integrazione nel curriculum attraverso l’uso di tools, del coding e dell’intelligenza artificiale nel rispetto dello sviluppo del pensiero critico, tutto in ottica anche orientativa. E’ una sfida insegnare alle nuove generazioni, per questo servono approcci didattici e strumenti innovativi.
E’ stato fatto anche il punto su come sono stati spesi ad oggi i fondi del piano di ripresa e resilienza, cosa manca e come sfruttare al meglio ciò che si è acquistato. Tra i relatori due ricercatori del CERN, Marco Cirelli e Simone Gilardoni, che hanno parlato della Fisica del futuro con un focus su materia oscura e acceleratori di particelle. Risalto è stato dato alle ricadute di questo tipo di ricerca nell’ambito della fisica medica come la diagnostica per immagini e le terapie contro il cancro.  
La positività, la propositività, la collaborazione, l'innovatività e l’entusiasmo dei partecipanti al primo Convegno ITP hanno trovato una possibilità di espressione anche nell’arte con le prove di coro Gospel dirette da Vincenzo Schettini, tra i primi membri della comunità ITP.

proff. Stefania Della Sciucca e John Meloni
https://teachers.cern



Sono in pieno sviluppo i progetti sportivi del nostro istituto. 
Le attività di “Nuoto”, presso la piscina Dugoni,  e quelle di “Yoga” in lingua inglese, presso la palestra 10-22, stanno riscuotendo successo tra gli studenti che hanno risposto ottimamente alle proposte loro offerte. Evidenti miglioramenti si possono già constatare nelle competenze motorie, nelle life skills e più in generale nella salute personale.
A breve  partirà il “Rugby” e la “Street Dance".  
Avanti tutta!
 
Prof.ssa Alessandra Morelli


Venerdi 19 gennaio, nell’ambito del progetto Orientamento, la classe 4 AM ha avuto il piacere di accogliere la Prof.ssa Valeria Battel, docente della prestigiosa Accademia di Belle Arti NABA con sede a Milano, presente nella TOP 100 delle migliori Università del mondo per il settore Art & Design.
Gli studenti si sono messi in gioco in 2 workshops : “ Body Modification”, focalizzato sulla relazione abito e corpo e “I Must del guardaroba “, focalizzato invece sulla rivalutazione del significato nella società attuale di indumenti indossati tutti i giorni.
Al termine dell’incontro la prof.ssa Battel si è dedicata alla spiegazione del corso di studi e a rispondere alle varie domande degli studenti.

Prof.ssa Alessandra Morelli
Visita al Laboratorio Sartoriale Drittofilo Metatelier di San Giorgio Bigarello, per vivere concretamente le diverse fasi del processo produttivo di un capo d’abbigliamento. La visita al Laboratorio è iniziata con una breve presentazione, da parte di Marzia Monelli Bianchi Presidente del Centro di Aiuto alla Vita di Mantova, delle donne volontarie che mettono al servizio di altre donne il loro sapere e la loro esperienza. Infatti, Drittofilo ha una rilevante valenza sociale perché aiuta le donne, provenienti da diversi Paesi, appartenenti a categorie fragili, emarginate o vittime di violenza domestica offrendo supporto lavorativo, psicologico e domiciliare. In seguito, sono state mostrate le fasi di lavorazione di una camicia, partendo dal taglio del tessuto sino allo stiro del capo finito. Ai ragazzi particolarmente interessati, è stata offerta l’opportunità di ritornare al laboratorio Drittofilo dove, seguiti dalle volontarie della struttura, potranno apprendere nuove conoscenze e competenze.

Prof.ssa Citriniti
Classi 3AM e 4AM












Il 18 dicembre, nell'ambito del percorso di orientamento, le classi quinte hanno seguito un incontro sul tema del servizio civile al quale hanno partecipato Veronica Giatti, Presidente Arci servizio civile di Mantova, Alessia Bianchini volontaria Arci, Edoardo Zacchi volontario del csv e Lorenzo Danesi ex volontario Arci. L'incontro ha avuto principalmente lo scopo di far conoscere a studentesse e studenti la realtà del servizio civile, l'importanza di mettersi in gioco per il benessere comune e la diffusione di valori quali pace, solidarietà, cultura. In una prima fase, la Presidente Arci ha introdotto il tema ripercorrendo alcune tappe storiche fondamentali, sottolineando quali sono le caratteristiche del percorso, soffermandosi in particolare sulle life skills che si sviluppano e su quali sono i benefits che se ne possono trarre; in un secondo momento, è stato lasciato spazio ai tre volontari che hanno riportato le loro esperienze, le riflessioni personali sul percorso che hanno scelto di intraprendere, sull'importanza che questa esperienza ha avuto nella loro crescita personale: prendersi un impegno, mettersi alla prova, relazionarsi con gli altri hanno permesso loro di guardarsi dentro, scoprire i propri talenti, ma anche riconoscere i propri limiti e lavorare per superarli; l'incontro si è concluso con una parte interattiva in cui gli studenti, divisi in gruppi, sono stati chiamati a riflettere sul rapporto tra servizio civile e promozione della pace nella società.

Prof.ssa Laura Caniglia



Prosegue il percorso di orientamento per gli studenti e le studentesse della classi quinte del settore Economico. La dott.ssa Beatrice Palmieri, il dott. Daniele Freri e le due studentesse Gloria Conti e Sara Boanini hanno presentato, in maniera dettagliata, l’offerta formativa dell’Università di Mantova, soffermandosi sugli aspetti burocratici, sui diversi indirizzi, corsi e sui possibili sbocchi lavorativi, e non solo, post-laurea. Le studentesse hanno, inoltre, simulato prove di interpretariato e traduzione, stimolando ragazzi e ragazze a cimentarsi in alcune attività linguistiche, hanno raccontato la loro vita universitaria con entusiasmo e riportato le relazioni significative che si creano. La presentazione ha evidenziato, infine, l’importanza del “comunicare e saper usare le parole per mediare”.

Prof.ssa A. Manuela Berardi 


Nel corso del primo quadrimestre abbiamo accolto nella nostra classe un nuovo compagno, Harri, proveniente dall'Australia.
Harri è uno studente che ha partecipato ad un programma di scambio culturale, e la nostra classe, 3AA, ha avuto la fortuna di poterlo ospitare. 
Harri si è rivelato molto simpatico, talvolta esilarante, estroverso ed intelligente, insomma veramente una brava persona.
In questi mesi c'è stato in arricchimento reciproco sia dal punto di vista linguistico che culturale. Noi abbiamo migliorato le nostre competenze linguistiche nello studio della lingua inglese e lui nella lingua italiana. Dal punto di vista culturale ci siamo confrontati con una realtà molto lontana dalla nostra come l'Australia, poiché Harri ha condiviso con noi la sua vita, la sua quotidianità a scuola così come le sue personali esperienze e lui si è immerso totalmente nella cultura e nelle tradizioni della nostra terra.
Grazie Harri per questa preziosa esperienza!

classe 3AA

 

Nell’ambito del progetto Orientamento venerdì 12 gennaio le classi 3AR e 3BR hanno iniziato il percorso programmato in collaborazione con PromoImpresa- Camera di Commercio di Mantova dal titolo “Identikit lavorativo” coordinato dalla dott.ssa dott.ssa Alessandra Ligabue e condotto dalla dott.ssa Scappini Beatrice. L’attività è stata realizzata accedendo alla piattaforma excelsiororienta, un progetto  realizzato da Unioncamere in collaborazione con ANPAL, Coesione Italia 21-27 e cofinanziato dall’Unione Europea. La dott.ssa Scappini ha saputo coinvolgere piacevolmente gli studenti proponendo l'OrientaGame, formato da una serie di domande volte ad individuare i valori, le attitudini e le competenze che li caratterizzano per scoprire quale potrebbe essere il percorso di studi - o di carriera - più adatto ad ognuno di loro. Il gioco, suddiviso in tre parti: valori, attitudini, competenze, ha lo scopo di far riflettere i ragazzi al fine di conoscere meglio i valori, le attitudini, le competenze su cui oggi possono contare nel percorso che li porterà a trovare lo sbocco professionale o formativo migliore per ognuno di loro tenendo conto che  alcune competenze sono fondamentali per il mondo del lavoro odierno: il digital, le competenze green, le competenze imprenditoriali, oltre alle competenze necessarie a lavorare con gli altri, le cosiddette trasversali o soft-skill. Alla fine del gioco i ragazzi hanno avuto la possibilità di scaricare il loro report per poterlo eventualmente  consultare in un secondo tempo.La proposta è stata apprezzata dagli studenti e ha rappresentato una buona opportunità per conoscere e conoscersi in un processo di autovalutazione e orientamento futuro.L’attività continuerà nelle prossime settimane con le classi 3AS/3AM, 3BS, 3AA". 
prof.ssa Piva


La giornata a Milano per gli studenti delle classi 5AS e 5BS  ha avuto inizio con la visita di Piazza Gae Aulenti, dove si è avvolti dall'architettura moderna milanese. È seguito poi un viaggio nella storia all’interno del Memoriale della Shoah, sotto alla stazione ferroviaria: un percorso che ha toccato un po' tutti nel profondo, non solo per le parole della guida, ma anche per trovarsi immersi e rivivere un periodo buio della storia italiana con l’osservazione del binario 21 e dei nomi dei primi 165 ebrei deportati, ritrovandosi per un momento a toccare le pareti di uno dei vagoni del convoglio che li trasportava. L’uscita didattica è terminato con la visita del Duomo di Milano con la sua architettura gotica.










Nell’ambito delle attività di Orientamento, previste dal Ministero dell’Istruzione e del Merito (D.M. 22 dicembre 2022, n. 328), il giorno 11 gennaio le classi 5AR, 5BR e 5CR hanno incontrato il Dottore Commercialista, Consulente Tecnico Unico, Revisore Contabile Dino Piccagli, esperto in Crisi di impresa e attivo presso lo studio Gestim Elaborazioni Srl a Mantova. L’incontro, della durata di due ore e tenutosi presso l’atrio del nostro istituto, è stato molto coinvolgente. Il Dott. Piccagli ha iniziato illustrando la professione del dottore commercialista (studi e formazione, mansioni professionali in relazione alle imprese), focalizzandosi sulle caratteristiche delle sette specializzazioni da lui conseguite. In particolare, ha indicato gli incarichi possibili relativi alla Crisi di impresa, dal duplice punto di vista del Tribunale e delle aziende, chiarendo che, oggi, la professione del dottore commercialista è molto più ampia e complessa rispetto al passato, poiché prevede una forte componente di consulenza per le imprese, che va al di là del tradizionale controllo di bilancio. Successivamente, l’esperto ha dimostrato, con soddisfazione, l’assoluta coerenza tra il piano di studi della disciplina Economia aziendale e Geopolitica dell’Istituto “A. Mantegna” e la sua quotidiana esperienza di professionista. Dalle sue parole, è costantemente emersa la grande passione per la professione, di per sé sempre più difficile, soprattutto nella realtà
economica del dopo pandemia, ma proprio per questo vissuta da lui come una sfida, nella quale, oltre ai numeri, c’è l’incontro con le persone, le loro ambiz
ioni e i loro sogni. Infine, sono stati presentati casi concreti aziendali di lavoro e un bilancio di esercizio, che gli studenti e le studentesse hanno cercato di osservare con spirito critico, ricollegandolo a quanto studiato in classe. L’evento, pur se di natura molto tecnica e settoriale, è stato molto affascinante grazie al carisma e alle doti comunicative del Dottor Piccagli, che ringraziamo per averci dedicato la sua professionalità e il suo tempo, nella prospettiva della didattica orientante che chiama l’intera comunità educante a sentirsi attiva e partecipe.
Prof.ssa Valeria Vecchi






Nell'ambito del progetto Emotiva-mente, che ha visto coinvolte tutte le classi prime, si è appena concluso il primo ciclo di due laboratori interattivi, coordinati dagli esperti esterni, prof.ssa Maria Teresa Gasparro e prof. Bruno Miorali, insieme ai docenti di ciascuna classe.
Le tematiche principali affrontate insieme ai ragazzi sono state il quadro valoriale del gruppo classe e la conoscenza delle differenti emozioni di base. Tutti gli studenti si sono messi in gioco, vincendo la paura di mostrarsi agli altri, attraverso esercitazioni di gruppo, come la narrazione verbale e corporea della relazione con il sé, con gli altri, con l'ambiente e con le proprie emozioni, proposte in modalità "circle time".
Tra le attività del progetto si è tenuto anche un incontro on-line di formazione e confronto tra i docenti referenti di ogni classe e gli esperti esterni su quanto finora svolto.
Gli incontri del progetto Emotiva-mente, che sono parte integrante del percorso di trenta ore sull'Orientamento voluto dal Ministero, proseguiranno nei prossimi mesi.
Emotivamente 3

Come ogni anno gli insegnanti dell’Itet Mantegna si sono ritrovati per la consueta cena augurale.  Avvolti nella calda atmosfera di Osteria Casa Benini, i docenti hanno gustato le specialità di Simone, chef e padrone di casa, cantando insieme accompagnati dalla chitarra del prof. Montanarini.  L’iniziativa ha raccolto, come sempre,  soddisfazione da parte dei partecipanti che hanno condiviso qualche ora piacevolmente. A tutta la comunità del Mantegna gli auguri per le prossime festività da parte della Commissione Benessere.

Nel centro storico di Mantova, in via Ardigò 13, sorge la storica biblioteca comunale, fondata dall'imperatrice Maria Teresa d’Austria, duchessa di Mantova, nel 1780. In queste settimane le classi 2AE e 2CE  hanno visitato questo meraviglioso luogo di cultura che  ospita un patrimonio bibliografico e documentario antico e moderno di circa 350.000 unità di cui 170.000 appartenenti al mondo antico tra cui: manoscritti, incunaboli (libri stampati con la tecnica a caratteri mobili inventata prima dell'anno 1504), carteggi, stampe e disegni, globi geografici e fondi speciali tra cui il fondo ebraico cabalistico più importante al mondo (la cabala si sviluppò in origine all'interno del pensiero ebraico e sosteneva l'interpretazione simbolica della Bibbia; arte che presume di indovinare il futuro per mezzo di numeri, lettere e segni). La biblioteca è composta da due sale. La prima sala è un ampio ambiente rettangolare, illuminato da quattro finestre su ciascun lato lungo, contraddistinto da due ordini di scaffalature in legno di noce, che contengono i volumi più preziosi. Al centro della sala sono state collocate delle teche in cui sono presenti un testo di Galileo Galilei e opere di Virgilio. Si possono ammirare lampadari monumentali in stile veneziano che abbelliscono le due sale, opera della vetreria d'arte veneziana. Le guide che hanno accompagnato le classi nella visita della biblioteca hanno saputo catturare l’attenzione degli studenti con riferimenti storici molto interessanti e facendo loro toccare con mano i materiali di cui raccontavano la storia. Hanno spiegato come i libri sono giunti dalla Francia all’Abbazia di San Benedetto in Polirone e poi in Teresiana. Nel monastero di San Benedetto Po, fondato dal conte Tebaldo di Canossa, i monaci si dedicavano a lavori manuali e passavano intere giornate a trascrivere i manoscritti sacri, motivo per cui vennero successivamente chiamati con il termine “amanuensi”. Inizialmente si  scriveva su fogli di papiro, che era, però, disponibile in quantità limitate. In seguito, si cominciò a scrivere su pergamena, chiamata anche cartapecora, che però garantiva la possibilità di utilizzare solo uno dei due lati (ovvero quello più interno in cui la punta della penna d’oca riusciva a penetrare). Dato che da una pecora si potevano ricavare circa 3/4 fogli di pergamena, non poteva essere sprecata per insegnare ai bambini a scrivere. Pertanto, quest’ultimi scrivevano su tavolette di cera. La carta sostituì la pergamena e si rivelò un materiale più semplice ed economico  da realizzare. In seguito gli amanuensi vennero sostituiti dalla stampa a caratteri mobili (inventata da Gutenberg). Con lo sviluppo sociale ed economico, gli abati cominciarono a riprodurre anche testi laici, e non più solo sacri, con il solo scopo di diffondere cultura e conoscenze. In seguito, però, i monasteri  vennero repressi da Napoleone, contrario alla diffusione di testi che divulgavano il sapere. Di conseguenza i libri del monastero vennero trasferiti alla biblioteca Teresiana, luogo ideale per gli amanti del passato, dei libri e dei documenti storici, dal momento in cui ci si rende conto che la biblioteca ospita un patrimonio culturale senza tempo, da tutelare, affinché sia accessibile alle future generazioni. Sono auspicabili il monitoraggio delle condizioni di conservazione delle collezioni e la programmazione di interventi di restauro conservativo, proprio perché non vada dispersa la grande ricchezza culturale presente nella biblioteca.

Studentessa Allison Molinari




La classe 3AR ha vissuto il museo di Palazzo D’Arco in modo nuovo. Il filo conduttore della visita svolta in modo attivo e partecipato, è stato lo specchio, elemento dalle evidenti implicazioni metaforiche, che assume particolare centralità nel racconto della storia del Palazzo e della famiglia che l’ha abitato.
Utilizzando un kit, appositamente progettato gli studenti hanno conosciuto il museo attraverso le relazioni tra le collezioni e le parole di poeti e autori, alla ricerca di analogie personali, condividendo punti di vista e riflessioni che hanno favorito lo sviluppo del pensiero critico e la sensibilità, incoraggiando la scoperta e la creazione da parte dei partecipanti.
La visita al Palazzo è stata preceduta da un’ attività guidata dalle operatrici volta a conoscere e riflettere sul significato dello specchio, oggetto che, per le sue caratteristiche, ha colpito e stimolato l'immaginario umano, entrando nel folklore e nella mitologia di vari popoli. È spesso legato al tema del doppio, dell'universo alternativo o del mondo alla rovescia, della bellezza e della divinazione. Tra le numerose attestazioni, spiccano in particolare lo specchio magico, quello di Alice ideato da Carroll, il mito di Narciso. Lo specchio permette di vedere se stessi, scoprire il proprio aspetto, ammirare la propria bellezza. Quest'ultima, se intesa in chiave positiva, spinge alla contemplazione e conoscenza di sé; intesa in chiave negativa, invece, al narcisismo e all'attaccamento a beni fugaci e terreni.
Dopo questa introduzione, gli studenti sono stati condotti tra le stanze del Palazzo abitato fino a cinquant’anni fa dalla marchesa Giovanna D’Arco che decise di consegnare l'eredità culturale della sua nobile e antica famiglia alla Fondazione d'Arco con il compito e l’obiettivo di tutelare, conservare, valorizzare e far conoscere il Museo di Palazzo d’Arco e tutte le meraviglie in esso contenute. L’esperienza ha riscontrato l’interesse degli studenti e si inserisce nelle attività di orientamento del focus previsto per le classi terze “Conoscenza di sé e identità personale”.

Prof.ssa Tiziana Piva








L’assemblea d’istituto del 15 dicembre è stata un’occasione preziosa per approfondire il benessere e la consapevolezza di sé attraverso una serie di attività coinvolgenti e informative.
La prima parte della giornata è stata dedicata alla visione del docufilm “Be Happy”, un’opera che ha introdotto nuovi metodi di mindfulness finalizzati al raggiungimento del benessere psicofisico.
La seconda parte dell’assemblea ha visto la partecipazione di una dietologa, una psicologa e alcuni ragazzi che hanno condiviso le proprie esperienze. La dietologa ha affrontato il delicato tema dei disturbi alimentari, la presenza della psicologa ha arricchito ulteriormente l’evento, permettendo ai ragazzi di raccontare in prima persona le proprie esperienze e riflessioni legate al benessere psicologico.
La testimonianza dei ragazzi ha reso l’assemblea particolarmente significativa, dando un volto concreto alle sfide quotidiane legate alla salute mentale e alimentare. L’incontro ha favorito un dialogo aperto e inclusivo, permettendo agli studenti di esprimere le proprie domande e preoccupazioni.

La facoltà di essere un divulgatore di cultura appartiene a tutti quelli che sanno apprezzare l’arte e il patrimonio storico. Poi c’è chi questa passione la trasforma in un lavoro e lo fa con amore e dedizione. Andrea Angelucci è uno di questi, un convinto sostenitore di una missione che punta a un obiettivo preciso: se faccio conoscere, allora faccio amare e faccio un modo che si abbia cura di ciò che abbiamo, quindi invoglio alla conservazione; alla cura del bene comune. Angelucci ci racconta che questo l’ha capito quando, nel suo primo importante viaggio in Pakistan è stato accolto con molto interesse e ammirazione dai locali, per quel suo modo educato e sincero di apprezzare i loro monumenti e la loro cultura. Da qui è nato “Art Rider” il format televisivo (venduto anche all’estero) andato in onda su RAI5 e ora reperibile online su RaiPlay. Di questa trasmissione ci mostra le foto scattate del dietro le quinte e i suoi famosi taccuini: vere e proprie reliquie di esperienze di viaggio. L’archeologo romano, nella sua lezione al Museo Archeologico di Mantova, ha mostrato agli studenti delle classi 1AA, 1AE e 1 BS, del nostro istituto, quanto sia fondamentale saper abbattere le barriere temporali per avvicinarci il più possibile alle verità nascoste nei diversi ritrovamenti archeologici, come, per esempio “Gli amanti di Valdaro”: i due scheletri abbracciati risalenti al Neolitico. Dopo questa uscita didattica, gli studenti, come indicato nel progetto didattico “Art Rider - didattica della storia 2023/24”, metteranno in pratica i suggerimenti e le indicazioni per realizzare dei reel da pubblicare sull’account TikTok di istituto, perché i social, come ammette anche Angelucci, sono un mezzo ideale per divulgare intelligentemente quanto è bello saper conoscere l’arte in tutte le sue forme.

Prof. Simone Grassetto 
Per l'evento si ringrazia Andrea Angelucci e Museo di Palazzo Ducale Mantova 

02ARTRIDER



Con l'emanazione delle linee guida per l'Orientamento (adottate con D.M. 22 dicembre 2022, n 328) il Ministero dell'Istruzione e del Merito ha dato attuazione alla riforma del sistema di Orientamento prevista dal piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR). In tale scenario, il nostro Istituto ha predisposto una serie di attività che prevedono oltre che la figura di un docente tutor per ogni classe del triennio, la collaborazione con diversi enti e associazioni del territorio quali Pro-impresa, Camera di Commercio, LTO-MN, i Maestri del lavoro, ecc…., Università e lo svolgimento di attività di orientamento verso il conseguimento di qualifiche innovative ad alto contenuto tecnologico e con importanti esiti occupazionali promosse dagli istituti tecnologici superiori, gli ITS Academy. In questo contesto si inserisce l’incontro organizzato martedì 12 dicembre  con la presenza della dott.ssa Maretti Simona, coordinatrice generale dell’ITS Agroalimentare di Mantova, laureata in giurisprudenza ed esperta di diritto del lavoro, nonché ex studentessa del nostro istituto che, partendo dalla premessa che  il mondo del lavoro è profondamente cambiato negli ultimi anni e che richiede sempre più persone specializzate, ha presentato ai ragazzi delle classi terze e quarte la breve storia e la  struttura della fondazione "Istituto tecnico superiore agro-alimentare sostenibile – territorio Mantova”, costituita nel 2017, con la finalità di promuovere la diffusione della cultura tecnica e scientifica, di sostenere le misure per lo sviluppo dell'economia e le politiche attive del lavoro. Ha spiegato che la Fondazione opera al fine di assicurare l'offerta di tecnici superiori al livello post-secondario in relazione a figure che rispondano alla domanda proveniente dal mondo del lavoro pubblico e privato in relazione al settore agroalimentare, con cui la fondazione si rapporta costantemente.
Ad oggi l’Istituto offre tre corsi: ITS MN 23-25 d&g- tecnico superiore per la digital & green transition nei processi di produzione e trasformazione agro-alimentare, ITS MN 23-25 - tecnico superiore per la gestione della supply chain e della logistica agro-alimentare, ITS  MI 23-25 mktg- tecnico superiore in food marketing & export management sede di Milano – Ifoa. Ogni corso è articolato in attività d’aula e attività di tirocinio presso aziende di settore e stages all’estero in particolare in Olanda e Inghilterra dove sono presenti realtà a forte innovazione tecnologica nel settore agro-alimentare.
L’incontro è stato completato dal racconto dell’esperienza di Diego Angelini, ex studente dell’ITS che ha frequentato il corso per la digital & green transition ottenendo risultati altamente positivi in ambito lavorativo.
L’iniziativa, che sarà replicata mercoledì 20 dicembre con le classi quinte, è stata un’occasione per conoscere un’importante realtà del territorio e una possibile alternativa al percorso universitario o lavorativo dopo il conseguimento del diploma.

prof.ssa Tiziana Piva

Il piano dell’orientamento per la classe 5 BS del nostro Istituto è iniziato stamane, 12 dicembre, con la partecipazione di Isabella Alberini che ha concluso il suo percorso di studi presso l’Itet Mantegna e che oggi è iscritta al terzo anno del corso universitario di Scienze Infermieristiche presso l’Università degli studi di Verona. Isabella, dopo aver chiesto alle ragazze ed ai ragazzi  quali fossero le loro aspirazioni ed i loro progetti per il futuro, si è raccontata alle classe, soffermandosi sul perché della sua scelta;  ha descritto un percorso fortemente voluto  e intrapreso non senza timore, ma sempre  sostenuta dal desiderio di riuscire nel suo intento nonostante le difficoltà che un cambiamento radicale, come il passaggio dalla superiori all’ateneo, comporta. Non sono mancati momenti di condivisione delle problematiche superate, dell’importanza dell’interazione con i pazienti e le loro famiglie, con i colleghi ed  i tutor dai quali attingere ogni giorno esperienze e professionalità.   

A distanza di circa un mese dall’evento TEEN KITCHEN TABLE nell’ambito del Segni New Generation Festival, martedì 5 dicembre le alunne di 5AR hanno potuto interagire online con un’altra Europarlamentare: Gianna Gancia, Eurodeputata della Lega. Si sta realizzando ciò che l’attività prevedeva: ascoltare voci di Europarlamentari italiane/i appartenenti a partiti diversi, ponendo domande che aiutino a comprendere
ciò che il Parlamento Europeo fa per i cittadini dell’EU in generale e per i giovani in particolare, in modo da arrivare più preparati alle Elezioni Europee del giugno 2024. Durante l’intervista - che più che un’intervista è stato un dialogo molto partecipato - si sono toccati vari punti: dalla situazione in Palestina, alla lotta alla violenza di genere (e non solo), all’abuso delle nuove tecnologie d
a parte dei più giovani. L’On. Gancia non ha solo espresso la sua opinione in merito alle varie questioni sollevate dalle alunne di 5AR, ma ha anche raccontato i motivi che l’hanno portata ad intraprendere la carriera politica. Ha quindi detto alle ragazze di 5AR di attivarsi perché LA VOCE DI OGNUNA CONTA. Infine ha posto lei domande su argomenti molto concreti, p.es. sull’uso del cellulare in classe o la liberalizzazione delle droghe leggere, ascoltando con attenzione e gratitudine le risposte delle ragazze.
Un altro bel momento di “democrazia partecipativa” all’interno delle attività proposte alle classi del nostro istituto.
Prof. Ennio Polcini


“CONTRO CHI ALZA LE MANI ALZIAMO LA VOCE” è il titolo dello spettacolo a cui le classi 5BS e 4AM hanno potuto partecipare nella giornata del 30 novembre. L’evento, organizzato dalla DS dell’istituto Fermi, Pavesi Marianna, ha coinvolto, oltre alla sua scuola, gli istituti Mantegna, Strozzi e Galilei. La compagnia teatrale “Senza Trucco Ensemble” formata dalle attrici Anna Bianchi e Roberta Vesentini, dal pianista e cantante Stefano Boccafoglia e da Marco Remondini, sassofonista e violoncellista ha messo in scena letture recitate di testi di autrici donne contemporanee alternati a intermezzi musicali. Tutto per far riflettere, ma anche sorridere, seppur amaramente, sulle problematiche di essere donna oggi. Al termine dell’evento, gli studenti sono stati invitati a fare domande alle otto personalità presenti sul palco: le avvocate, le psicologhe e criminologhe forensi, rappresentanti i tre centri anti violenza di Mantova (“centro aiuto alla vita”, “centro donne mantova“ e “telefono rosa”), il presidente della Provincia di Mantova, Carlo Bottani, l’assessora Chiara Sortino e la Questora Giannina Roatta. I ragazzi hanno capito dalle loro voci che c’è purtroppo ad oggi un femminicidio ogni 3 giorni e questo è inaccettabile; che è un problema di inciviltà e di mancanza rispetto verso il prossimo. Bisogna avere cura della fragilità, e si deve sapere quali sono i propri diritti e sapere anche qual è l’importanza della libertà. Infine, noi tutti non dobbiamo rimanere indifferenti e dobbiamo impegnarci a promuovere l’attivismo privato e collettivo: a casa, tra gli amici e a scuola. 

Pomeriggio di grande partecipazione quello di sabato scorso, quando la nostra scuola ha aperto le porte alle famiglie degli aspiranti iscritti per il prossimo anno scolastico in occasione del secondo OPENDAY (le prossime date saranno il 16 dicembre e il 13 gennaio 2024, con prenotazione obbligatoria tramite sito o invio di richiesta alla referente per l’orientamento). 
I docenti, con il prezioso supporto degli studenti, hanno presentato l’offerta formativa e le attività programmate per l’a.s. in corso, nonché coinvolto i partecipanti in attività laboratoriali inerenti i vari corsi. 
Un ringraziamento speciale va agli ex studenti che, accogliendo il nostro invito, hanno raccontato la loro esperienza di studio e crescita al "Mantegna", condividendo progetti e ambizioni per il futuro.

Prof.ssa Conte Maria
(Ref. Orientamento)

JobOrientaQuesta mattina, le ragazze e i ragazzi della 5AS, accompagnati dal prof. Flagiello e dalla prof.ssa Tosetti,  si sono recati a Verona per partecipare a Job&Orienta. E’ questa una  importante manifestazione di rilievo nazionale  dedicata all’ orientamento, scuola, formazione e accesso al mondo del lavoro. 
Sei i percorsi espositivi:
1) Educazione, Scuola e Formazione docenti;
2) Lavoro e Alta Formazione;
3) Lingue straniere, Turismo e Mobilità;
4) Accademie, ITS academy e Università;
5) Strumenti per la didattica;
6) Formazione Professionale.

Attraverso questa opportunità orientativa,  i ragazzi hanno potuto  fruire di un ampio ventaglio di opzioni/informazioni arricchito anche dalla presenza di studenti che li hanno intrattenuti presentando i diversi percorsi.

Anche quest'anno nel nostro Istituto alcune studentesse delle classi prime e seconde hanno aderito al progetto "peer education-prevenzione al cyberbullismo" che prevede una formazione on line sulla piattaforma del MOIGE per diventare Ambasciatori del Cyber.
Per presentarsi all'Istituto e per inaugurare la loro attività, vogliono DIRE NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE attraverso un breve video

prof.ssa Tiziana Piva

GUARDA IL VIDEO

I cartelloni e la presentazione dei pensieri e delle riflessioni sono a cura delle classi 2CE e 3AR.
SCARICA LA PRESENTAZIONE






La "Mantova Risorgimentale" è percorso didattico che prevede tappe in diversi luoghi della nostra città, ricca di storia e  cultura. Con la guida le classi quinte d'istituto hanno potuto soffermarsi su un periodo storico molto importante: l' Ottocento. È  stata descritta la società di allora, in particolare la differenza tra le classi sociali più ricche e più povere.  Sono stati affrontati diversi temi : i moti liberali, le guerre d' Indipendenza,  i martiri di Belfiore. È stato presentato un  personaggio importante di cui abbiamo parlato in classe, Giuseppe Mazzini.
Si è partiti dal Castello di San Giorgio, a seguire piazza Castello, piazza Sordello, piazza Broletto, via Leon d' Oro, vicolo della Mainolda, vicolo Storta, via Nievo e Teatro Sociale. Tanti nomi delle vie di Mantova prendono il nome da personaggi del Risorgimento. La visita si è conclusa in via Chiassi, presso la casa dove si riunivano i famosi martiri di Belfiore. Una frase ci è rimasta impressa durante le spiegazioni : “La storia non racconta mai una sola verità”.

Singh Prianka 5br




Visita alla mostra del celebre pittore fiammingo, Pieter Paul Rubens.
Nella meravigliosa cornice di Palazzo Te, i docenti hanno potuto ammirare la splendida mostra intitolata “Rubens a Palazzo Te. Pittura, trasformazione e libertà”, sotto la sapiente ed appassionata guida di una ex prof.ssa del Mantegna, Carmen Mulas. Le più celebri opere del pittore che ha lavorato presso la corte dei Gonzaga, sono state sapientemente messe in dialogo con le scene mitologiche affrescate di Palazzo Te.
Un'ottima occasione per la Commissione Benessere di inaugurare gli appuntamenti di questo nuovo anno scolastico, con la possibilità di godere di una mostra di rara bellezza.





















La classe 5AS, ha visitato l'allevamento di Corte Spinosa di Porto Mantovano, proprietà della famiglia Lugli.
Accompagnati dalla Dottoressa Cabiria Cabrini, gli studenti hanno potuto vedere la qualità della vita delle vacche e le innovazioni continue che si apportano al fine di rendere sempre più alta questa qualità del loro latte.
La responsabilità della farmaco resistenza, l'immobilità, lo sfruttamento e i maltrattamenti degli animali non sono più concepiti. Da tempo la stimata azienda della famiglia Lugli è sinonimo di grande competenza, continuo studio e scrupolosa osservazione delle varie fasi della vita dell' animale ma, soprattutto, grande passione.
Un grande ringraziamento va soprattutto all'appassionatissima dottoressa Cabiria che ha dedicato il suo prezioso tempo a far conoscere ai nostri maturandi, un mondo in cui dobbiamo imparare ad aver più cura e fiducia.

prof.ssa Cinzia Manicardi 















E' stata una settimana intensa e piena di avventura quella trascorsa ad Atarfe (Spagna) da parte di venti studenti e delle due docenti accompagnatrici. Grazie al progetto Erasmus, le ragazze sono state ospitate per una settimana in altrettante famiglie spagnole e durante la permanenza hanno avuto la possibilità di immergersi nella realtà spagnola, approfondendo le loro conoscenze culturali e linguistiche. Dal primo all'ultimo giorno sono stati visitati posti unici che hanno permesso a tutti di avvicinarsi un po' di più a una storia piena di sfaccettature. Dopo la visita della scuola del primo giorno, il gruppo ha visitato la città di Atarfe: incantevoli i parchi, gli ambienti ma soprattutto meravigliosa la solarità degli abitanti. La visita di Granada, città piena di colori e allegria con il suo quartiere arabo (l'Albaicin) è servita a tutti per stringere i rapporti con gli altri ragazzi spagnoli che, tra una risata e l'altra, hanno reso meno faticosa la lunga passeggiata in quella calda giornata. La magica Alhambra ha colpito gli studenti, ammaliati dalla monumentalità, dalla ricchezza e dai colori di questo patrimonio storico-artistico dell'Unesco. L'uscita, poi, intorno alla Sierra Elvira è riuscita senza dubbio a mettere tutti un po' in difficoltà, ma arrivati in cima, tutti hanno potuto ammirare un bellissimo paesaggio verde e rigoglioso. Ultima tappa di questa indimenticabile esperienza è stata Malaga, nella quale il gruppo ha potuto ammirare molte delle opere di Pablo Picasso, oltre a osservare il cuore della città, il centro, la cattedrale e il monumentale Alcabaza.
Il clima amichevole e solidale ha permesso di stringere nuove amicizie e di formare un vero e proprio gruppo interculturale. Entrare in una realtà diversa dalla propria è difficile ma è sicuramente un'esperienza da fare.



01PLSiamo state tutte derubate - L’affronto del ritardo culturale che vela il fenomeno dello stereotipo
Sabato 11 Novembre, dalle ore 10:00 alle ore 12:00, le classi quinte dell’Istituto hanno avuto l’opportunità di incontrare la Dott.ssa Paola Di Nicola Travaglini, Consigliera di Corte di Cassazione, nonché consulente giuridica della Commissione del Senato sul femminicidio e l’Attrice e Attivista Cinzia Spanò che porta in scena uno spettacolo teatrale tratto dal libro “La Giudice”.
Questo “viaggio” ha condotto ragazzi/e, professori/esse, all’analisi del pregiudizio e al contrasto della violenza di genere.
Sono state elaborate delle riflessioni inerenti la mancata imparzialità del linguaggio italiano e la conseguente influenza che l’espressione verbale esercita nella nostra realtà. Molti termini, infatti, se declinati al femminile trovano un luogo comune: l’oggettivazione della donna.
Il processo di crescita sociale dovrebbe partire dal quotidiano e dalle parole di donne che per secoli sono state sottovalutate e stereotipate.
La presa di coscienza, indistintamente dal sesso, è la chiave per la libertà e la salvezza dell’umanità.
Un ringraziamento alla dedizione delle Docenti, prof.ssa Laura Caniglia, referente del Progetto Legalità e alla prof.ssa Ilaria Perdono’, per averlo reso possibile.

Ester Carletti
5AR










Oggi, 11 Novembre, l’estate di San Martino: cielo terso, sole brillante che entra in classe e illumina i volti dei poeti venuti a parlarci di poesia. Sono Luigi Caracciolo e Stefano Iori, assieme alla signora Marisa Roberta Pini che subito introduce l’iniziativa, Young Poetry, destinata agli studenti delle scuole mantovane che vogliono cimentarsi nell’arte poetica. L’evento si è svolto nella classe 2BS con in collegamento audio-video le classi 2AM, 2AE, 2CE, 2AA, 4BS, 5BR, 5CR e 5BS. Gli argomenti affrontati hanno compreso cenni storici dell’arte del verso recitato, la relazione tra musica e poesia, l’impegno civico e la relazione che intercorre tra poesia e adolescenza. Si apprende che la poesia è nata forse prima della scrittura, perché si tramandava oralmente e aveva un forte valore civico e morale. Poi, una volta scritta, seguiva regole metriche precise ma tali da lasciare che venisse sempre decantata. Quindi se oggi confrontiamo musica e poesia, e noi giovani adolescenti amiamo quest’ultima, abbiamo un elemento a favore per farci piacere pure la poesia. L'ispirazione poetica, invece, ci può venire in qualsiasi momento: mentre camminiamo, giochiamo, balliamo. Di conseguenza, ogni attimo è buono per scrivere uno o più versi della nostra poesia. Luigi Caracciolo ha risposto alle domande degli studenti focalizzate sulla dimensione valoriale del cantautore, che è un poeta che esce da sé (come sosteneva Baudelaire) per parlare di cose comuni a tutti che sono poi storie del proprio vissuto. Stefano Iori, invece, ha sottolineato che la poesia deve servirci a farci del bene; per raggiungere una nostra dimensione di libertà, perché essa stessa è un’arte libera che non giudica. La poesia è una sfida che facciamo a noi stessi.

La “Corte dei poeti” invita tutti gli studenti a partecipare all’iniziativa scrivendo la propria poesia a tema libero. Le poesie saranno pubblicate nell’edizione 2024 del volume “Young Poetry - la creatività degli studenti mantovani” che sarà presentato al MAMU a maggio.

Nicola Andrei Balint, 2BS






Parlare di dipendenza, nello specifico di fumo, è il tema che è stato trattato nelle mattinate del 7 e del 9 novembre da Giovanni Alberini, counselor, che ha intrattenuto tutti i ragazzi del primo biennio del nostro Istituto. Partendo dall'esperienza personale, soffermandosi sulle ragioni che hanno portato alla "prima sigaretta" ( la necessità di essere parte e il timore di essere esclusi da un gruppo, la noia, lo stress, il desiderio di sentirsi grandi), la consapevolezza dell'abitudine e della dipendenza dal fumo, la paura di essere scoperti dai familiari e l'incapacità di smettere, sono gli argomenti trattati dal relatore.
Autore del pamphlet "Smetto in 5 minuti", Giovanni Alberini con un linguaggio diretto ed una modalità coinvolgente, ha sottolineato come troppo spesso  “la mente, mente”, quanto sia necessario”inserire un innesco fra l'abitudine e il desiderio” di fumare, cioè la consapevolezza di essere “unici e irripetibili” , la responsabilità che ne deriva e la necessità di salvaguardare questa unicità.
Non sono mancati momenti di viva partecipazione da parte dei ragazzi che hanno raccontato le loro giovani esperienze ed hanno esternato le loro emozioni, ricevendo da Giovanni Alberini utili suggerimenti e affettuosi apprezzamenti.
Per l'anno scolastico 2023/24, i rappresentanti d'istituto della componente studenti eletti sono Barbieri Noah della classe 4AM, Braghini Asia della classe 4AR, Buratto Riccardo della classe 5BS e Genitrini Leonardo della classe 5AA. I quattro studenti sono pronti a mettersi in gioco per l'organizzazione delle assemblee d'istituto e per essere un punto di riferimento per tutti le studentesse e gli studenti.
Accanto a loro, come rappresentanti della Consulta Provinciale Studentesca, sono stati eletti Mangia Martino della classe 4BS e Scalari Tommaso della classe 4AA. Anche loro sono pronti a dare il loro meglio in questa nuova esperienza stimolante e arricchente. A ciascuno di loro il nostro sostegno e la piena disponibilità a collaborare e il nostro augurio di buon lavoro.








“The 4Cs: Creativity, Critical Thinking, Communication and Collaboration in Schools” è il titolo del corso ERASMUS, a cui ha partecipato la prof.ssa Serena R. Citriniti, tenutosi tra il 30 ottobre e il 3 novembre, presso la Europass Teacher Academy, nella cornice della splendida Berlino. Le quattro competenze: Creatività, Pensiero critico, Comunicazione e Collaborazione, sono state il fulcro di una serie di riflessioni e attività che hanno visto protagonisti insegnanti provenienti da Repubblica Ceca, Croazia, Romania, Spagna, Turchia e ovviamente Italia.
I docenti hanno lavorato sull’importanza della creatività, elemento fondamentale nella motivazione degli studenti, sulla necessità di un pensiero critico nelle sfide quotidiane, sulla  comunicazione efficace e sulla collaborazione, imprescindibile competenza in qualsiasi contesto. Questi giorni di formazione e approfondimento sono stati interessanti e hanno fornito strumenti, metodologie, ma soprattutto nuovi stimoli da condividere e da sviluppare nella propria attività quotidiana di docente in classe.









Venerdì 3 novembre si è realizzato il TEEN KITCHEN TABLE, l’evento che SEGNI ha organizzato nell’ambito del New Generations Festival e che quest’anno ha visto anche la partecipazione delle nove studentesse di 5AR. Tante/i giovani intorno a un grande tavolo, al centro del quale campeggiava la bandiera blu a dodici stelle simbolo dell’Unione Europea. Ospiti d’onore i due Eurodeputati Maria Angela Danzì e Brando Benifei, venuti appositamente da Bruxelles per dialogare con coloro che, essendo giovanissimi, parteciperanno per la prima volta alle elezioni europee previste per giugno 2024 nei 27 Stati membri dell'Unione Europea. E, infatti, il TEEN KITCHEN TABLE è servito alle studentesse di 5AR e ad altri studenti mantovani per capire meglio l’importanza del voto e per fare sentire la propria voce a chi dovrà tradurre tale voto in buone politiche, volte in modo particolare al benessere delle nuove generazioni. Un’ora e mezza di botta e risposta nella “fresca” Loggia del Grano con foto finale di gruppo davanti allo storico Palazzo Andreani, sede della Camera di Commercio di Mantova.

Un bel momento di confronto che rimarrà a lungo impresso nella memoria di chi vi ha partecipato.
Prof. Ennio Polcini

















Tra i Teacher Training Courses, dell’Europass Teacher Academy: “Artificial Intelligence for Education: Exploring the Frontiers of ICT è oggi il corso più interessante e complesso per la formazione e l’aggiornamento professionale dell’insegnante. Il corso, a cui ha partecipato il prof. Simone Grassetto, animatore digitale e coordinatore del Team per l’innovazione del nostro istituto, si è tenuto, dal 23 al 27 ottobre, presso il Valletta Design Cluster di Malta, un centro di cultura e creatività ospitato in un ex mattatoio del XVII secolo. Il VDC è aperto al pubblico che può usufruire gratuitamente del suo bellissimo roof garden.
Nel nuovo e controverso ambito dell’intelligenza artificiale (AI), specie se consideriamo la formazione, le nozioni di utilizzo non riguardano solo la specifica tecnica di interrogazione (prompt) degli ormai potentissimi chatbot come ChatGPT, Bard e Bing ma anche la pedagogia e l’etica. Non è un problema facile. L’UE ha pubblicato nel 2022 gli orientamenti etici per gli educatori sull’uso dell’AI, senza dare indicazioni per una programmazione operativa. Non ci sono, ad oggi, nemmeno precise formulazioni sul trattamento dei dati (privacy) nell’ ambito dell’istituzione scolastica.
L' AI generativa è una sfida che la scuola oggi è chiamata ad affrontare.



"Yoga and Meditation for Educators: be a Great Teacher, be your Best Self" presso la Rambla de Catalunya di Barcellona, Spagna.
Il corso ERASMUS ha permesso ai prof. Marchi Riccardo e Strazzi Maria Antonietta di imparare le principali tecniche di respirazione, le cosiddette "asana", ovvero le posizioni di yoga e di meditazione.
La disciplina dello yoga può essere sfruttata per gestire stress, ansia e depressione, con lo scopo di controllare le emozioni e di acquisire la consapevolezza del tempo: "qui e ora". Non resta ora che trasmettere alcune di queste tecniche che sono state apprese al corso agli studenti, allo scopo di migliorarne le relazioni interpersonali.


A distanza di un mese dalla prima intervista ad un Eurodeputato italiano, lunedì 24 ottobre le alunne di 5AR hanno potuto “ascoltare un’altra voce” dal Parlamento Europeo, quella di Maria Angela Danzì, Eurodeputata del Movimento 5 Stelle. Si sta realizzando ciò che l’attività organizzata dall’Associazione Segni di Infanzia – e riconosciuta dal nostro Istituto come PCTO – prevede: intervistare politiche e politici italiani di diversi partiti che lavorano al Parlamento Europeo per fare sentire la propria voce di giovani europei e capire meglio ciò che l’UE sta facendo e intende fare in futuro per le nuove generazioni. Questa volta le ragazze di 5AR non erano le sole intervistatrici. C’erano anche studentesse e studenti di altri istituti mantovani. Tutti hanno avuto la possibilità di porre domande – preparate con impegno nei giorni precedenti – all’Eurodeputata che ha risposto dimostrando una profonda conoscenza del quadro politico internazionale, ma allo stesso tempo con estrema semplicità, risultando subito “alla mano” e contribuendo a creare un clima amichevole, nonostante l’intervista fosse online. Un bel momento di confronto su tematiche quali il terribile contrasto israelo-palestinese, l’UE e le sue politiche di inclusività nei confronti degli “altri”, la lotta alla violenza in tutte le sue forme, l’uso e l’abuso da parte dei giovani delle nuove tecnologie, le iniziative in favore dell’ambiente. Le studentesse hanno chiesto anche che cosa ha spinto l’onorevole Danzì a intraprendere la carriera politica. La sua risposta è stata: la voglia di essere di aiuto per gli altri, soprattutto per i più deboli che, come suo padre, non venivano ascoltati perché senza istruzione.  Danzì, infatti, ha insistito molto sulla formazione continua di ognuno perché “i successi ottenuti senza istruzione sono effimeri come un battito di ali di farfalla”. La prossima fase dell’attività, ormai imminente, prevede la partecipazione al cosiddetto TEEN KITCHEN TABLE, uno spettacolo preparato dai ragazzi nell’ambito del Segni New Generation Festival XVIII Edizione, dove oltre a studenti e insegnanti delle scuole mantovane coinvolte saliranno sul palco anche i politici finora intervistati, gli On. Benifei e Danzì.

Siete quindi tutti invitati a partecipare al TEEN KITCHEN TABLE il 3 novembre alle 14:30 presso la Loggia del Grano. Vi aspettiamo!

Prof. Ennio Polcini 



Gli insegnanti a scuola per imparare il GBL
Un corso di aggiornamento Erasmus ad Atene, dal 9 al 13 ottobre 2023, per avvicinarsi alle nuove generazioni, alle loro modalità di approccio al reale spesso mediato dal virtuale. 
“Video Games in Education: Innovative Gamification and Game- Based Learning Techniques" è stata una bella esperienza di incontro e scambio con colleghi europei (da Germania, Austria, Ungheria, Bulgaria, Polonia, Cipro, Italia e Croazia) di gradi scolastici e discipline diverse, uniti dalla curiosità per le potenzialità delle tecniche innovative.
Abbiamo ascoltato, provato a mettere in pratica sia come docenti – creando materiali fruibili dai nostri studenti - sia come studenti – giocando con materiali già predisposti per noi discenti.
“Teachers are the real influencers" è il motto scritto sulla borsa riutilizzabile in tessuto regalataci dagli organizzatori. Possiamo sperare che almeno qualcosa di quanto cerchiamo di passare ai nostri alunni lasci un segno nella loro formazione?

Prof.ssa Marta Farolfi


3atene23



Il 12 ottobre, su invito del Comune di Mantova, gli alunni che hanno partecipato al Viaggio della Legalità in Calabria si sono recati presso la Sala Consiliare per presentare la loro esperienza all'Assessore alla Legalità e alle politiche giovanili Alessandra Riccadonna e all'Assessore alla Pubblica Istruzione Serena Pedrazzoli; all'incontro hanno partecipato anche le collaboratrici dei due Assessori, Mariarosa Galafassi, Giada Rinaldi e Silvia Romanini che, facendo da tramite tra l'istituto scolastico e gli uffici comunali, hanno contribuito attivamente alla realizzazione del viaggio, finanziato in parte dal Comune. Gli studenti erano accompagnati dalle professoresse Berardi Amalia Manuela, Caniglia Laura e Di Monaco Roberta. Durante i saluti istituzionali, i due Assessori hanno ringraziato l'Istituto, il Preside, gli insegnanti e gli studenti per aver partecipato a questa iniziativa, sottolineando e lodando soprattutto il fatto che il Mantegna sia stata l'unica scuola di Mantova ad aver aderito al progetto, nonostante le difficoltà organizzative. Dopo la proiezione di due video che raccoglievano i momenti più significativi del viaggio, gli studenti, che per l'occasione hanno scelto di indossare le magliette di Libera che hanno ricevuto in dono in Calabria, hanno dialogato con gli Assessori raccontando come hanno vissuto questa esperienza, quanto siano stati coinvolti anche a livello emotivo dalle storie e dalle persone che hanno conosciuto e quanto tutto questo sia rimasto impresso dentro di loro: “Lo porteremo con noi tutta la vita” (Andrea). Al termine dell'incontro, sia gli studenti che le insegnanti hanno ricevuto una sacca del Comune di Mantova con dentro una copia della Dichiarazione universale dei Diritti umani, un libro su Mantova e alcuni gadget.
A questo link è possibile visionare il video che racconta il percorso e le attività che sono state svolte durante il viaggio.

Prof.ssa Laura Caniglia


Ben 60 ragazzi, degli Istituti "A. Mantegna" di Mantova e "Sanfelice" di Viadana, hanno partecipato al viaggio premio per studenti meritevoli organizzato dalle due scuole. Dal 3 al 7 ottobre, i ragazzi hanno viaggiato tra Croazia e Slovenia alla scoperta dei luoghi più affascinanti e caratteristici.
Il primo giorno sono stati visitati il castello di Predjama, incastonato nella pietra viva e le Grotte di Postumia, impressionanti formazioni carsiche sotterranee.
Il secondo giorno il gruppo, insieme ad una guida locale, ha visitato il borgo di Vrbnik attraverso le sue strettissime vie e la famosa isola di Krk, dove è stato percorso il Sentiero del Paradiso.
Il terzo giorno è stato interamente trascorso al parco nazionale dei Laghi di Plitvice, costituito da 16 bacini di acqua dolce collegati tra loro da cascate e torrenti.
Gli ultimi due giorni sono stati dedicati alle bellissime città di Zagabria e Lubiana.
Tra gli studenti si è creato un clima conviviale che ha permesso di stringere nuove amicizie, rendendo il gruppo ancora più unito.
Per i ragazzi è stato possibile confrontarsi con usi e costumi diversi, spesso anche con piacevoli sorprese.
Un'esperienza indimenticabile.






Si e’ conclusa la visita preparatoria della commissione Erasmus (Fochi Valentina, Maffioli Paola, Menegazzo Paola, Silocchi Cinzia) nell’ambito del progetto della call 2023 ad Atarfe in Spagna. Questa visita della commissione Erasmus, ha permesso di mettere a punto ed organizzare le attività che interesseranno, dal prossimo novembre, 20 alunni dell'Istituto per la visita di Atarfe, Granada e Malaga. Gli studenti saranno ospitati dagli alunni della IES VEGA de Atarfe.
I nuovi amici spagnoli saranno poi ospiti degli alunni del Mantegna a Mantova ad aprile 2024.

Atarfe01
Lunedì 25 settembre le 9 alunne di 5AR hanno finalmente realizzato ciò per cui si stavano preparando da tempo: un’intervista online all’Eurodeputato del PD Brando Benifei.
L’intervista è stata la prima azione di una più ampia serie di attività organizzate dall’Associazione Segni di Infanzia – riconosciute dal nostro Istituto come PCTO – che includeranno ulteriori interviste a Eurodeputati di altre forze politiche e culmineranno nella partecipazione ad uno “spettacolo” chiamato TEEN KITCHEN TABLE, il prossimo 3 novembre alle 16:30 presso la Loggia del Grano, nell’ambito del Segni New Generation Festival XVIII Edizione.
Le ragazze di 5AR si sono prima chiarite le idee su quello che l’Unione Europea rappresenta nella vita di tutti i giorni per le cittadine ed i cittadini dei Paesi membri e poi hanno preparato e sottoposto all’Eurodeputato una serie di domande che toccavano vari aspetti, tutti importanti per i giovani europei che dal 6 al 9 giugno 2024 saranno chiamati a votare per il Parlamento Europeo: il rapporto di fiducia tra elettori ed eletti, come rendere l’Europa più inclusiva, l’uso e l’abuso da parte dei giovani delle nuove tecnologie, l’intelligenza artificiale, la disoccupazione, le iniziative in favore dell’ambiente, la lotta alla violenza di genere etc..
Non sono mancate anche domande più personali volte a capire il vissuto dell’Europarlamentare Benifei, la sua carriera, i suoi successi e i suoi progetti futuri.
Un momento formativo stimolante, reso possibile non solo dall’attenta regia di Cristina Cazzola e Monica Colella di Segni di Infanzia, ma anche da Elena Faglioni, ex studentessa del Mantegna, che quale stagista nello staff di Benifei ha fatto da primo tramite tra il Mantegna e Segni di Infanzia per la realizzazione di questa interessante attività.

Prof. Ennio Polcini








10 ragazzi dell’istituto, accompagnati dalle professoresse Di Monaco Roberta e Berardi Manuela, dal 17 al 23 Settembre 2023 hanno alloggiato presso la Cooperativa Terre Joniche a Isola di Capo Rizzuto (Calabria), partecipando ai campi di impegno e formazione sui beni confiscati all' Ndrangheta.
I beni confiscati rappresentano un’importante vittoria nella lotta contro il crimine organizzato.
Durante la settimana, gli studenti sono stati accompagnati dai soci della cooperativa nello svolgimento di alcune attività che consistevano in una piccola manutenzione dei terreni (giardinaggio) e nella manutenzione degli spazi del Parco del Cepa, un’area confiscata fruibile al pubblico e destinata ad attività sociali.
Sono stati organizzati degli incontri con testimoni, quali famigliari di vittime innocenti e testimoni di giustizia: il parroco del paese Don Francesco, Tiberio Bentivoglio, Francesca e Giovanni (genitori di Dodó, una giovane vittima), che hanno subìto o affrontato in modo diretto la violenza delle organizzazioni criminali.
Le loro storie sofferenti hanno lasciato un segno indelebile in loro e hanno fatto immergere gli studenti nella realtà, purtroppo a volte difficile e crudele di questa regione italiana.
Gli studenti hanno avuto l’occasione di visitare il parco archeologico di Capo Colonna, il Borgo di Cirò con il polo museale locale di Palazzo Zito, museo del calendario e della cultura contadina dedicato all’alchimista Luigi Lilio.
Le giornate al campo sono state un’alternanza tra momenti di attività di impegno, momenti di formazione e conoscenza, ma anche di svago. I ragazzi hanno potuto immergersi nelle splendide acque della spiaggia Le Cannella.
Tra i ragazzi si è creato un clima piacevole e ognuno di loro si è portato a casa un bagaglio ricco di insegnamenti ed esperienze che sicuramente ricorderanno.

Articolo di Gola Francesca e Andrea Carletti (5BS)




Soggiorno studio a Valencia (Spagna) per 21 studenti.
Grazie all'ospitalità delle famiglie del luogo e alla frequenza di un corso di lingua spagnola, presso l' istituto Enforex, gli studenti hanno avuto la possibilità di migliorare e rinforzare le loro conoscenze e competenze linguistiche e allo stesso tempo immergersi nella cultura spagnola, attraverso le attività culturali pomeridiane che comprendevano la visita alle principali attrazioni della città.
La Ciudad de las Artes y de las Ciencias: Oceanografico e Museo della scienza, el Museo Fallero, la cattedrale, el Mercado Central, la Lonja de la Seda e le bellissime piazze da quella del Ayundamiento a quella de la Virgen e de la Reina y la Playa de la Malvarrosa dove hanno assaporare la tipica paella valenciana, di marisco e di pescado.
Accompagnatrici Grazia Tomasi e Claudia Mellettini

















19 ragazzi accompagnati dalle professoresse Cinzia Silocchi e Paola Maffioli dal 9 al 16 di settembre hanno alloggiato, ospitate da famiglie locali, a Dublino (Irlanda). Durante la settimana hanno partecipato a un corso di lingua inglese nell' "Apollo Language Centre" ricevendo alla fine un attestato di partecipazione alle lezioni con livello B2. Ogni giorno sono state organizzate delle attività pomeridiane per visitare le principali attrazioni locali tra le quali la scogliera di Howth, la Cattedrale di St. Patrick, la Christ Church, il Trinity College, il Castello di Malahide, il Museo di Storia Naturale, la National Gallery, lo Spire e il centro di Dublino. Grazie a questa esperienza, il gruppo ha accresciuto le proprie competenze e la propria confidenza con la lingua inglese, ha imparato ad apprezzare la cultura e gli usi irlandesi ed è riuscita ad adattarsi ad un ambiente sconosciuto attraverso il contatto con le famiglie ospitanti. Inoltre si è creato un clima favorevole alla conoscenza tra i ragazzi, tanto che una serata è stata dedicata ad una cena di gruppo in un tipico pub irlandese.
















La bellissima cerimonia inaugurale ha visto la partecipazione di una folla entusiasta di persone, non solo di studenti e loro genitori, ma anche di cittadini mantovani, invitati dal Sindaco con espresso invito via social. Quest’opera d’arte architettonica, di riutilizzo e cambio d’uso, meglio detto di rigenerazione urbana, di una fabbrica di ceramica di inizi Novecento, è uno dei più begli esempi di scuola tecnologica e polifunzionale. Ci sono voluti 4 anni e il benestare della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio, per realizzare il sogno fortemente voluto dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Mattia Palazzi. 
Ben due occasioni di taglio del nastro, una l’11 settembre, per la cittadinanza e l’altra oggi, 12 settembre, primo giorno di scuola, con la simbolica consegna delle chiavi della scuola agli studenti.
Questo imponente edificio di 8.800 metri quadrati, rientrante nel progetto di MantovaHub, è stato finanziato con 12 milioni di euro, grazie a bandi pubblici e con 665 mila euro della Provincia di Mantova per l’allestimento di laboratori (anatomia/istologia, fisica, microbiologia, tessile e chimico) e nuovi arredi delle classi e degli uffici. Completamente concepita nel rispetto dei criteri ambientali e di risparmio energetico, la nostra nuova sede, che ha una ciminiera che si scorge da lontano, ha addirittura una fabbrica dell’aria (Pnat, inspired by plant) che ha l’obiettivo di promuovere relazioni sinergiche tra l’ambiente naturale e quello artificiale, tema centrale del design sostenibile.
#mantovahub #scuola #tecnologia #sostenibilità












Venite alla cerimonia dell'inaugurazione della nostra nuova sede?
Tutta la cittadinanza è invitata!
Lunedì 11 settembre 2023, ore 18:00
(entrata dal parcheggio Conad di via Cecil Grayson)

Nuovo logo realizzato dalla professoressa Maria Conte

Oggi, primo collegio docenti nella nuova sede. Il 12 settembre gli insegnanti e il personale ATA accoglieranno qui tutti gli studenti per il primo giorno di scuola: sarà una festa ! Il giorno prima, lunedì 11 settembre alle ore 18, verrà inaugurata dal Sindaco di Mantova, Mattia Palazzi con un open day aperto a tutta la cittadinanza. 

Schermata 2023 07 27 alle 09.45.26Presentazione consuntiva delle mobilità docenti
35 mobilità, 35 mobilità studenti

Francia – Isle sur la Sorgue Belgio - Gand Turchia -Istanbul Francia - Parigi Irlanda - Dublino Repubblica Ceca – Praga Grecia- Atene Spagna – Tenerife Spagna – Barcellona Grecia – Veroia Germania – Dierdorf Lettonia – Ogres

Guarda il video
https://youtu.be/fWti3feS66E


CALL 2021 CODICE: 2021 – 1 – IT02 – KA121 – SCH – 000005733

CALL 2022 CODICE: 2022-1-IT02-KA121-SCH-000053219
EARTHUCATION – ENOUGH FOR ALL? CODICE: 2020-1-DE03-KA229-077592_4
AS. 2022/2023
Un viaje inolvidableIl gruppo di spagnolo L3 delle classi 4AR e 4BR, nell’ambito della disseminazione Erasmus del corso “Google for Education: Tools and Applications for Teachers and Learners” svolto dalla docente prof.ssa Vania Gauli a Tenerife lo scorso anno, ha partecipato al progetto “Un viaje inolvidable” sull’utilizzo dell’applicazione Canva.
Svolgendo l’attività, inserita nella programmazione didattica, gli studenti, con coinvolgimento e partecipazione, hanno ripercorso le loro esperienze di vita ed hanno creato un video raccontando, in lingua spagnola, un loro viaggio. Si sono soffermati non solo sulla descrizione dei luoghi ma anche delle loro emozioni, potenziando, con questo compito di realtà, le competenze linguistiche.
Buona visione e buon ascolto.
Prof.ssa Vania Gauli


ESTER CARLETTI 4AR
MANUELA COZZA 4AR
GIULIA CASTELLI 4AR
EMRE OZDINC 4BR
ZLATA ZAKHAREVYCH 4BR
GRETA INCONTRI 4AR
“Uso consapevole della tecnologia tra rischi ed opportunità” è stato l’oggetto dell’incontro tenutosi il 6 giugno per le classi 1AM e 1CS.
L’avvocata De Stefani, professoressa universitaria e autrice di pubblicazioni giuridiche, specializzata in materie di diritto delle nuove tecnologie, privacy e referente italiano Garante Privacy, ha intrattenuto i ragazzi spiegando loro i rischi che ogni giorno incontrano affacciandoci al mondo virtuale. Sebbene qualche volta sia chiaro capire quali siano rischi, navigando in rete, la maggior parte di noi non è consapevole delle direttive della privacy che accettiamo quotidianamente. Prestiamo quindi il nostro consenso all’accesso ai nostri dati sensibili, che verrano in seguito tracciati, senza rendercene conto. Internet è certamente un bene prezioso, ma non è un gioco, tutto ciò che postiamo in rete diventa impossibile poi da eliminare e ciò può portare a conseguenze disastrose sulla nostra reputazione, oltre che esporci a rischi giuridici che ingenuamente ignoriamo.
Incontri di questo genere, come quello che si è svolto con l’avvocata De Stefani dovrebbero essere più frequenti, perché è importante che la scuola insegni ai ragazzi ad essere informati ed educati ad utilizzare la tecnologia in modo consapevole e certamente più sicuro.
Il concerto organizzato dalla Commissione Benessere (Martini, Mellettini, Trevisi), e presentato dalla prof.ssa Tosetti, nel salone d’onore di Palazzo Gazini Rizzini, come momento di commiato alla sede dell’istituto Mantegna, che quotidianamente per lunghissimo tempo è stato frequentato da intere generazioni di studenti, è stato un successo.
Un vero e proprio happening artistico, perché sono state proiettate le immagini, tra le altre, dello scalone, degli affreschi dell’atrio della presidenza, del plafone della cucina e del cortile di questo nobile palazzo di via Guerrieri Gonzaga, intriso di metafore del Risorgimento, così come ben storicamente descritto dal critico d’arte Gianfranco Ferlisi, ed ensemble musicale, perché sono state eseguite canzoni e brani musicali a cura di alcuni insegnanti che per l’occasione hanno piacevolmente intrattenuto i colleghi con un ricco repertorio, spaziando da “Il cielo in una stanza” di Gino Paoli al Preludio n. 5 opera 23 di Rachmaninov.
I docenti Giulio Fila (voce) e Angelo Montanarini (chitarra) hanno proposto “La canzone di maggio” (G. De André), mentre le professoresse Sonia Ferrigno, Elisa Turnaturi ed Elisa Masotto, hanno suonato, rispettivamente il piano, il violino e il flauto traverso, brani da “C'era una volta il West” e “Gabriel's oboe” (E. Morricone) e poi “New York New York”, “Boogie Woogie stomp” e “Maple Lea rag”, piano solo della applauditissima prof.ssa Ferrigno, che alla fine ha regalato generosi bis.
Molto belle le interpretazioni di “Se stasera sono qui” (L. Tenco) e di “La compagnia” (L. Battisti) a cura della prof.ssa Romagnoli e del prof. Fila.
Quindi il Mantegna smette, possiamo dire, un vecchio abito, molto elegante e prestigioso (Palazzo Gazini Rizzini), per indossarne uno tutto nuovo, si spera altrettanto ricco ma più moderno (la nuova sede dell'ex ceramica), in occasione del nuovo anno scolastico.



04concerto
Durante il secondo quadrimestre, la classe 1BE, nelle ore di inglese in cui le docenti A. Manuela Berardi e Valeria Vecchi hanno lavorato in compresenza, ha affrontato un percorso di approfondimento sul tema della famiglia, in una prospettiva di valorizzazione delle relazioni interpersonali e di cittadinanza sensibile al valore della diversità, intesa come unicità. Partendo dalle letture proposte dal testo in adozione e dal vissuto personale delle studentesse e degli studenti, sono state condivise idee e opinioni sui diversi modi di essere famiglia, da tutte e tutti, comunque, percepita come nucleo sociale fondante, oggi più che mai nella realtà multietnica in cui viviamo. Attraverso attività di gruppo, nella forma di cooperative learning, la classe ha accettato di mettersi in gioco con dialogo attivo, prima e dopo la visione, in lingua originale inglese, del film Infinitely Polar Bear (Maya Forbes, 2014), dal quale emerge una situazione familiare tanto problematica quanto positiva, poiché, malgrado i seri problemi personali ed economici, genitori e figlie non smettono mai di prendersi cura a vicenda e di amarsi. Il percorso ha previsto una restituzione finale da parte di ciascun gruppo sulle riflessioni maturate durante le ore dedicate all’attività, con valutazione orale finale. Per concludere, vista la serietà e l’impegno dimostrati da tutti i gruppi, si è pensato di valorizzare l’esperienza con la produzione di un semplice video, che la classe ha accettato di condividere tramite il sito dell’istituto. Un grazie a tutte le ragazze e a tutti i ragazzi della 1BE per l’obiettivo raggiunto, nella speranza di continuare a lavorare così!

GUARDA IL VIDEO
 
Nella prima parte, sullo sfondo di alcune scene del film, scorrono i passaggi dell'attività affrontata; nella seconda parte, invece, sullo sfondo delle diverse presentazioni prodotte, ciascun gruppo esprime l'idea principale di famiglia emersa alla fine dei lavori.
La cronaca, ogni giorno, riporta alla ribalta episodi di bullismo e di cyberbullismo. Sono tante le domande che ci si pone su come combattere questo fenomeno in costante crescita e quale ruolo la scuola debba ricoprire in tale contesto per la crescita della persona. Per tentare di dare una risposta a questo interrogativo, alcuni studenti e studentesse delle classi 1AE-1CE- 1BS, durante l’anno scolastico, hanno frequentato un corso online in collaborazione con Associazione MOIGE aderendo all’iniziativa che da anni viene proposta alle scuole “AMBASCIATORI DEL CYBERBULLISMO”. Il progetto si pone lo scopo di diffondere informazioni, educare alla convivenza civile e democratica oltre che promuovere la cultura della legalità attraverso la conoscenza dei reati legati alla rete e ai social network sostenendo atteggiamenti di tutoraggio tra gli alunni e valorizzando le diversità. Tra le varie iniziative, gli “AMBASCIATORI”, interagendo con i loro pari, hanno realizzato un breve video che sintetizza il loro percorso di formazione e intende diffondere conoscenza del fenomeno al fine di prevenirlo.
“Le parole fanno più male delle botte” Carolina Picchio
Prof.ssa Tiziana Piva

GUARDA IL VIDEO : https://youtu.be/-EBsZEJ7W-Q
Erasmus nella magica Atene 
Si conclude con la partecipazione al corso ICT IN THE CLASSROOM: INNOVATIVE TOOLS TO FACILITATE STUDENTS LEARNING, COLLABORATION AND CREATIVITY ad Atene dal 21 al 27 maggio delle prof.sse Paola Maffioli, Paola Menegazzo e Cinzia Silocchi la realizzazione della progettazione Erasmus dell’anno scolastico 2022/23. Nella splendida cornice di Atene con la meravigliosa Acropoli, il corso ha permesso di conoscere ed approfondire l’utilizzo di applicazioni per potenziare e stimolare un apprendimento creativo e più coinvolgente da sfruttare nella didattica quotidiana.
La mobilità ha permesso inoltre di interagire con docenti di altre nazioni al fine di creare contatti e future collaborazioni che permetteranno il coinvolgimento attivo dei nostri studenti.

Per il Mantegna l’appuntamento annuale con la Minciomarcia è diventato irrinunciabile, sarà perché l’evento porta fortuna alla scuola, l’anno scorso una targa, quest’anno una coppa, o sarà perché quest’ultima porta iscritti alla maratona cittadina: noi pensiamo esattamente entrambe le cose insieme. È stata una bella camminata (quella di 5KM), a piè sospinto, lungo le calde strade del centro storico, riempite, secondo le stime ufficiali, da ben 8000 persone di ogni età. Un corteo infinito e multicolore di famiglie con bambini, carrozzine e cagnolini, anziani coi loro bastoni, scolaresche, podisti dell’ultimo minuto e pure gli attivisti di Friday For Future, coi loro cartelli fatti rigorosamente a mano su materiale di riciclo. Tutti accumunati dalla voglia di stare assieme, che era tutto un chiacchierare e poi ballare al ritmo della musica in piazza Sordello, tra mille palloncini colorati con gli slogan delle associazioni no profit che aderiscono e sponsorizzano l’iniziativa: insomma, “una grande festa popolare”, come posta lo stesso sindaco Palazzi sui social. E dopo un’interminabile coda per raggiungere l’agognato piatto di risotto alla pilota, come abbiamo premesso, la nostra referente commissione benessere, prof.ssa Elena Martini, riceve la coppa assegnata ai gruppi partecipanti più numerosi (66 tra docenti e studenti del Mantegna), e noi ringraziamo tutti gli organizzatori che sono stati bravissimi a gestire così tante persone riunite insieme. 





Il consenso informato e la responsabilità del medico e del sanitario sono stati i temi sviluppati dall'avvocato Sebastiano Riva Berni che si è interfacciato con i ragazzi delle classi quinte dell'indirizzo biologico sanitario del nostro Istituto il 26 maggio. Indiscussa la competenza del relatore che in modo chiaro e con empatia ha saputo catturare l'attenzione dei ragazzi servendosi anche di molte esemplificazioni professionali. Numerose sono state le domande alle quali l'avvocato ha risposto concorrendo, in questo modo, non solo a chiarire dubbi o perplessità, ma soprattutto a dar vita ad un momento di crescita sia personale che scolastica.
Il bosco Virgiliano, luogo del cuore del locale FAI , è stato l'oggetto della visita di natural scientifica dei ragazzi della 2 AA e della 2 ASM svoltasi lo scorso 25 maggio.
Accompagnati dalle professoresse Binotti, Ferrigno, Martino e Tosetti e dal professor Fila, i ragazzi hanno ammirato da vicino molti degli esemplari di piante che contraddistinguono questo polmone verde dedicato alla città.
Dopo una breve presentazione storica, gli alunni hanno potuto cimentarsi nella scoperta di muschio e licheni, di varietà di conifere e contemplare la maestosità di Tigli, Platani e Cedri del Libano.
Il 24 maggio si è tenuta la terza assemblea d’istituto. I temi trattati sono stati “riciclo e riuso”, in particolar modo nella moda. La giornata è iniziata a scuola per realizzare i progetti inventati dai ragazzi, successivamente si è spostata presso il centro sportivo Ferrovieri, dove poi si è conclusa. I ragazzi hanno assistito al racconto di Carlotta Boniotti, un’ex studentessa del liceo artistico di Mantova, oggi stilista green e della sig.ra Marzia Bianchi (Lubiam) che ha parlato di un progetto di reinserimento lavorativo attraverso la sartoria. Entrambe hanno saputo interessare gli studenti con le loro parole. Successivamente i ragazzi hanno esposto i loro lavori e una giuria, formata dai professori e dalle due esperte, ha decretato i primi tre classificati.
Si è aggiudicata la vittoria la classe 1AM seguita dalla 3AM e dalla 1CS.

A cura di Buratto Riccardo (4BS)















02assem


Il 23 maggio le classi 3AR, 4AR, 4AS e 5BR, accompagnate dai docenti Caniglia, Giacometti, Rebecchi, Fadda, Restani, Massineo e Pierri hanno partecipato allo spettacolo “Borsellino” al Teatro Bibiena di Mantova in occasione della giornata della Legalità.
In due turni separati, gli studenti hanno assistito al monologo toccante inerente la vita di uno dei maggiori magistrati anti mafia italiani. La scena tenuta dallo specialista Giacomo Rossetto, ha permesso ai ragazzi di ripercorrere le orme di Paolo Borsellino.
La dedizione e l’amore che quest’uomo ha dedicato al nostro Paese è stata tale da riunire in un momento di ricordo tutti i presenti.

A cura di Ester Carletti (4AR)
In occasione della nostra partecipazione alla Manifestazione regionale per la giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie svoltasi il 21 Marzo a Milano, l’associazione Libera ci ha chiesto di approfondire la storia del giornalista Mauro Rostagno. Il nostro percorso di riflessione e approfondimento trova compimento con la pubblicazione del nostro lavoro oggi, 23 Maggio, Giornata della Legalità permettendo così di stabilire un collegamento simbolico e ideale tra le due giornate commemorative.
Mauro Rostagno, una delle tante vittime di mafia, era un giornalista e conduttore televisivo per gli studi televisivi di RTC nato a Torino che indagò sulle attività di Cosa Nostra, denunciando i legami tra mafia e politica. Furono proprio queste le cause della sua morte, in quanto durante le sue trasmissioni televisive attaccava l'ambiente mafioso. Il 26 settembre 1988 viene assassinato in un agguato in contrada Lenzi, all'interno della sua auto, una Fiat Duna DS bianca, da alcuni uomini nascosti ai margini della strada; mentre rientrava alla comunità socioterapeutica Saman con una giovane ospite i sicari mafiosi gli spararono con un fucile a pompa calibro 12, che scoppiò in mano ad uno degli assassini, e una pistola calibro 38. Bettino Craxi e Claudio Martelli indicarono subito come responsabile principale la mafia, mentre la procura di Trapani accusò i politici socialisti di voler depistare le indagini. Infatti, durante il processo, si scoprì che molte prove erano scomparse, i testimoni chiave furono interrogati con ritardo e le intercettazioni sono state attivate molti mesi dopo l'omicidio
Viene ricordato il 21 marzo perché fu uno di quei giornalisti che raccontò vicende senza paura e senza sottomissione ai Cosa Nostra. Decise di stare dalla parte di chi combatteva, conducendo inchieste giornalistiche “che varcavano certi santuari”. I giudici della corte di Appello di Trapani lo hanno descritto come “una delle menti più lucide e delle personalità più coraggiose del giornalismo siciliano”. Non fece solo televisione, anzi stava in mezzo alle persone con un microfono in pugno mentre accadevano i fatti. Intervistò persino il magistrato Paolo Borsellino.

Rachele Crovetti 5BR, Arianna Consiglio 5BR, Andrei Ferrari 5BR, Elettra Tosi 4CR
prof.ssa Laura Caniglia

#MauroRostagno #giornatadellalegalità #vittimeinnocentidellemafie


"Conflict management, Emotional Intelligence and Bullying Prevention", seguito dalle prof.sse Morelli e Turnaturi si è svolto a Barcellona dal 15 al 19 Maggio 2023. Il corso ha permesso il proficuo incontro di culture provenienti da Grecia, Germania e Turchia. Le tematiche affrontate riguardavano la coesione di classe,il team building, l’empatia, il role-play e le strategie attuabili contro il fenomeno del bullismo. Il gruppo di lavoro si è interfacciato con entusiasmo su come risolvere i conflitti e ottenere il benessere a scuola, il tutto immersi nella splendida cornice di Barcellona.

Ecco le nuove magliette e le nuove felpe del nostro isituto. Belle vero?

Guarda il video
https://youtu.be/xSDQeC3X9Nw























Gli studenti Miriam Orlandi, Gloria Gianfreda, Daniela Ifeka, Aleksandra Leshi, Giulio Mambrin,  Ahlam Habbi, Ndoye Coumba, Iman Haitam, Nicole Ion delle cl. 1AE, 1CE, 1BS hanno concluso il progetto di istituto "Peer education-prevenzione al cyberbullismo” completando il percorso formativo proposto dal MOIGE e hanno pubblicato il secondo numero del giornalino  NOI VS BULLISMO-UNIAMO LE FORZE- volto ad approfondire problematiche di grande attualità tra i giovani di oggi.
Prof.ssa Tiziana Piva


LEGGI QUI IL GIORNALINO (n.2 maggio 2023)













La mattina di sabato 13 maggio è stata all’insegna della cultura e dell’arte nella nostra città. Alcuni istituti scolastici mantovani ci hanno intrattenuti con performance ed esposizioni, in contemporanea in diverse locations: musica strumentale, canto, ballo, recitazione, esposizioni di un blog, e laboratori di pittura, anche sul corpo, sono state le protagoniste di un’esperienza originale, alla sua prima edizione. La creatività, il lavoro di squadra, l’emotività sono state donate da adolescenti, nostri coetanei, ad altri giovani e a tutto il pubblico, rendendo vitale il centro storico, coinvolgendoci in un clima di festa.





















20230513 121930
”Come studiare Medicina e uscirne vivi. Guida pratica“ è stato l'oggetto dell'incontro tenutosi lo scorso 13 maggio per le classi quinta AS e quinta CS del nostro Istituto. Introdotta dal professor Trevisi che con l'occasione ha salutato gli studenti con cui aveva lavorato nel primo biennio del loro percorso, la dottoressa Alessia Ancora, giovane oncologa presso il Policlinico di Modena, ha condiviso con i ragazzi il proprio vissuto professionale.
Dopo aver brevemente raccontato la propria esperienza universitaria, ha esortato i ragazzi a credere fermamente nel loro progetto perché ”medicina è lunga, richiede determinazione per superare tutte le difficoltà che la caratterizzano, ma serve anche dedizione, costanza applicativa e forte motivazione”.
Grande è stata l'attenzione dei ragazzi che hanno anche posto tante domande, molte delle quali finalizzate alla raccolta delle necessarie informazioni per affrontare questo loro nuovo viaggio.








“Viviamo in un’epoca in cui si è titolati a vivere solo se perfetti. Ogni insufficienza, ogni fragilità sembra bandita- Ma c’è un altro modo per mettersi in salvo, ed è costruire, come te, Giacomo, un’altra terra, fecondissima, la terra di coloro che sanno essere fragili” da “L’arte di essere fragili” di A. D’Avenia
Esiste la convinzione che la poesia sia di difficile comprensione, se non quando si è raggiunta l’età adulta, all’interno della quale sono davvero molte le cose che cambiano, anche se si ha la sensazione che tutto rimanga com’è.
Durante questo anno scolastico, gli studenti della classe 2AE hanno realizzato un laboratorio di testo poetico sul grande tema della natura al fine di scoprire come lo studio della poesia non dovrebbe essere per gli adolescenti solo un fatto strumentale, quanto piuttosto il veicolo di un'esperienza profonda che porta a provare forti emozioni nell’ascoltare la vita messa in versi.
Ecco allora che, la tristezza della solitudine, la ricerca della propria identità, la difficoltà a trovare l’amicizia che si sogna da sempre, la perdita di un amore, il desiderio di realizzare i propri sogni, insomma, tutto quello che è la vita di ognuno di noi, entrano con la poesia nella mente degli studenti che imparano a riflettere e a rendersi conto sul quanto, spesso, abbiamo perso il contatto con la parte più significativa di noi stessi, ossia le nostre emozioni.
Al termine del laboratorio, realizzato in apprendimento cooperativo, gli studenti si sono cimentati nella recitazione di una delle poesie più famose della nostra storia letteraria “L’Infinito” di G. Leopardi.

https://youtube.com/shorts/nfZIp1V2Xfc?feature=share

Nella settimana dal 7 al 13 maggio 2023 presso il Martin Butzer Gymnasium di Dierdorf (Germania) si è svolto l’ultimo capitolo della mobilità Erasmus+ KA2 con il tema  “Exchange Platforms”. Una nuova entusiasmante esperienza internazionale per le alunne Eleonora, Ludmilla, Maria, Sabrina e Federica di 3AR che, accompagnate dai Proff. Anna Rita Romagnoli e John Meloni, si sono recate a Dierdorf, ospitate da quattro accoglienti e premurose famiglie di studentesse tedesche. Le nostre allieve, insieme alle loro compagne e compagni tedeschi, lettoni e greci, hanno lavorato per tutta la settimana divise in quattro team (fashion, food, technology and gardening) a una serie di attività didattiche ed esperienziali  che le hanno portate a riflettere e ripensare alle nostre abitudini di acquisto, utilizzo, consumo  e smaltimento dei beni di cui ci circondiamo quotidianamente. Visitando il museo di storia contemporanea a Bonn, un Repair Cafè, un Second Hand Shop, un Banco alimentare a Puderbach e la edible city di Andernach, i ragazzi hanno potuto farsi “contaminare” da nuove realtà che mettono in pratica i concetti di sustainability & sufficiency e che possono avere un impatto determinante sul nostro utilizzo delle risorse. Come prodotto finale ogni team ha realizzato un ebook in cui, per gli oggetti a loro assegnati, veniva effettuata un’analisi su quale soluzione fosse più indicata tra repairing, upcycling, using up o recycling. Nei casi di riparazione o utilizzo alternativo è stato anche realizzato un DIY video. Per tutti è stata un’esperienza particolarmente significativa e formativa, resa possibile grazie alla dedizione della commissione Erasmus e di tutti i professori che hanno contribuito alla realizzazione di questo impegnativo progetto.

Proff. John Meloni e Anna Rita Romagnoli




 
Non era proprio un tempo adatto al beach volley ma Camilla, Melissa e Francesca hanno comunque dato tutte loro stesse in occasione del torneo Memorial “Sergio Vernizzi” che si è svolto stamattina presso l’Oasi Boschetto.
Le nostre atlete hanno incontrato gli istituti Galilei, Pitentino e Arco-Este, vincendo la prima partita e perdendo le altre due di soli due punti, con ottime giocate e dando filo da torcere alle avversarie.
Una nota di merito per Elena che ha rivestito il ruolo di arbitro per numerose partite.
Con questa gara si chiude per quest’anno scolastico il programma dei Giochi Sportivi Studenteschi.
Grazie a tutti e arrivederci all’anno prossimo!

Su proposta della Commissione Benessere, i docenti dell’Istituto si sono ritrovati per una piacevole camminata alla scoperta dell’ambiente naturale che circonda il lago di Mantova. Partendo da Campo Canoa e sotto la guida della prof.ssa Manicardi, hanno seguito un percorso ad anello, passando per l’anconetta, a fianco della nuova sede della scuola, fino a Diga Masetti, i docenti hanno potuto infine ammirare il suggestivo e famoso skyline della città di Mantova. I sette chilometri percorsi hanno rappresentato una valida opportunità per socializzare ma anche un momento di relax e di stacco dalle attività scolastiche.














Il plogging è uno sport ideato dal runner svedese Erik Ahlström, pensato per unire due attività indispensabili per la vita dell’essere umano: fare attività fisica e prendersi cura del pianeta. Il plogging, nome derivato dall’unione dei termini “plocka upp” (raccogliere) e “jogging” (correre), consiste nel raccogliere i rifiuti che si incontrano lungo il percorso mentre si cammina o si corre, aggiungendo esercizi funzionali come lo squat. In questi tempi questo sport diventa forse il più nobile tra tutti, in un mondo sempre più inquinato è imperativo fare la differenza, anche nella piccola città in cui si vive. Gli studenti del Mantegna (4BS) hanno potuto verificare coi loro occhi quanta spazzatura è disseminata per le strade, infatti sono stati raccolti circa 6 chilogrammi di plastica (da 22 studenti), in meno di due ore di camminata. Molto spesso noi esseri umani ci dimentichiamo di non essere i soli a vivere su questo pianeta, ed è giusto che altri esseri viventi debbano convivere nel nostro sporco?
Gli umani sono gli unici ad aver inquinato la Terra e sono i soli che possono ripulirla, e sicuramente questo nuovo sport è un piccolo passo che può aiutarci a far tornare il pianeta Terra al suo antico splendore. 

J. Gigante, A.C. Puccia (4BS)

Bella giornata di sole e di successi al campo di Atletica leggera “Learco Guerra” per i campionati provinciali studenteschi di Mantova. Tanti gli Istituti del mantovano partecipanti alle varie discipline dell'Atletica dove il Mantegna ha spiccato per successi e Fairplay.
Iniziamo con i 3 bronzi di Camilla Savazzi nel salto in lungo (4,23 mt), Alice fornasari nei 100mt piani (14 sec) e la staffetta 4x100 femminile composta da Tartari Melissa, Zuliani Matilde, Fornasari Alice e Genovesi Letizia (56 sec).
Due i bellissimi e sudati argenti con Riccardo Buratto nel salto in lungo (5,15 mt) e Luca Astolfi nel lancio del peso (9,31 mt).
Per finire 2 bellissime e meritatissime medaglie d’oro e il titolo di Campione Provinciale per Genovesi Letizia nel lancio del peso con la misura di 9,28 mt e Pincella Emanuele primo qualificato nel salto in alto con la misura di 1,81 mt. 
Un grazie anche a tutti gli altri atleti del Mantegna che hanno partecipato con onore alle loro gare.
Grandissimi ragazzi, evviva lo sport !






Siamo sempre più propensi a fare gite e viaggi lontano dalla nostra città, pensando di averla vista in tutte le sue sfaccettature, quando in realtà Mantova nasconde un gran numero di segreti e curiosità di cui non ci immaginiamo neanche.
E così nella giornata del 3 Maggio scorso gli studenti della 4BS hanno usato la loro immaginazione per riscoprire col pensiero un lato della città ormai perduto, ma che si è lasciato dietro di sé molti indizi utili a ricostruire la storia della città e del genio dei Gonzaga, che già dal 1472 avevano eretto un ospedale accessibile a tutti e totalmente gratuito, costruito grazie all’aiuto del Papa.
Ed è proprio nella chiesa di San Martino che abbiamo potuto osservare l’antichissimo legame tra medicina e religione, due mondi che anche ora possono sembrare distanti ma che ancora oggi lavorano all’unisono.
Quest’uscita ha insegnato sicuramente ai ragazzi ad avere sempre curiosità e a nutrire sempre la voglia di imparare nuove cose, anche riguardo ad argomenti di cui sembra già di sapere tutto.
J. Gigante, A. Puccia (classe 4BS)










Visita a Comacchio, una deliziosa cittadina lagunare che si trova nel cuore del Parco del Delta del Po. Nonostante la pioggia gli studenti hanno potuto passeggiare tra le vie del centro storico, un intreccio di tanti piccoli vicoli e canali che rendono molto caratteristica la città la cui origine risale a circa duemila anni fa e che fino al 1821 si poteva raggiungere soltanto via acqua. Passeggiare per Comacchio significa ammirare monumenti straordinari, attraversare ponti, costeggiare canali, in particolare, il Ponte Pallotta, meglio conosciuto come Trepponti. Questo ponte, risalente al 1638, era la porta della città in quanto il canale sottostante conduceva al mare Adriatico, il Ponte degli Sbirri, formato da tre arcate per unire il principale snodo d’acqua della città, ecc….
Visitare Comacchio significa anche fare una sosta al  Museo Delta Antico  inaugurato nel 2017 all’interno del Settecententesco Ospedale degli Infermi, che è stato funzionante dal 1811 fino agli anni ‘70 del secolo scorso. Il museo è disposto su due piani (piano terra e primo piano). Il percorso inizia dall’età etrusca e romana con una sezione denominata “Un territorio senza città“, dove sono stati esposti i reperti relativi alle attività economiche del tempo quali agricoltura, allevamento, pesca, produzione di ceramiche e, in seguito, monete. La seconda parte del pianterreno è tutta dedicata al “Carico della Nave Romana.. Nel 1981, durante alcuni lavori di manutenzione dei canali di bonifica, è stata ritrovata casualmente una nave romana lunga 21 metri, probabilmente naufragata, completa di tutto il suo carico ben conservato.
La giornata si è conclusa con l’escursione in barca nelle Valli di Comacchio accompagnati da una guida ambientale che, durante il percorso, ha raccontato storie, curiosità ed aneddoti sul territorio e sulla vita di valle svoltasi nei casoni ancora oggi visitabili. L’esperienza è stata suggestiva, emozionante, in particolare costeggiando le ex saline, si sono potuti ammirare i meravigliosi fenicotteri rosa, in quanto nel tempo le condizioni climatiche e territoriali hanno favorito la loro nidificazione, perfetto connubio tra storia e natura.


Le classi 1AE-1AM-1BE-1CE con i proff. Berardi Manuela, Elefante Immacolata Ivana, Gozzi Andrea, Orlandelli Pierangela, Piva Tiziana, Restani Daria, Soliani Maria Grazia.

Screenshot 2023 04 30 alle 22.27.19

Incontro dr. Siggia 2“Comunicare con le istituzioni pubbliche attraverso le lobby“ per orientare le diverse politiche comunitarie e non verso precise scelte politiche è stato l'oggetto dell'incontro che si è tenuto il 29 aprile presso il il nostro Istituto.
Il professor Dario Siggia, docente di economia del paesaggio presso l' Università Europea di Roma, ha intrattenuto i ragazzi delle classi 5AA, 5AS e 5CS spiegando loro come le lobby oggi abbiano un ruolo significativo nei diversi settori di categoria coinvolti (settore farmaceutico, alimentare, amministrazioni locali ed enti pubblici, organizzazione di chiese e comunità religiose e altro ancora). Sebbene le lobby da sempre abbiano nell'immaginario collettivo una connotazione negativa, svolgono in realtà un importante funzione conoscitiva poiché orientano verso l'emanazione di provvedimenti normativi di grande ed attuale interesse . A garanzia della trasparenza operativa di tali gruppi, per i quali si è registrato un aumento esponenziale, il prof. Siggia ha segnalato la presenza di un apposito registro che ha la funzione, non solo di evitare conflitti di interesse fra le parti coinvolte, ma che impone l'obbligo della tracciabilità.
L’ assoluta novità del tema trattato accompagnata dal forte coinvolgimento che il relatore ha saputo creare fra i giovani è stata corredata da una serie di importanti esempi: dalla etichettatura dei prodotti, all'impatto economico che le contraffazioni alimentari producono nei confronti del mercato interno fino a giungere alle nuove frontiere alimentari di cui oggi tanto si discute.

Una lezione fuori aula per i ragazzi della 5CS che, visitando la mostra didattica "Gli italiani sul fronte russo (1941-1943). Storia, ricordo e mito" dell'Istituto Mantovano di Storia Contemporanea, presso la Sala delle Colonne del Centro Baratta, hanno approfondito la partecipazione italiana alla campagna di Russia. Grazie alla curatrice della mostra Giorgia Giusti, gli studenti si sono cimentati in prima persona nella lettura critica dei manifesti e delle cartoline di propaganda fascista, analizzandone la strumentalizzazione e l'ideologia di fondo. L'uscita ha inoltre permesso di riflettere sul ruolo delle donne russe al fronte, sul ruolo della Chiesa e sul comportamento dei militari italiani, colpevoli non solo di uccisioni-fucilazioni di civili partigiani russi, ma anche di aver impoverito il territorio nemico, usurpandone tutti i beni primari (bestiame, cereali, fabbriche). Presente anche una sezione fotografica dedicata ai reggimenti mantovani partiti per l'impresa. Nessuna guerra è giusta o necessaria e gli studenti hanno avuto un'ulteriore occasione per leggere la realtà attraverso la storia.

Prof.ssa Roberta Di Monaco















Dal 19 al 22 aprile, le classi quarte dell’indirizzo tecnologico sanitario-ambientale, accompagnati dalle professoresse Pierucci, Manicardi, Lui e Lodi Rizzini, sono state in viaggio di istruzione in Val Pusteria. Nella prima mattinata, gli studenti e i docenti si sono immersi nella natura con una lunga passeggiata, mentre nel pomeriggio sono stati accolti dalle guide per una visita all’ Abbazia di Novicella, che ha immediatamente colpito l’attenzione per il bizzarro stile barocco.
Il viaggio ha offerto agli studenti la possibilità di imparare ed osservare la produzione dei formaggi, grazie alla visita di un caseificio agricolo, con altrettante spiegazioni dell’organizzazione riguardo l’allevamento dei bovini.
Con l’accompagnamento di approfondite spiegazione di una guida, gli studenti hanno avuto modo di osservare le meraviglie del Lago di Braies, immerso nella neve.
Hanno potuto apprezzare la bellezza delle città di Brunico, con un percorso di visita, da una chiesa caratterizzata da pitture ottocentesche fino al museo della montagna e della cultura montana, organizzato all’interno di un castello; nonché della cittadina di Chiusa dalle vie misteriose e caratteristiche. Gli studenti hanno potuto rafforzare i loro rapporti d’amicizia apprezzando la serenità e la spensieratezza dello stare insieme.


04valpusteria
Le classi 2AE, 2BE e 2BS, con i professori Roberta Di Monaco, Paola Menegazzo, Tiziana Piva, Ennio Polcini, Maria Grazia Soliani e Valeria Vecchi, hanno trascorso la giornata del 21 aprile alla scoperta della magica bellezza di Venezia. Due raffinate guide, Monica Latini e Pinella Trivisonno, hanno proposto un percorso che ha permesso al gruppo di visitare, oltre a frequentatissimi luoghi di indiscusso richiamo come la Basilica di S. Marco e il Ponte di Rialto, zone più intime e suggestive come il ghetto e i Sestieri di Cannaregio e di Castello, dove ancora vivono i sempre meno numerosi veri veneziani. Nell’arco della giornata, pertanto, il gruppo ha sperimentato la sensazione di sentirsi parte della folla di turisti, tanto quanto quella di essere in una città quasi disabitata. La passeggiata nel ghetto, la visita della Basilica di S. Marco, il percorso attraverso calli e campi in diverse zone della città, il pranzo all’aria aperta in Campo Ss. Apostoli e, infine, il panorama mozzafiato sull’intera città dalla terrazza panoramica del Fondaco dei Tedeschi: questi i momenti di una giornata trascorsa in assoluta armonia e con spirito di convivialità. Immerso nei colori, nei suoni e negli odori della città, il gruppo ha condiviso le bellezze artistiche e paesaggistiche di un luogo, per sua natura,  unico al mondo, dove è ancora possibile fuggire dalla folla dei turisti per assaporare, a pochi passi di distanza, il fascino del silenzio tra incantevoli palazzi decadenti che si rispecchiano nell’acqua verde dei canali.









Immersi nella splendida cornice del castello di San Pelagio a Padova, i ragazzi delle classi 1AA e 2AM/AS hanno potuto visitare i luoghi dannunziani dove sono ancora conservate tracce della permanenza del Vate in loco.
Accompagnati dai professori Fila, Grasso, Reggiani, Tosetti e Turnaturi, gli student, dopo l'accurata visita al castello, hanno potuto svolgere attività didattiche mirate alla restituzione dei contenuti presentati dalle competenti guide turistiche.

La dr.ssa Francesca Adami, oncologa in servizio presso il Carlo Poma ha incontrato i ragazzi delle classi 5AS , 5BS e 5CS dell’indirizzo Tecnologico Sanitario del nostro Istituto. Focus dell’incontro il cancro ed i suoi numeri, i fattori di rischio esogeni ed endogeni, gli screening e le neoplasie ereditarie. La dottoressa ha preliminarmente illustrato il volume dei casi stimati nel 2022, poi si è soffermata sui fattori di rischio aprendo una doverosa parentesi sui danni derivanti dal fumo e dall’ alcol e sull’importanza dell’adozione di corretti stili di vita , non solo di natura alimentare. Dopo aver distinto il ruolo fondamentale della prevenzione primaria e secondaria, ha concluso l’intervento illustrando la preziosa attività svolta da molti anni dall’ambulatorio di consulenza onco - genetica istituito presso il nosocomio cittadino.
Su proposta della Commissione Benessere, il Dirigente e i docenti dell'istituto hanno avuto la possibilità di visitare da vicino un'azienda vinicola ubicata nello splendido scenario delle Colline Moreniche. La Tenuta Maddalena di Volta Mantovana ha accolto i visitatori in un clima familiare; sotto la guida esperta della simpatica Giuseppina, è stato possibile visitare i locali della cantina, tra botti in rovere e contenitori più moderni, e scoprire come nascono le diverse varietà di vino: dai bianchi ai rossi, ai rosati, fino alla più recente produzione biologica che unisce modernità e tradizione, in quanto la fermentazione avviene all'interno di anfore costruite con materiale innovativo, ma dal fascino indubbiamente retrò. Giuseppina e le sue colleghe hanno proposto l'assaggio di cinque vini diversi (Chardonnay, Sauvignon, Rosato, Cabernet e Merlot), accompagnati da ottimi salumi e formaggi. Le proprietarie dell'azienda hanno risposto con competenza e disponibilità a tutte le domande e le curiosità dei docenti. Il pomeriggio, allietato anche dalla chitarra del prof. Montanarini, è trascorso in un clima di serenità e divertimento.
Prof.ssa  Caniglia
I ragazzi delle classi 2AA e 2CS si sono recati in Lessinia, accompagnati dalle prof.sse Citriniti, Martini, Morelli e Tosetti. Lo splendido paesaggio carsico ha fatto da cornice al viaggio d'istruzione che è stato impreziosito dalla competente ed esaustiva presentazione geologico-botanica della guida.






















La 1cs, accompagnata dai professori Pirovano e Lui, si è recata al Parco Avventura di San Zeno di Montagna.
Pur essendo l'unica giornata uggiosa di questo periodo, sono riusciti a portare a termine l'avventuroso percorso sugli alberi. Debitamente imbragati alunni e professori, si sono avvicendati su passerelle di legno, ponti tibetani e passaggi aerei, dimostrando coraggio e senso d'avventura.
A causa della pioggia il resto del pomeriggio è stato trascorso passeggiando per le vie di Peschiera del Garda confondendosi con i tanti turisti stranieri.






Le classi quinte hanno visitato il Memoriale della Shoah di Milano: un percorso molto significativo dal punto di vista storico, logistico ma soprattutto emotivo. Sulle tracce delle guide, tra i sotterranei della stazione di Milano si respirava un’atmosfera ricca di tristezza. Tristezza nel ricordare le tante persone che hanno perso la vita. Come loro si entra in un vagone merci, stipati e nella penombra. Sentire il rumore dei treni sopra la testa e la scarsa illuminazione, ha contribuito a far provare lo smarrimento dei deportati; di tanta gente lasciata morire nell’indifferenza totale. 
“L'indifferenza racchiude la chiave per comprendere la ragione del male” (Liliana Segre)



Nella giornata del 4 Aprile, le classi 1AM e 2AM accompagnate dalle docenti Sonia Ferrigno, Ilaria Perdonó e Silvia Timolina si sono recate a visitare l’Azienda di moda Lubiam di Mantova. I ragazzi sono stati accolti nello showroom, dove è stata presentata loro la storia dell’azienda e il funzionamento degli uffici e del sito web. Finita l’introduzione, gli alunni si sono spostati per esplorare il cuore dell’azienda. Sono partiti dall’ufficio creazioni, dove è stato spiegato loro come nasce l’idea di un capo e le varie caratteristiche dei tessuti utilizzati; hanno poi visitato tutta la catena produttiva: dal taglio del tessuto all’assemblaggio delle varie parti, dalla stiratura del prodotto finito fino al controllo qualità finale. La visita è terminata nello spaccio aziendale. È stato davvero molto interessante capire il processo di lavorazione di un abito di alta qualità e quanto impegno e precisione si nascondono dietro ogni piccolo particolare.
Daniela Ortello, Sofia Gatti 1AM




In data 4 aprile, le classi 3AM, 3AR, 3BR, accompagnate dai prof. Caniglia, Cordovana, Gattinoni, Masiello, Restani hanno visitato al mattino il piccolo, ma tra i più bei borghi d’Italia, Arquà Petrarca. Accompagnati dalla guida, hanno conosciuto i luoghi cari a Petrarca: la casa immersa nel giardino, da lui stesso descritta come “piccola, decorosa e nobile”, l’oratorio e la pieve, sul cui grande sagrato oggi è presente la tomba del poeta che era molto religioso. 
Al pomeriggio, hanno proseguito il percorso, visitando le due cittadine accoglienti e con diversi monumenti, di Monselice ed Este, circondate dai verdi colli Euganei che donano scorci particolari. Sole, natura, storia, e socialità sono le parole chiave che hanno contraddistinto la giornata, insieme a “pace”, termine che Petrarca ha usato anche per concludere l’ultima lirica del suo celebre “Canzoniere”.




Descrivere le scelte imprenditoriali della propria famiglia svolte in una storica corte risicola del XV secolo, illustrare i diversi passaggi di questa attività che ha un minimo comune denominatore, il riso, è quanto ha fatto oggi la dottoressa Gazzani con i ragazzi delle classi 2 AA e 2 CS del nostro Istituto. Partire dalla Terra, dalla sua mappatura per concimarla a rateo variabile e realizzare un'economia di risorse dando vita all'agricoltura di precisione 4.0 è il passaggio descritto dalla relatrice che in questo modo, ha potuto illustrare con chiarezza che cosa significhi "fare la cosa giusta nel posto giusto, per coniugare redditività e sostenibilità". Corte Costavecchia è un importante esempio di filiera km 0 a conduzione familiare nella quale si impongono: la coltura del riso, la sua lavorazione, l'utilizzo di questo prezioso cerale nella pienezza della sua declinazione, dalla cucina alla cosmesi. L'amore di questa famiglia per la terra emerge dalla descrizione dei punti salienti di un lavoro di qualità sostenuto anche dall'esposizione di alcune parole chiave:  etica perché la qualità è indice di benessere; territorio perché è necessario fare cultura del made in Italy; innovazione perché differenziarsi è fondamentale. Prima dei saluti finali, la dottoressa Gazzani, fra i calorosi applausi degli studenti che hanno molto apprezzato questa proposta didattica che rientra nel percorso di Educazione Civica, ha invitato i ragazzi a pensare” in grande per dare valore al piccolo”.

Con tanto  entusiasmo e con un pizzico di timore, i nostri “fantastici 4” cestisti si sono impegnati oggi 4 aprile nella gara di 3VS3 pallacanestro maschile, presso il palaTea Arena di Curtatone MN. Presenti tutte le scuole superiori della provincia. Nessun piazzamento di fronte a colossi tutti più grandi dei nostri atleti, ma sicuramente è stata un’occasione di crescita in tutti i sensi e una premessa di futuri successi.
Bravi ragazzi!
Uscita didattica tra le più riuscite per la bellezza del Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri, primo sito italiano riconosciuto dall’Unesco nel 1979, circondato dalle montagne con le punte innevate della Valle Camonica, e per la bravura della nostra guida Nicoletta Gelfi della ProLoco Capo di Ponte (BS).
Gli studenti della 1B del tecnologico sanitario, con gli insegnanti Simone Grassetto e Angelo Montanarini hanno camminato tra le rocce arenarie del parco di Naquane e hanno ascoltato i racconti delle storie dei camuni rappresentate dalle incisioni risalenti per lo più tra l’età del Rame e quella del Ferro.
Visita al Museo MUPRE, situato sempre a Capo di Ponte, che conserva le bellissime stele e massi-menhir istoriati provenienti dai santuari megalitici dell’età del Rame (IV-III millennio a.C.), frutto di scoperte effettuate in anni recenti nella valli di Cemmo, Bagnolo, Ossimo-Anvoia e Ossimo-Pat.
E per finire un'altra salita, stavolta presso la pieve romanica di San Siro risalente al XII secolo, per entrare in una chiesa a strapiombo sulle rocce.




La settimana di ospitalità dei nostri amici grecilettoni e tedeschi, che aveva come argomento l’ACQUA, si è ormai conclusa. La preparazione capillare che ha visto impegnata la Commissione Erasmus negli ultimi mesi – e sempre più freneticamente nelle ultime settimane – ha dato i suoi frutti:
- il tour guidato dagli studenti italiani dei principali luoghi di interesse storico e artistico della nostra città; la visita guidata al Museo Etnografico dei Mestieri del Fiume nel Parco del Mincio a Rivalta con passeggiata fino al Santuario delle Grazie;
- l’escursione di una giornata a Venezia con visita al Muse
o dell’Acquedotto e a piazza San Marco / centro storico con guida parlante inglese;
- la passeggiata lungo Rio per la raccolta e l’analisi di campioni d’acqua con l’aiuto degli studenti del Biologico e la visita alle restaurate Pescherie di Giulio Romano con l’ingegnere Corbellani quale guida d’eccezione;
- la gita a Verona con visione “da vicinissimo” del fiume Adige, dei ponti più belli e del centro con le irrinunciabili Casa di Giulietta e Arena in piazza Bra;
- la gita sul Lago di Garda con passeggiata attraverso Sirmione e visione della stazione di pompaggio della famosa acqua termale, analisi delle acque del lago e visita al sito archeologico delle Grotte di Catullo;
- i tanti lavori didattici effettuati in gruppi misti internazionali presso il laboratorio di informatica al n. 4 del nostro istituto; last but not least, l’uso dell’inglese come lingua veicolare! Per molti una sfida, ma dopo i primi momenti d’impaccio parlare inglese è diventato naturale per tutti.
Gli ospiti stranieri tornano a casa sicuramente soddisfatti e arricchiti dalle tante esperienze vissute in Italia: a scuola, nelle splendide città visitate ma anche – e forse soprattutto – nelle famiglie che li hanno accolti calorosamente ed ospitati per un’intera settimana. A queste famiglie il nostro sentito GRAZIE, ma anche ai 16 studenti del Mantegna che hanno partecipato con entusiasmo a tutte le attività. 
La prossima tappa del progetto Erasmus+ Earthucation? La Germania, a maggio. Sarà l’ultima mobilità di questo mega-progetto e consisterà in un’intensissima settimana dal tema FASHION presso il Martin-Butzer-Gymnasium di Dierdorf per sei studentesse dell’Economico e due insegnanti accompagnatori.

Prof. Ennio Polcini























GLOBAL EDUCATION AND CRITICAL MEDIA LITERACY: ESSENTIAL ELEMENTS IN CONTEMPORARY TEACHING,  è il titolo del corso di formazione ERASMUS PLUS che hanno seguito le prof.sse Conte, Martini, Piva e Tosetti dal 27 al 31 marzo, organizzato da Teacher Academy, a Gand, Belgio.
Il corso è stato l' occasione per conoscere colleghi e scuole di altri Paesi europei (Francia, Romania,  Spagna, Repubblica Ceca, Germania) oltre che di altre regioni italiane e per approfondire/riflettere sul concetto di cittadinanza globale ed altre importanti tematiche legate all'integrazione sociale. Molti sono stati i laboratori realizzati dai gruppi di lavoro preceduti dalla accurata analisi di materiali forniti on line dalla coach trainer e  finalizzati alla preparazione di percorsi didattici poi condivisi fra i partecipanti. 
Il corso è stato anche l' occasione per conoscere la città di Gand, visitare le vicine Bruges e Bruxelles oltre che per assaporare le gustose specialità culinarie del Belgio.

Il 29 marzo le classi 4AR, 4AA, 4BS, 4BR, accompagnate dai docenti Caniglia, Orlandelli, Mellettini, Timolina, Grassetto e Corbellani hanno partecipato al viaggio d’istruzione con meta Venezia.  Attraverso l’immersione, all’interno dell’unica città sull’acqua, gli studenti hanno avuto modo di vivere da vicino le epoche storiche del Medioevo e del Rinascimento. In tre turni separati hanno visitato il maestoso Palazzo Ducale caratterizzato da sale con dipinti su tela, frutto delle capacità di alcuni dei maggiori esponenti del tempo come il Veronese, Tintoretto e Carpaccio, come l’Atrio Quadrato e la sala del Gran Consiglio, raggiungibili atraverso scale ricche di stucchi in oro. La visita è stata condotta da una guida che ha permesso agli studenti di capire le dinamiche dell’amministrazione e della corrente culturale della Repubblica di Venezia. Non sono mancati momenti di condivisione, spensieratezza e sorrisi in cui i ragazzi hanno potuto rafforzare i loro rapporti interpersonali apprezzando la semplicità dello stare insieme.

Carletti Ester

Ottimo secondo posto per il nostro “Dream Team” delle ragazze di pallavolo alle finali del campionato studentesco.
Dopo aver dominato il girone eliminatorio, in semifinale trovano il forte liceo sportivo Belfiore.
Si gioca in un unico set per accedere alla finale e le ragazze lo affrontano in maniera perfetta: con tanta grinta e ottima intesa vincono con un perentorio 25 a 19. La finale è contro l'Istituto “San Felice” di Viadana al meglio dei 3 set. 
Il primo set è al cardio palma con un set-point sprecato dalle nostre ragazze, che poi soccombono per un infinito 28 a 26. 
Il secondo set è di pura tecnica ma il risultato non ci premia e la sconfitta è per 25 a 20.
Medaglia d’argento e tanto orgoglio per le nostre bravissime ragazze. 
Forza Mantegna!
Screenshot 2023 03 25 alle 19.47.08Sempre un'emozione sedersi a teatro. Le luci si spengono e si accendono le emozioni degli studenti di 4° dell'istituto Mantegna. Lo spettacolo a cui hanno assistito si è tenuto al Teatro Ariston di Mantova dove la compagnia teatrale "Il Carro dei Tespi" dei Fratelli Miraglia di Milano, ha messo in scena l'opera "La Locandiera" di Carlo Goldoni. Questa commedia, risalente al 1752, è incentrata sui valori borghesi e aristocratici del '700 e ha come protagonista Mirandolina. Gli attori sono riusciti ad esprimere ogni sfaccettatura caratteriale del proprio personaggio e, con qualche battura un po' gogliardica, si sono mantenuti coerenti alla trama originale. Il giudizio dei ragazzi è che questo capolavoro letterario leggero e coinvolgente, sia stato rappresentato in modo spiritoso, rendendolo attuale e gradevole per pubblico giovane.
Quattro passi in cerca di storia, nel centro storico della nostra città.
È questo che hanno provato a fare gli studenti della 3BR accompagnati dai docenti Masiello e Barbi.
Partendo da piazza Sordello e percorrendo tutto il centro storico, i ragazzi hanno visitato i luoghi principali di Mantova: Palazzo Ducale, la Cattedrale di San Pietro, la Basilica Palatina di Santa Barbara, la Rotonda di San Lorenzo e la maestosa Basilica di Sant’Andrea.
Obiettivo dell’iniziativa, far conoscere da vicino le trasformazioni che la città ha subito attraverso le epoche del Medioevo e del Rinascimento, i tanti personaggi illustri che l’hanno arricchita attraverso le loro opere, le numerose imprese che l’hanno vista protagonista. Non sono mancati riferimenti, oltre alla famiglia Gonzaga, alla storia del Ghetto ebraico, dalla sua istituzione nel 1610, fino all’abbattimento delle porte che segnavano la “separazione”, nel 1798.
Il percorso si è concluso con la visita guidata a Palazzo Te, dimora gonzaghesca, gioiello artistico pensato dall'artista cinquecentesco Giulio Romano.
Lo sguardo, a volte, stupito dei ragazzi e l’interesse che hanno dimostrato, hanno sancito la buona riuscita dell’iniziativa ed hanno fatto comprendere, ancora una volta, come l’apprendimento, attraverso la visita di siti storici e culturali, possa essere proficuo, oltre che profondamente motivante.
prof. Masiello




Inseriti in un girone di ferro, i ragazzi del "Mantegna" danno vita a tre bellissime partite.
Vittoria per 5 a 1 contro l'Istituto "Strozzi" di Palidano a cui segue una vittoria un po' più sofferta contro il "Bonomi Mazzolari" per 3 a 2.
Per il passaggio alle finali, i nostri calciatori devono battere il fortissimo e favorito liceo "Manzoni".
In una partita giocata alla pari in cui i ragazzi lottano su ogni pallone, alla fine a spuntarla sono gli studenti del liceo sportivo del "Manzoni" di Suzzara per 6 a 4.
Bravi lo stesso e soprattutto grande fair play, sia nelle vittorie, sia nella sconfitta.
Bella giornata di sport. 

Mercoledì 22 gennaio 2023 i sedici studenti impegnati nel progetto Erasmus KA2 Earthucation, accompagnati dal prof. Ennio Polcini, sono andati a trovare i loro compagni di 4AA presenti lungo la riva del Lago Inferiore insieme agli studenti di numerose scuole di Mantova e provincia, per partecipare alla ventitreesima edizione di “Fiumi di Primavera” nell’ambito della GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA. L’intero gruppo ha visto con quanta passione gli studenti del Tecnologico, quelli delle altre scuole ma anche esperti di diversi enti e associazioni illustravano, spiegavano e dimostravano con esperimenti come salvaguardare il bene forse più prezioso per l’uomo: l’acqua. E proprio l’acqua sarà il topic che Earthucation ha scelto per la settimana dal 27 al 31 marzo in cui il Mantegna ospiterà studenti ed insegnanti delle tre scuole europee partner di Grecia, Lettonia e Germania. L’argomento acqua sarà analizzato dagli studenti sotto diversi punti di vista con lavori di gruppo a scuola ed interessanti uscite sul territorio nonché la visita di altre città del Nord Italia.

Prof. Ennio Polcini



 


La professoressa Stefania Della Sciucca sta partecipando all'Italian Teacher Program (ITP) Academy al CERN di Ginevra (https://itp.web.cern.ch). Un corso di formazione intensivo di cinque giorni destinato agli insegnanti italiani che desiderano tenersi aggiornati sugli ultimi sviluppi della fisica delle particelle e campi correlati. I partecipanti selezionati hanno l'opportunità di assistere a lezioni tenute da esperti del CERN, eseguire esperimenti di fisica e visitare installazioni di laboratori sperimentali.

Intervento della professoressa Della Sciucca dal minuto 6:25 al minuto 10:58
https://fb.watch/jqF5vwvxRa/





La 23a edizione di Fiumi di Primavera, l'evento che celebra la Giornata Mondiale dell'Acqua, si è svolta il 22 marzo e le classi 3AS, 4AS e 4AA hanno partecipato.
Gli studenti della 3AS hanno riprodotto in dimensioni umane il gioco dell'oca a tema "agenda 2030" per sensibilizzare i bambini sull'importanza della sostenibilità.
Gli studenti della 4AS hanno invece proposto "facce sporche" su tre postazioni, accogliendo bambini e maestre con simpatici disegni.
Infine la 4A ambientale ha organizzato un percorso dentro e fuori l'acqua, dove ha dato la possibilità ai tanti ragazzi che erano in visita di osservare l'acqua a partire dal punto di vista microscopico fino ad arrivare a quello macroscopico, sfruttando la tensione superficiale, una proprietà chimico-fisica dell'acqua, e come i tensioattivi influenzano tale proprietà.
Martedì 21 marzo 2023 i rappresentanti d’istituto assieme ai rappresentanti delle classi quinte del nostro istituto, accompagnati dalla Prof.ssa Caniglia e Prof. Masiello, si sono recati a Milano per partecipare alla Manifestazione regionale in memoria delle vittime innocenti delle mafie.
Dopo essere scesi con la metro a Porta Venezia il gruppo, assieme ad altre scuole mantovane, si è aggregato al corteo fino ad arrivare in Piazza Duomo. Per i ragazzi è stata una esperienza indimenticabile, ricca d’emozione e di condivisione. Numerosi gli interventi, tra cui ricordiamo quello di Don. Ciotti di cui riportiamo di seguito una citazione: “Le mafie vincono dove l’umanità naufraga”.
Oggi, 22 marzo, le nostre cestiste sono state impegnate nel 3VS3 di Pallacanestro, con una agguerrita selezione di scuole mantovane, presso il PalaTeaArena di Curtatone. Dopo tre vittorie, sugli Istituti “Virgilio”, “Fermi” e ” Falcone”, sempre in netto vantaggio sulle avversarie, le ragazze hanno ceduto solo ad un ottimo Liceo “Belfiore”.
La nostra scuola chiude quindi al secondo posto, meritatissimo, grazie al brillante gioco di squadra delle nostre atlete che hanno dimostrato un’intesa perfetta, sia in difesa che in attacco, in ogni fase di gioco.
Finisce così la splendida esperienza con medaglie al collo, coppa in mano, e ancora grinta da vendere.
Orgogliosi di Voi! Bravissime!

  
Nelle giornate tra il 13 e il 16 marzo, i ragazzi delle classi 3AA,3BS,4CR, accompagnati dalle docenti Manicardi, Binotti, Timolina, Lodi Rizzini, Bernini e Masotto si sono avventurati in alcune delle più importanti località della Toscana.
In compagnia delle guide, hanno visitato la basilica di San Domenico e il santuario di Santa Caterina nella curiosa città di Siena, le fortezze medievali di Volterra e la valle del Diavolo, dove i ragazzi hanno intrapreso un’escursione, tra gli sbuffi di vapore e le rocce calde, per capire come la terra trasforma il calore in energia geotermica. Il viaggio è proseguito a Piombino presso l’istituto di biologia ed ecologia marina, luogo in cui si è potuto svolgere della attività laboratoriali di PCTO, concludendo la giornata su una piccola spiaggia locale.
Questo magnifico viaggio si è concluso tra le 14 torri di San Gimignano, dove oltre a visitare il centro storico, sono state degustate squisite specialità del posto. 

 
Il progetto Interforze, inserito all’interno del “Progetto Legalità”, a cura della prof.ssa casa Caniglia, oggi ha offerto l’occasione alle classi prime di poter assistere ad un incontro organizzato dalla polizia postale, compartimento delle comunicazioni per la Lombardia. Con la proiezione di slide, dibattito e visione di video sono state illustrate ai ragazzi una serie di problematiche a cui purtroppo potrebbero andare in contro frequentando la rete: dall’adescamento online, al Sextortion, alle truffe più insidiose.
Tutte le classi sono invitate a svolgere, relativamente alle tematiche affrontate dal Progetto, degli elaborati a scelta, realizzati in forma individuale o collettiva, utilizzando mezzi espressivi vari e lasciando spazio alla più ampia creatività e capacità comunicativa (circ. 405)

Dal 15 al 17 marzo 2023, le classi terze dell'indirizzo economico, accompagnati dai docenti Restani, Maffioli e Masiello, hanno partecipato al viaggio d'istruzione con meta Firenze e Siena. Attraverso le narrazioni delle storie dei principali palazzi e delle grandi opere d'arte, che hanno reso grande il nostro Paese, gli studenti hanno avuto modo di vivere da vicino le epoche storiche del Medioevo e del Rinascimento. Dopo essere rimasti estasiati dalla maestosità del David di Michelangelo, presso Galleria dell'Accademia, hanno potuto ammirare il bellissimo centro del capoluogo toscano: Piazza della Signoria, con Palazzo Vecchio e la Galleria degli Uffizi; Santa Maria del Fiore e la cupola di Brunelleschi. Hanno contemplato le tombe dei grandi della letteratura italiana nella Basilicata di Santa Croce ai piedi del Crocifisso di Cimabue. Hanno potuto apprezzare la bellezza di Palazzo Pitti e del Giardino di Boboli. A Siena hanno ammirato la magnifica Piazza del Campo e la maestosità del Palazzo Pubblico. Un'esperienza culturale appagante e un'occasione di crescita significativa. Non sono mancati momenti di convivialità in cui gli studenti hanno potuto rafforzare i loro rapporti d'amicizia, apprezzando le gioie dello stare insieme.

 
 

I ragazzi delle classi 5AA, 5BS, 5CS, accompagnati dai docenti Anton, Di Monaco, Grassetto, hanno visitato Trieste-Gorizia per il loro loro ultimo viaggio di istruzione. L’obiettivo della gita era quello di offrire loro un’esperienza educativa unica e divertente al tempo stesso, immergendoli in un ambiente ricco di storia e cultura. Sono stati visitati diversi luoghi e musei soprattutto riguardanti le due guerre mondiali. Questo viaggio d'istruzione ha rappresentato un'esperienza che va ben oltre la semplice visita turistica, perché ha saputo offrire un'occasione unica per crescere culturalmente.

Agli studenti della 5BS è stato chiesto un lavoro di restituzione delle loro impressioni su Instagram

Le impressioni delle studentesse Kaur Jasmeen  e Di Luigi Anna.

Il Castello di Miramare a picco sul mare e costruito come dimora dell’arciduca Massimiliano d’Asburgo e della principessa Carlotta del Belgio, era spettacolare sia internamente che esternamente. Abbiamo trovato l’interno del Castello molto affascinante, con le sue ventidue sale con diversi quadri e arredi originali d’epoca. In particolare ci è piaciuta molto la sala dei gabbiani che era la sala da pranzo usata nel periodo invernale con un bellissimo soffitto decorato a cassettoni con gabbiani in volo. Un altro luogo che abbiamo visitato è quello della Risiera di San Sabba che ci è rimasto impresso in quanto ci ha suscitato un mix di emozioni tra ansia e rabbia pensando a quante uccisioni si sono perpetrate tra le sue sale durante i conflitti mondiali. Vedere le 17 celle nelle quali venivano rinchiusi i prigionieri, ci ha fatto venire i brividi e un gran senso di vuoto. Quest’esperienza è stata molto utile per conoscere e comprendere bene il passato della storia dell’Italia. Al Porto Vecchio di Trieste, grazie al diretto interessamento dei docenti, abbiamo visitato il magazzino 18, contenente i lasciti degli esuli istriano e giuliano dalmati, è stato uno dei luoghi che ci ha colpito di più. Osservare le montagne di sedie accatastate, letti, lettere, diari, pianoforti, giocattoli per bambini e altri vari oggetti appartenuti a migliaia di persone private di ogni dignità e libertà, ci ha lasciato un’impronta di tristezza. Tristezza anche nel considerare che di questa gente poco si sa ancora. Vedere tutto questo, ci ha trasmesso un profondo senso di abbandono e di speranze andate in frantumi, in quanto ai profughi istriani è rimasta solo l’illusione di riprendere la propria vita da dove l’avevano lasciata. Ascoltare anche la guida, con la sua commovente interpretazione teatrale della strage di Vergarolla, ricca di emozioni contrastanti, ci ha molto emozionato.
Per quanto riguarda il Museo della Grande Guerra, invece, è stata anch’essa un’esperienza molto bella in quanto i vari oggetti personali, armi, abiti, fotografie ecc ci ha fatto sentire la Prima Guerra Mondiale sin dentro il cuore. In particolare abbiamo trovato anche molto interessante riproporre in maniera virtuale attraverso un breve percorso, la vita dei soldati che hanno combattuto in trincea. Secondo noi i luoghi come questi, dovrebbero essere una meta fondamentale per ognuno di noi, perché sono parte della nostra storia e per questo meritano di essere assolutamente conosciuti.

  
 
Catania Piazza DuomoDal 13 al 17 marzo 2023 le classi 5AS e 5BR, accompagnate dai docenti Caniglia, Pierri, Pierucci e Tomasi, hanno visitato la costa ionica della Sicilia.
Gli studenti hanno avuto modo di vedere luoghi affascinanti e unici, spesso affacciati sul mare, e di approfondire la conoscenza delle varie civiltà che hanno dominato l'isola nel corso dei secoli (Greci, Arabi, Normanni, Spagnoli, per citarne alcuni) facendo esperienza diretta dei luoghi, dei monumenti e delle tracce che esse hanno lasciato sull'isola e di come il profilo della costa sia stato modificato dall'azione del vulcano Etna. Da Taormina, passando per la Riviera dei Ciclopi fino a Catania, per scendere poi verso Siracusa, Noto e Donnafugata, le guide locali hanno accompagnato gli studenti in un viaggio nel tempo che ha unito storia e mito, religione e folclore, arte e cultura, letteratura, teatro e cinema.
Il viaggio ha fornito anche l'occasione per assaggiare alcune prelibatezze tipiche della Sicilia, come i cannoli, gli arancini e la famosa granita accompagnata dalla “brioscia col tuppo”. 
Tra storie di pescatori e di baroni, di Sante e di ninfe, leggende mitologiche e devozione cristiana, la Sicilia ha trasmesso anche una grande lezione di educazione civica: l'integrazione, la commistione di elementi eterogenei, la coesistenza pacifica tra popoli diversi ha saputo creare qualcosa di unico, determinando la bellezza di questa isola.

Prof.ssa Laura Caniglia

Castello di Donnafugata 

Teatro antico di Taormina Teatro Greco di Siracusa

Dal 13 al 17 marzo 2023 le prof.sse Danuta Litwin-Kruszynska (English), Kamila Dabrowska (English), Mariola Frelke Braatz (English), Renata Witucka (ICT) provenienti dal IX Scuola Secondaria di Danzica hanno svolto l’esperienza di job shawowing nell’ambito della progettazione Erasmus dell’istituto. Durante la settimana hanno seguito alcune lezioni e presentato la loro esperienza in diverse classi. Il progetto ha come obiettivo la possibilità di familiarizzare con le strategie di insegnamento dei docenti italiani nell’ottica dello scambio di buone pratiche alla base della formazione in chiave europea. Nell’ottica delle cooperazione in chiave europea sarà possibile svolgere la stessa esperienza per docenti dell’istituto a Danzica ed organizzare ulteriori mobilità per gli studenti come quella svolta a Danzica nello scorso anno scolastico.

Altra mobilità Erasmus tra il personale dell'Istituto Mantegna: il nostro Dirigente Cau Alessandro ha partecipato al corso di formazione "ICT tools for a creative and collaborative classroom" nella splendida cornice di Tenerife, l'isola dell'eterna primavera, nella città di San Cristolbal de la Laguna. Durante il corso, che ha visto la partecipazione di docenti provenienti dalla Germania, dalla Lituania, da Malta, dalla Polonia e dalla Finlandia, sono state presentate diverse applicazioni per la creazione di lezioni, gestione e condivisione dei materiali, realizzazione di quiz, giochi didattici. Il peculiare approfondimento è stato quello di non limitarsi alla presentazione tecnica delle app, ma anche il riflettere sull'utilizzo pedagogico che ciascuno di noi educatori deve ipotizzare contestualmente all'uso di tali strumenti. I panorami mozzafiato dell'isola, le splendide spiagge, l'ottima cucina e qualche "barraquito" hanno fatto da contorno ad una esperienza senz'altro consigliata a tutti.
Due set perfetti regalano alle nostre pallavoliste l'accesso alla semifinale dei Giochi Sportivi Studenteschi.Nel primo parziale le ragazze hanno battuto l'Istituto tecnico "Strozzi" con il punteggio di 25 a 9.
Nel secondo, invece, hanno avuto la meglio per 25 a 10 sull'Istituto "Bonomi".
Con queste due vittorie si sono guadagnate la semifinale contro il liceo "Belfiore" che si giocherà il 28 marzo al Pala Sguaizer.
Sarà una sfida difficilissima, ma a noi piace sognare.
Forza Ragazze!! Siamo tutti con voi!
I Giovani Ambasciatori del bullismo che stanno seguendo la formazione on line proposta dall'Associzione MOIGE, inserita nel progetto di istituto "Peer education-prevenzione al cyber...." hanno realizzato un giornalino di scuola in cui hanno sintetizzato alcune esperienze  e informazioni relative all'argomento per presentarsi agli studenti dell'Istituto come punti di riferimento per la comunità scolastica ".
prof.ssa Tiziana Piva

Scarica il giornalino 

Nella giornata del 9 marzo, i ragazzi delle classi 3AA,AM,AS,BS, accompagnati dai docenti Timolina, Dallolio, Bernini, Merola, Orlandelli, Strazzi, Deleonardis, Pirovano e Gattinoni, sono partiti alla volta di Milano. Si sono avventurati tra le mura del Castello Sforzesco, scoprendo la torre di Filarete, i vari cortili e il grandioso parco Sempione, molto frequentato dai milanesi e reso vivo dalla musica degli artisti di strada e con la vista in lontananza dell’arco napoleonico della pace. Poi hanno fatto un viaggio tra le stelle e i pianeti della volta celeste del planetario più antico d’Italia. Infine, la loro splendida avventura si è conclusa tra le eleganti e affollatissime vie e piazze di Milano, scattando tantissime foto davanti al Duomo.
Un viaggio spaziale! 
“Milan l'è semper Milan”

Articolo di Elisa Maria Pigui, 3BS






 

Mercoledì 8 marzo gli alunni e le alunne, che si avvalgono dell'insegnamento IRC, hanno visitato il convento di san Francesco per un incontro sul tema della realtà carceraria di Mantova. Accompagnati dai docenti Barbi, Giacometti e Fadda, gli studenti hanno, prima riflettuto sul tema dello scarto e della competitività propria della nostra società grazie al contributo di fra Diego Taddei, poi hanno compreso le caratteristiche della casa circondariale di Mantova, grazie all'aiuto di padre Andrei Mesesan, cappellano del carcere.
L'uscita è stata molto apprezzata, soprattutto perché ha permesso agli studenti di conoscere un contesto poco conosciuto del nostro territorio
Questa mattina gli studenti di 4AS, accompagnati dai proff.Fila Giulio e Manicardi Cinzia, hanno attraversato la città di Mantova sulle tracce degli antichi Spedali.
Partiti dal Centro Baratta (ex "spedale" specializzato nella cura della Malattia di Sant'Antonio) sono arrivati all'ospedale Nuovo di piazza Virgiliana, primo esempio di centro di sanità pubblica, ora sede della Polizia Stradale.
Il momento più interessante, però, è stato raggiunto con l'incontro con il Presidente dell'Accademia Nazionale Virgiliana Prof. Navarrini Roberto.
Oltre alla visita all'Accademia Virgiliana, in cui il Presidente ha illustrato le funzioni, gli studenti hanno potuto ammirare i testi manoscritti e una preziosa collezione di antichi strumenti chirurgici.
Al termine della visita ad ogni studente sono stati consegnate due interessanti pubblicazioni.

  








Scrivere è un’attività solitaria, ma gli studenti imparano moltissimo quando la scrittura diventa “laboratorio”: i momenti di condivisione dei testi non si limitano alla lettura in aula dei racconti d’autore e alla riflessione collettiva sulle loro caratteristiche, ma accompagnano l’intero percorso di “scrittura creativa”. Dare la possibilità ad ognuno di essere ascoltato è gratificante per gli “scrittori” e utilissimo per la crescita del gruppo.
Sentendo le osservazioni dell’insegante sugli esercizi svolti dai compagni, gli alunni imparano a riesaminare da sé i propri testi, ne individuano i punti deboli, capiscono come “irrobustire” le loro storie, si interrogano su questioni impensabili, acquistano familiarità con il linguaggio specifico. Gli alunni delle classi 1AE e 1CE hanno sperimentato un percorso di scrittura “creativa” di testi narrativi fantastici partendo dalla lettura e analisi di favole e fiabe e concentrando la loro attenzione sulla struttura delle fiabe in base all’analisi realizzata dall’antropologo russo Vladimir Propp in “Morfologia della fiaba”. L’attività è stata realizzata con la metodologia dell’apprendimento cooperativo, ogni gruppo ha avuto precise indicazioni di lavoro e partendo dalle 31 funzioni individuate dall’autore, dando sfogo a creatività e fantasia ha realizzato una fiaba che è stata presentata alla classe, condivisa e corretta insieme all’insegnante. Infine, per ogni fiaba è stata scelta una musica che potesse avere un collegamento con la storia inventata, dopo una revisione con il gruppo di lavoro, i testi sono stati riscritti e utilizzando l’app “Book Creator” sono stati rielaborati in due libri digitali

 
Si allegano i link per una piacevole lettura

“La magia tra i banchi di scuola” cl. 1AE 
https://read.bookcreator.com/6iePEvOV18bJ10qXbqtMcyjaBaH2/9ekATFDYTeypNwkJw4Dq9Q
“Il giardino delle fiabe” cl. 1CE 
https://read.bookcreator.com/HIa9lmW1U4aRdiI4vVqL5jrlmBs2/ByVuBO72QciIMkhiHMGbdA

Scrivere non è mai trascrivere, è inventare, ossia trovare attraverso le parole, è conoscere attraverso il linguaggio delle parole” G. Pontiggia"

Mercoledì 1 marzo, nella splendida cornice del convento di san Francesco a Mantova, gli alunni e  le alunne che si avvalgono dell'IRC delle classi quinte dell'istituto, accompagnati dai docenti Barbi, Bompieri e Lui, hanno incontrato fra Diego Taddei, frate francescano volontario presso la casa circondariale di Mantova, e padre Andrei Mesesan, cappellano della casa circondariale. Entrambi gli esperti hanno guidato gli alunni alla scoperta della realtà carceraria mantovana, facendo riflettere sul tema dello scarto, di come seguendo una mentalità improntata unicamente alla competizione e alla soddisfazione di bisogni individuali, si creino disparità sociali ed umane e ci si dimentichi di coloro che, pur avendo sbagliato agli occhi della legge e della società, hanno uguale dignità rispetto alle altre persone, proprio in quanto soggetti umani. Il messaggio e le storie raccontate hanno particolarmente colpito i ragazzi e hanno permesso di cambiare prospettiva su una realtà spesso carica di tanti pregiudizi.
 
 

"CAMBIAMENTI CLIMATICI, MIGRAZIONI, DIRITTI DI OGGI E DELLE GENERAZIONI FUTURE” è l’argomento che la dott.ssa Quadranti Isolde, responsabile del Centro di documentazione europea dell’Università di Verona, ha  affrontato in tutte le classi seconde dell’Istituto Mantegna lunedì 27 e martedì 28 febbraio.

Partendo dalla visione di un video realizzato da studenti universitari “Costruire un’Europa verde e sostenibile”, la relatrice ha fatto riflettere gli studenti su come clima, degrado ambientale e catastrofi naturali interagiscano sempre più come fattori alla radice dei movimenti delle persone.
Si definiscono, infatti, migranti ambientali coloro che a causa di improvvisi o graduali cambiamenti ambientali, che colpiscono negativamente la loro vita o condizioni di vita, sono obbligati a lasciare la propria abitazione, temporaneamente o in modo permanente, e che si spostano in un’altra area del proprio paese o all’estero. Gli sfollati e i migranti climatici sono spesso invisibili, ma in crescita e presenti anche nei Paesi ad alto reddito. Gli effetti dei cambiamenti climatici e dei disastri naturali hanno un impatto sproporzionato sui paesi a risorse più limitate , così come su gruppi svantaggiati: minoranze, donne e bambini. L’ UNHCR (“United Nations High Commissioner for Refugees”), cioè Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, nel report 2022 ha evidenziato che le persone che sono state costrette a fuggire per colpa di conflitti, violenze, violazioni e persecuzioni sono, per la prima volta, più di 100 milioni, ossia più di 1,5 volte la popolazione italiana e circa l’1 per cento della popolazione mondiale. E nel futuro? L’ IPCC (Climate Change 2022),gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico e la Banca Mondiale hanno stimato che  nei prossimi 30 anni oltre 216 milioni su scala globale potrebbero abbandonare le proprie terre e divenire migranti ambientali. Come conclusione la dott.ssa Quadranti ha posto agli studenti la questione del caso ipotetico di un cittadino dell’isola di Tarawa, nella Repubblica di Kiribati (atollo dell’Oceano pacifico del sud) che nel 2013 ha  richiesto  asilo alla Nuova Zelanda in quanto l’innalzamento dei mari causato dal riscaldamento globale rischiava di sommergere completamente l’isola dove egli viveva con la sua famiglia.
I ragazzi dopo essersi confrontati in gruppo e aver ipotizzato varie soluzioni sono stati condotti dalla relatrice alla soluzione del caso: “ Il governo della Nuova Zelanda riconosce la minaccia reale per le isole Kiribati a causa dei cambiamenti climatici, ma respinge la richiesta del sig. Teitiota e lo rimanda nel suo paese di origine in quanto non esposto ad un rischio imminente per mancanza di evidenza del fatto che il governo del Paese fosse stato carente nell’offrire protezione ai propri cittadini”.        
L’attività ha coinvolto gli studenti suscitando interesse e curiosità.

Prof. Tiziana Piva

 

L’esposizione, attraverso la biografia di Anne Frank, illustra il tema della persecuzione degli Ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale . Le fotografie, in gran parte inedite, le immagini e le citazioni delle pagine del diario di Anne fanno emergere le condizioni in cui la famiglia Frank fu costretta a vivere durante il periodo nazista. L’intreccio di due piani narrativi, la storia di Anne e della sua famiglia da un lato e gli eventi che stavano travolgendo l’Europa in quegli stessi anni dall’altro, riesce a mettere in rilievo temi quali il fanatismo politico e la ricerca di un capro espiatorio, le epurazioni, l’atteggiamento nei confronti degli Ebrei, la Shoah e le violazioni dei diritti umani. La mostra è suddivisa in cinque periodi ordinati cronologicamente che consentono l’approfondimento di altrettante tematiche:
1929-1933: i primi quattro anni di vita di Anne, l’ascesa del Partito Nazionalsocialista in Germania. 1933-1939: la fuga in Olanda della famiglia Frank. L’espulsione degli ebrei dalla Germania e la loro persecuzione. 1939-1942: l’inizio della persecuzione degli Ebrei. 1942-1945: il periodo di clandestinità dei Frank nell’alloggio segreto, il diario di Anne e la deportazione.
Dal 1945 a oggi: le reazioni alla pubblicazione del diario e la società del dopoguerra.

“Anne Frank, una storia attuale”, mostra fotografica allestita presso la Casa del Mantegna visitata dagli studenti della cl. 2AE mercoledì 22 febbraio. La mostra ha fornito agli studenti lo stimolo alla riflessione sul significato di ideali quali la tolleranza, il rispetto reciproco e la democrazia, valori fondamentali per il mantenimento di una società democratica e pluralista. 

 

Nei giorni 10 e 17 Febbraio si sono tenute, rispettivamente per la sede Polveriera e sede centrale, le due assemblee d’istituto sul tema “musica ed emozioni”. Grazie alla visione del commovente film “La musica nel cuore” e agli interventi ricchi di professionalità e passione degli esperti Anna Luppi, cantautrice mantovana, e del dott. Francesco Bonfà, psicoterapeuta e musicoterapeuta, gli studenti hanno vissuto momenti ricchi di formazione, leggerezza, divertimento. La possibilità di essersi riuniti, finalmente in presenza, per un momento di condivisione ha reso questo momento estremamente arricchente e al tempo stesso emozionante. Infine è stato splendido vedere compagni e docenti nel ruolo di musicisti e cantanti, occasione di mostrare un talento che altrimenti sarebbe rimasto sconosciuto nel contesto scolastico.

“Affettività, sessualità e adozione” sono state le parole chiave, utilizzate dalla dottoressa Gonnelli e dalla dottoressa Marchini, per illustrare ai ragazzi delle classi seconda e quinta del tecnologico del ltet Mantegna che cosa significhi  “genitorialità responsabile”.
Nel corso di due sessioni, tenutesi nei primi giorni di febbraio,  le specialiste hanno illustrato ai ragazzi le tematiche e i relativi argomenti,  suscitando l'attento interesse degli studenti che hanno partecipato ponendo domande specifiche, talvolta personali all’interno di un contesto unico. Focus particolare è stato dedicato al tema dell'adozione, alle sue molteplici articolazioni di carattere affettivo, educativo e sociale: l’approfondimento del concetto di coppia, delle sue possibili fragilità, ad esempio, di fronte alla  scoperta dell’infertilità , del desiderio di superare tali problematiche che hanno matrici diverse. Non sono mancati momenti di riflessione, dati dalle tematiche affrontate dalle relatrici con grande sensibilità e competenza, frutto di anni di esperienza maturata sul campo. Il quesito che rimane e che viene affidato a queste nuove generazioni è che cosa rappresenti oggi il concetto di responsabilità collegato ai rapporti affettivi .
Permane la volontà di proseguire anche il prossimo anno scolastico il percorso intrapreso quest’anno.

Nella cornice dell’assemblea di istituto di venerdì 10 febbraio sul tema “Musica ed emozioni”, dedicata, in questa prima data, al settore economico, alcuni studenti delle classi 2AE, 2BE e 4BR, affiancati dalla prof.ssa Valeria Vecchi, hanno condiviso l’esperienza che stanno vivendo nell’ambito del progetto “Musica e lingue per l’inclusione”. Dopo una breve introduzione dell’insegnante sulla genesi e gli obiettivi dell’attività, che è al suo primo anno di vita nell’istituto e coinvolge altri tre docenti del settore economico, le proff.sse Amalia Manuela Berardi, Elisa Masotto e il prof. Angelo Montanarini nelle tre classi sopra citate, ciascuno degli studenti ha messo in luce uno o più aspetti significativi delle attività finora svolte in classe. Il linguaggio universale e inclusivo della musica, il fascino e la musicalità dei diversi idiomi, il coinvolgimento fisico ed emotivo che i brani condivisi hanno suscitato, l’intento di sviluppare una maggior consapevolezza in qualità di ascoltatori e l’dea di valorizzare la musica per rendere crescita e relazioni umane più armoniose sono alcune delle idee emerse dalle narrazioni.

Alcune studentesse hanno raccontato a tutti i presenti l'esperienza di “didattica con musica e lingue”, in vista di un possibile proseguimento delle attività per le loro classi, ma anche in prospettiva di un coinvolgimento di altre classii per il prossimo anno.

Splendida e calda accoglienza per gli studenti e i docenti che hanno partecipato alla mobilità Erasmus "Earthucation" a Veroia in Grecia dal 5 all'11 febbraio.
Anna Chiara, Elettra, Sebastian e Sofia sono stati coinvolti in varie attività aventi come focus il "food" sia nella scuola greca che durante le uscite didattiche a Veroia, Vergina, Salonicco e Velvento.
L'attività che ha coinvolto molto i nostri studenti è stata la preparazione di ben 10 sbrisolone, dolce tipico mantovano molto apprezzato da tutti.
Le famiglie greche hanno ospitato gli studenti in maniera talmente calorosa da farli sentire come a casa loro.
La prossima mobilità di questo progetto sarà in Italia e tutti noi non vediamo l'ora di incontrare nuovamente gli studenti e i docenti della Germania, Grecia e Lettonia.

Sala civica 
Sabato mattina, 4 febbraio i ragazzi francesi sono ripartiti da Mantova per tornare a casa dopo una settimana coinvolgente e ricca di attività condivisa con i nuovi amici che li hanno ospitati.
Le visite della settimana sono infatti proseguite alla scoperta di Venezia, Sirmione, Borghetto e Verona. 
L’opportunità di scambio finanziata grazie al progetto Eramsus e’ stata positiva per i ragazzi che hanno vissuto l’esperienza con l’energia e l’entusiasmo che rendono questi momenti significativi e di crescita. 
La Commissione Erasmus e’ già al lavoro per l’organizzazione delle mobilità di gruppo per gli alunni nel prossimo anno scolastico. 

E’ iniziata la settimana di ospitalità dei ragazzi francesi nell’ambito del progetto Erasmus.
23 ragazzi, accompagnati da 3 docenti, sono arrivati domenica da Isle sur la Sorgue (Francia) e sono stati accolti con entusiasmo dai nostri studenti che li ospitano.
Come prima giornata, lunedì, i ragazzi hanno scoperto il centro di Mantova con una coinvolgente caccia al monumento che ha visto come vincitrice la squadra del blue team. La giornata è proseguita con la visita a Palazzo Te.
Martedì gli studenti hanno proseguito le attività con le visite guidate di Sabbioneta e di Palazzo Ducale di Mantova.
Tutte le visite effettuate in questa settimana sono gratuite per i ragazzi che stanno ospitando gli amici francesi e finanziate con i fondi del progetto Erasmus.

 
Il 27 gennaio è la Giornata in cui celebriamo la Memoria che è la nemica dell'Indifferenza, tanto additata da molti testimoni della Shoah come la vera autrice dell'Olocausto, colei che ha prodotto e permesso il perpetrarsi di un capitolo così spaventoso e crudele della nostra storia. Per combattere tale Indifferenza e mostrare che, anche nell'inferno più orrendo, l'essere umano è ancora capace di amore, le classi 1CE, 2BE e 5BR, Barbi, hanno realizzato alcuni cartelloni ricordando i nomi di alcuni Giusti tra le nazioni, persone non ebree che rischiarono la vita per salvare ebrei dalla morte e dalla deportazione. 

Venerdì 27 gennaio alle 10.30 nella sede del Conservatorio “Lucio Campiani”, in via della Conciliazione 33, si è svolta la cerimonia ufficiale commemorativa della Giornata della Memoria a cui hanno partecipato gli alunni della cl. 2AE. La cerimonia è iniziata con un momento musicale a cura del Conservatorio, a seguire  le studentesse Khrystyna Didyk, Zandonà Asia, Coppiardi Camilla, hanno letto alcuni passi da "Se questo è un uomo" di P. Levi, dal “Diario” di Anna Frank e alcune poesie e lettere  ritrovate nei campi di concentramento, infine hanno concluso con la testimonianza di Liliana Segre. Hanno proseguito gli studenti del Liceo Virgilio con una breve performance su testi vari dal campo di Terezin e da “La notte” di Elie Wiesel. La seconda parte della mattinata è stata dedicata alla consegna delle Medaglie d’Onore alla memoria degli insigniti mantovani a cui è seguito un breve convegno presieduto da Massimo Allegretti, presidente del consiglio comunale, e aperto dall’intervento di Carlo Bottani, presidente della Provincia di Mantova che è  proseguito con la prolusione: “Il genocidio tra memoria e rimozione: una sfida per il presente”, tenuta dal professor Piero Simeone Colla, docente di storia politica all'Università di Strasburgo. La conclusione è stata affidata al sindaco di Mantova Palazzi che ha ribadito come la Giornata della Memoria non deve essere un rito, per non appiattirci dobbiamo porci nuovi interrogativi e pensare ogni anno a nuove modalità per ricordare tutto l’anno questo aspetto orribile della nostra storia.


In occasione della Giornata della Memoria, martedì 24 gennaio, le classi seconde dell'Istituto hanno dialogato con il prof. Carlo Saletti, direttore scientifico dell'Istituto di storia contemporanea di Mantova che ha tenuto la lezione nella cl. 2AE collegandosi in modalità on line con le altre classi. Utilizzando fotografie, cartine tematiche, istogrammi, ecc...il professore ha fornito ai ragazzi le principali informazioni storiche che hanno permesso di approfondire i concetti di sterminio, genocidio, crimine di massa degli Ebrei a seguito delle leggi razziali emanate in Germania e in Italia dai dittatori dei principali sistemi totalitari del 900, che hanno indossato "la maschera dell'odio", allegoria molto efficace utilizzata dal relatore  per spiegare la principale motivazione del genocidio. 
Ringraziamo l'Istituto di storia e il prof. Saletti per averci offerto questa proficua collaborazione.


Gli studenti delle classi terze e quarte dell'Istituto "A. Mantegna" partecipanti al progetto classe Inclusiva, insieme a studenti del biennio, hanno preso parte alle giornate " Open day", affiancando i docenti nell' accogliere i genitori e gli studenti dell'ultimo anno della scuola secondaria di primo grado. Hanno presentato l’Istituto raccontandosi attraverso le esperienze didattiche e formative, delle quali sono i protagonisti: scambi internazionali, esperienze di PCTO, viaggi d' istruzione, progetti. Soprattutto hanno condiviso con il pubblico presente le tappe fondamentali del loro percorso al Mantegna, a partire dalle prime classi, attraverso la voce degli studenti del biennio, fino ad arrivare agli studenti delle classi degli ultimi anni. La presentazione delle varie attività si è unita alla narrazione delle loro emozioni, aspettative, timori e cambiamenti, il tutto lasciando spazio a domande poste dai genitori e dai ragazzi presenti.
 
Il progetto classe Inclusiva è un progetto d' Istituto ormai attivo da cinque anni, grazie ad un lavoro di rete tra insegnanti, studenti, genitori e volontari esperti esterni.
Fondamentale è il supporto che il percorso fornisce nella formazione del gruppo classe durante gli anni del biennio, grazie agli interventi del prof. Bruno Miorali, esperto volontario esterno, coordinati all'azione quotidiana in classe dei docenti che aderiscono al progetto. Per il triennio il percorso prevede il coinvolgimento dei ragazzi in diverse attività: partecipazione alle giornate Open Day, tutoraggio verso i ragazzi del biennio, raccolta di informazioni da parte degli studenti delle classi terze e quarte del progetto, relativamente ai primi mesi di attività di tutti i rappresentanti di classe, allo scopo di migliorare e arricchire, dove possibile, il dialogo con i compagni e con i docenti.
Si comunica che a partire da giovedì 26.01.2023 sarà attivo lo sportello di consultazione psicologica, gestito dalla psicologa, dott.ssa Elena Bongiovanni.
L’accesso allo sportello è gratuito e libero sia per gli adulti che per gli studenti. Per gli studenti minorenni è necessaria l’autorizzazione di entrambi i genitori.
Il servizio dello sportello psicologico è volto a favorire la promozione del benessere dell’intera organizzazione scolastica, attraverso la creazione di luoghi deputati all’ascolto supportivo dei propri vissuti e bisogni sia personali che professionali.

DESTINATARI: Personale Docente, Personale Ata, Studenti, Famiglie.

L’informativa completa è reperibile sul sito della scuola
https://www.itetmantegna.edu.it/docenti/notizie/1303-sportello-psicologico
Le scatole viola, che contengono prodotti del fabbisogno delle ragazze, saranno collocate in tutti i servizi igienici femminili di tutte le sedi d’istituto.
Tuttavia le ragazze che ne usufruiranno dovranno, il giorno successivo, rifornire a loro volta le scatole da cui hanno preso qualcosa per un urgente bisogno.
Questa idea, voluta unanimemente dai quattro rappresentanti d’istituto, si basa sul concetto dello “sharing” che presuppone la capacità di dimostrare maturità, rispetto e condivisione. Con le “emergency pink box” si vuole altresì risolvere i problemi dallo smaltimento erroneo dei prodotti per l’igiene femminile. 
Dopo tre lunghi anni di rinvii e di stop, nella giornata del 20 gennaio 2023, i coraggiosi e tenaci studenti del Mantegna hanno potuto finalmente partecipare alla corsa campestre scolastica. Organizzata nell'area verdeggiante di Bosco Virgiliano.
Accompagnati da un insolito e caldo sole mattutino, i giovani atleti hanno messo alla prova la loro resistenza, sfidandosi in una sana competizione all'ultimo fiato, tra guance infreddolite e percorsi sterrati. Un'occasione stimolante, per confrontarsi e per correre insieme a ragazzi pieni di passione e dedizione per la disciplina.
Professori e alunni hanno riassaporato quei momenti di collettività che da troppo tempo mancavano, trasformando una normale giornata scolastica in un momento di puro sport.
Ognuno ha dato il meglio di sé, esplorando i propri limiti, come è stato e come dovrebbe essere sempre.
#mantova #mincio #boscovirgiliano
#corsacampestre #scienzemotorie 

Chi può usufruire del servizio? Tutti i ragazzi che hanno interamente pagato il contributo volontario per l’anno scolastico in corso possono usufruire del servizio fotocopie, fino a 300 in un anno. Dove? -Sede centrale: tutti i giorni dalle 9.00 alle 12.00 presso la sala insegnanti; -Sede N4: tutti i giorni dalle 9.00 alle 12.00 presso l’androne a piano terra; -Polveriera: tutti i giorni dalle 9.00 alle 12.00 presso l’androne centrale.

Importante: Per poter usufruire del servizio bisogna fare richiesta tramite mail alla scuola; I tempi di attivazione potranno richiedere fino a 7 giorni dal giorno di invio della mail di richiesta; In caso di uso non corretto del servizio, questo verrà disabilitato definitivamente.

Per maggiori informazioni sulle procedure di attivazione consultate la circolare N 379

Il progetto #questononèamore, proposto dalla Questura di Mantova in collaborazione con la ditta CLECA di San Martino e la Polizia di Stato, invita tutti gli studenti della provincia a scrivere una parola o una frase per rappresentare ciò che secondo loro è o non è amore, da inviare per la giornata di San Valentino. È un’iniziativa che finalmente dà voce ai giovani e che fa riflettere su quanto il sentimento dell’amore, che dovrebbe essere improntato sulla libertà, sostegno e rispetto, venga confuso con ciò che semplicemente è tossico e malsano in un rapporto emozionale.

Per maggiori info leggi la circolare 371.


#violenzasulledonne #questoèamore #questononèamore #denuncia @poliziadistato_officialpage @direcontrolaviolenza

Al Mantegna continuano gli incontri inseriti nel progetto Percorsi di memoria.
Mercoledì 18 gennaio la signora Smaila Marina, esule istriana vissuta a Mantova durande il periodo dell'esodo dalla sua terra negli anni successivi alla seconda guerra mondiale, ha incontrato le classi prime del settore tecnologico.
La sua testimonianza ha catturato l'attenzione degli studenti che hanno dimostrato interesse ponendo domande pertinenti che hanno commosso Marina.
Con piacere docenti e studenti la ringraziano per la sua disponibilità."
 
 

Martedì 17 gennaio 2023 gli studenti impegnati nel progetto Erasmus KA2 “Earthucation”, accompagnati dai proff. Ennio Polcini e Paola Menegazzo, hanno sfidato la pioggia per recarsi all’incontro con Marco Bertoni, giovane imprenditore e titolare di ContadiNostrano. L’Azienda – fondata dai Bertoni nel 2009 – nasce come rivendita agricola di prodotti a KM0 nella città di Mantova per poi trasformarsi in un vero e proprio ristorante a impatto zero sull’ambiente. Tramite un’intervista condotta dai ragazzi, l’intero gruppo ha potuto scoprire di più su questo mondo: i danni causati dalla pandemia del COVID-19, la concorrenza con i grandi supermercati a causa dei prezzi bassi e la difficoltà a far comprendere al cliente medio i pregi di un prodotto a KM0. Le parole d’ordine per Marco Bertoni sono QualitàSemplicità e Velocità: portare a tavola un prodotto di alta qualità, che rispecchi la tradizione della nostra terra e che sia di veloce preparazione, azzerando allo stesso tempo gli sprechi. Questa è la filosofia che ha regnato sull’uscita, apprezzata ancora maggiormente grazie all’assaggio, gentilmente offerto, di una deliziosa sbrisolona fatta in casa.

Gli studenti di Earthucation


 




L'attestato certifica come nell’anno accademico 2021-22 abbiamo iscritto e preparato i nostri studenti agli esami Cambridge.
Anche in questo anno scolastico sono stati organizzati i corsi in preparazione alle certificazioni di lingua inglese di livello B1 e B2. L'esame finale si svolgerà presso la sede del Mantegna il 10 marzo 2023.

ATTESTATO

Le foto parlano da sole: è stata una serata bellissima, con tanti sorrisi, voglia di cantare e di divertirsi. Per una sera abbiamo messo da parte compiti e verifiche, e il rosso delle penne l’abbiamo indossato in un particolare che ricordasse il Natale. L’occasione è stata la cena di Natale del personale scolastico dell’ITET Mantegna, organizzata dalla Commissione Benessere venerdì 16 dicembre, che ha visto partecipare più di 50 persone in un’atmosfera di grande festa presso l’agriturismo Corte Costavecchia a San Giorgio Bigarello. La serata è stata movimentata dalla chitarra e dalla voce del prof. Montanarini, che è riuscito a rendere l’atmosfera ancora più festosa e coinvolgente. È stato bello vedere Dirigente, professori, professoresse e collaboratori lasciarsi andare e fare festa con spensieratezza.

Commissione Benessere

Da martedì 13 dicembre hanno preso avvio  le iniziative inserite nel Progetto d'Istituto "Percorsi di Memoria" con incontri rivolti alle classi quarte e quinte svolti in modalità on line con la signora Anna Maria Crasti, esule istriana di Orsera  che anche negli passati ha portato la sua testimonianza agli studenti del nostro istituto.
Quest'anno abbiamo avuto il piacere di accogliere in presenza la signora Marina Smaila, esule da Fiume che mercoledì 14 dicembre ha incontrato le classi prime del settore economico. Smaila ha portato la sua preziosa e emozionante testimonianza agli studenti raccontando con passione la sua esperienza di bambina che ha dovuto abbandonare la sua casa natale di Fiume a soli 10 anni travolta dalla seconda guerra  mondiale quando i territori di Istria, Venezia Giulia e Dalmazia diventarono luogo di nazionalismi ed ideologie che costrinsero molti abitanti a fuggire verso Trieste e l'Italia. Marina giunse al campo profughi di Mantova dove rimase per qualche anno che ricorda con tristezza e dolore, ma lancia un messaggio di grande valore, "la storia insegna a non ripetere gli errori, può ispirarci ad essere migliori, può renderci più umili, più consapevoli. Aiutiamoci a mantenere vivo il ricordo e ad alimentare sempre più la cultura della non violenza e del rispetto per il genere umano, a riflettere, non solo nelle giornate dedicate alle commemorazioni, ma ogni giorno, portando nella nostra quotidianità sentimenti di altruismo, di sostegno e vicinanza al prossimo".

Tiziana Piva 

In alcune classi dell'Istituto, si sono svolti in questi giorni interessanti incontri sul tema del cyberbullismo promossi dalla  rete provinciale di scuole di contrasto al bullismo e cyberbullismo che ha attivato per il biennio il progetto  “Fare squadra per vincere in rete” proponendo laboratori partecipativi di educazione digitale dove gli studenti in maniera attiva, sotto la guida di un  esperto, realizzano giochi didattici sul benessere digitale. Gli incontri si sono svolti prevalentemente su piattaforma on line, la classe 1AA ha avuto l'opportunità di svolgere anche un incontro in presenza realizzando un social game. Il “Progetto Fare squadra per vincere è un progetto educativo di formazione/informazione sui nuovi media che, seguendo il DigComp europeo (quadro di riferimento in UE per la cittadinanza digitale), punta a promuovere le competenze digitali e il benessere digitale nella comunità locale per la diffusione di una cultura digitale solida e condivisa tra le generazioni, stimolando in modo innovativo e partecipativo il confronto tra pre-adolescenti/adolescenti.
Anche alcune classi del triennio partecipano a un percorso laboratoriale volto a  formare e preparare i ragazzi all’utilizzo consapevole di Internet finalizzato ad accrescere la conoscenza dei pericoli del web. L’obiettivo è quello di realizzare prevenzione e sensibilizzazione sui rischi derivanti dall’utilizzo improprio di Internet da parte dei ragazzi, quali ad esempio cyberbullismo, sexting e pedopornografia. Considerando che il cyberbullismo è correlato al bullismo in ambito scolastico e spesso ne è una continuazione, l’obiettivo è quello di promuovere una cultura della rete “sana”  fornendo elementi e strumenti di base per la prevenzione e il riconoscimento di comportamenti volti al bullismo e al cyberbullismo e di contrastare la diffusione di comportamenti offensivi e lesivi nei confronti degli altri.

Progetto_fare_squadra_per_vincere_in_rete
Progetto "A.I.C.S_CYBERBULLISMO"
Il 10 dicembre, giornata mondiale dei diritti umani, si è tenuta la prima assemblea d'istituto dell'anno scolastico 2022/23 dell'istituto Mantegna. Il tema è stato la pena di morte. Dopo aver guardato il film "Il diritto di opporsi" molto stimolante e apprezzato, gli studenti hanno dialogato con le due volontarie di Amnesty International Cristina Tarchini e Daria Riberti, e infine hanno realizzato alcuni testi, slogan o video sul tema della pena di morte a partire da testi offerti.

Mercoledì 30 novembre gli studenti rappresentanti d'istituto (Luca Brusini, Riccardo Buratto e Andrei Ferrari), accompagnati dal prof Barbi, hanno partecipato alla presentazione del progetto dal titolo "L'8 con te" che propone l'esperienza di un’arrampicata a coppie miste maschio-femmina, come metafora che descrive l'esperienza della violenza sulle donne nelle giovani coppie e al tempo stesso rappresenta la necessità di un percorso di responsabilità reciproca di uomini e donne per la lotta e il superamento di questa piaga sociale. L'evento, che ha avuto luogo presso il teatro Ariston di Mantova, ha visto la presenza delle due assessore Chiara Sortino e Alessandra Riccadonna, della presidente del Centro aiuto alla vita di Mantova e della psicologa e psicoterapeuta dott.ssa Laura Pomicino. È stato un ottimo momento di dialogo con gli studenti delle scuole mantovane sul tema delle varie forme di violenza sulle donne e sull'importanza che tale progetto possa rivestire nella prevenzione e nella lotta al fenomeno.

Sabato 26 novembre 2022 si è svolto il secondo open day del Mantegna che ha visto la presenza di 50 studenti di terza media e di altrettanti accompagnatori venuti a conoscere l'offerta formativa del nostro Istituto.Ad accoglierli insegnanti, studenti ed ex studenti che hanno voluto condividere la loro esperienza al Mantegna e il loro percorso dopo l'Esame di Stato. Una bella e piacevole occasione di incontro e confronto con la visita ai nostri laboratori e il dialogo con i loro pari. Altri appuntamenti in tutti i prossimi sabati fino al 21 gennaio 2023.
Ringraziamo tutti per la partecipazione e collaborazione.
La Commissione Orientamento
referente Prof. Pierangela Orlandelli

#openday2022 #offertaformativa #sceltaconsapevole





Gli alunni ,delle classi 4^BS,4^AA,5^CS e 5^BS, hanno partecipato ad un evento del progetto "Risorgimentale": la proiezione del Docufilm “La Gloriosa Sventura” sulla battaglia di Curtatone e Montanara e il video che spiega gli effetti speciali utilizzati per la ricostruzione storica. Interessante approfondimento a seguire, incentrato sull’argomento della resistenza. All’evento hanno partecipato i realizzatori del Docufilm, i Sigg. Roberto Baldassari , Giacomo Cecchin e Graziano Menegazzo, il Sindaco del Comune di #Curtatone e Presidente della Provincia di Mantova Sig. Carlo Bottani e l’assessore al Turismo del Comune di Curtatone Manuel Pignatti. Si ringraziano inoltre i docenti: Grassetto Simone Grassetto, Di Monaco Roberta Di Monacoa, Caniglia Laura Caniglia, Masotto Elisa Masotto, Giulia Gattinonii #approfondimentostorico #docufilm #eventi #CurtatoneMontanara Città di Curtatonee #comunedicurtatone
docu2

Nella classe 1BE, i proff. Masiello Vittorio e Berardi Manuela, hanno proposto due attività formative attraverso la metodologia del “Circle time”: in una prima fase i docenti hanno stimolato gli studenti con una riflessione in riferimento alle loro aspettative per quest’anno scolastico ed in una seconda fase la riflessione è partita dal “Manifesto pedagogico” della Mantua farm school relativo alle strategie educative che sostengono un processo di apprendimento attivo ed efficace. Il confronto, che prevede altre proposte nel corso dell’anno scolastico, mediato e facilitato dai due docenti, ha visto una partecipazione vivace degli allievi ed ha avuto come focus: costruire un gruppo classe coeso e rispettoso delle specificità di tutti e di ciascuno, stimolare lo spirito critico degli studenti, favorire l’ascolto condiviso, potenziare le capacità di riflessione, dare spazio all’emotività, rendere gli studenti protagonisti consapevoli della propria crescita formativa.

Prof. Vittorio Masiello
Prof.ssa A. Manuela Berardi











VINCITA CONCORSO “Bullout stop bullismo e cyberbullismo” indetto dalla Rete delle scuole della provincia di Mantova “Rete #attentialbullo- Mantova Ambiti 19- 20” nell’A.S. 2021/22. Soddisfazione per gli studenti Oliosi Sara (cl. 2AE), Didyk Khrystyna (cl. 2AE), Boudal Badreddine (cl. 2BE), Giacomo Kenneth Cestari (2AA), Sarzi Sofia (2AA), Miriam Fanigliulo, che si sono classificati al 1° posto nella sezione multimediale  del Concorso “Bullout stop bullismo e cyberbullismo” indetto dalla Rete delle scuole della provincia di Mantova “Rete #attentialbullo- Mantova Ambiti 19- 20” nell’A.S. 2021/22.
La partecipazione al Concorso è stata inserita nel progetto d’Istituto “Peer education: prevenzione al Cyberbullismo” che gli studenti hanno seguito accedendo anche alla formazione on line proposta dall’ Associazione MOIGE e conseguendo l’attestato di Ambasciatori del cyberbullismo. Il progetto, rivolto alle classi prime, prosegue anche nell'anno scolastico in corso e vede una nutrita partecipazione di studenti motivati a riflettere su tematiche di estrema attualità e a condividere idee e pensieri discutendo tra pari.
L’iniziativa è finalizzata a incentivare un utilizzo consapevole del Web e dei Social media, in particolare, a contrastare Hate speech (linguaggio d’odio), Fake news (disinformazione) e Cyber bullismo (bullismo su internet).
prof.ssa Tiziana Piva

Da domenica 20 a sabato 26 novembre una ventina di studenti selezionati sono stati in Francia per incontrare i loro coetanei del Liceo Alphonse Benoit di Isle sur la Sorgue. Hanno visitato Avignone, Aix en Provence, Arles e il borgo di Gordes. L'attività a scuola li ha visti impegnati, invece, nella presentazione dei lavori di gruppo sul tema dello sviluppo sostenibile. Gli studenti del Mantegna hanno appreso informazioni circa la città di L’Isle sur la Sorgue e le attività economiche della zona.
Accompagnatrici e guide: prof.ssa Mellettini e prof.ssa Tomasi

Il progetto Erasmus+ KA2 “Earthucation”, che ha mosso i primi passi nel 2019, prevede non solo l’approfondimento della tematica “Sostenibilità & Sufficienza” attraverso le mobilità di studenti e insegnanti presso le quattro scuole europee coinvolte (GermaniaGreciaItalia e Lettonia) ma anche momenti in cui gli insegnanti che hanno steso il progetto e lo stanno portando avanti si incontrano – online e fisicamente – per fare il punto della situazione, valutare i risultati ottenuti, risolvere gli inevitabili problemi, organizzare le future mobilità, ma anche formarsi ed aggiornarsi. Nel settembre 2021 era stato il nostro istituto ad ospitare la cosiddetta “Staff Training Week”: per una settimana i colleghi stranieri avevano lavorato a fianco della commissione Erasmus nella biblioteca del Mantegna per implementare “Earthucation” al meglio. Quest’anno è stato il 3rd Gymnasium di Veria (Grecia) ad assumersi l’onere di organizzare una settimana di intenso lavoro dal 21 al 25 novembre, in cui i sette insegnanti coinvolti hanno potuto scambiare le proprie idee per armonizzare proficuamente i tanti approfondimenti fatti dagli studenti sia nel proprio Paese di origine che all’estero durante le passate mobilità a:

  • Dierdorf / Germania (“mindfulness” - novembre 2021);
  • Veria / Grecia (“energy” – marzo 2022);
  • Ogre / Lettonia (“transport” – maggio 2022).


Ovviamente si sono gettate anche le basi delle tre mobilità previste per il prossimo anno a:

  •           Veria / Grecia (“food” – febbraio 2023);
  •       Mantova / Italia (“water” – marzo 2023);
  •       Dierdorf / Germania (“fashion” – maggio 2023).

L’esito finale di tutto questo enorme lavoro sarà la pubblicazione di un curricolo europeo contenente proposte didattiche, metodologie e strumenti innovativi che possano essere utilizzati anche da altre scuole europee interessate alla tematica della sostenibilità ambientale.

A Veria, però, non si è solo lavorato. Diverse sono state le occasioni culturali (visite guidate ai centri storici di Salonicco e di Veria e al Museo Archeologico di Vergina) e i momenti di svago, con la degustazione all’insegna del “mindful eating” dei deliziosi prodotti locali: olive, fagioli, formaggi, insaccati, carni e vini.
Una settimana impegnativa ma di grande soddisfazione!
Prof. Ennio Polcini


Si è concluso  venerdì 25 novembre un breve percorso sulle malattie sessualmente  trasmissibili destinato alle classi quinte del nostro istituto. La dr.ssa Caramaschi, il dr. Costa e il dr. Bottini , volontari Anlaids , si sono interfacciati con i ragazzi presentando il percorso che ha come scopo l'informazione, la prevenzione e la protezione da questa malattia che ogni anno conta più di 4000 nuovi casi. Questa iniziativa si inserisce all'interno di una importante campagna di comunicazione che fra gli altri vettori annovera la scuola.
Praga (Repubblica Ceca)  21-25 Novembre 2022
Nella famosa città "delle cento torri" si é svolto il corso di formazione Erasmus + "Discover the 7 cs: Learning for life (and work) in the 21st century". Le docenti Di Monaco Roberta, Gattinoni Giulia, Masotto Elisa hanno partecipato alle attività teoriche - interattive lavorando in team con colleghi provenienti da Romania, Spagna e Danimarca. Il corso ha fornito diversi spunti di riflessione e di lavoro per la Media Literacy, Creativity e Critical thinking. La condivisione tra professionisti di vari Paesi ha gettato le basi per la progettazione di nuovi percorsi didattico- educativi da realizzare nelle diverse scuole. Inoltre, l'esperienza ha permesso di conoscere storia e cultura di una delle capitali più  affascinanti dell'est Europa.
 
 
 

Premio delle Camere di  Commercio italiane “Storie di alternanza 2022”
Il video LOG-On della nostra 3AM (indirizzoTessile, Abbigliamento, Moda) si è aggiudicato il primo premio per la categoria “istituti tecnici e professionali” e la classe è stata premiata il giorno 23/11/2022 al Centro Congressi MAMU di Mantova. Il video racconta le attività progettuali in ambito STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics) svolte lo scorso anno e che avevano avuto come obiettivo la realizzazione di un nuovo LOGO per l'istituto ITET A. MANTEGNA, da un lato ideato e progettato per rappresentarlo, ma soprattutto per essere condiviso con gli studenti delle scuole medie e non solo del territorio. Erano stati quindi creati: un PROJECT-FILE di partenza, un semplice MANUALE ed un VIDEO.

Prof.ssa Conte Maria 

youtube.com/watch?v=KsBq-PixHBA

Dublino: English Language Course- Intermediate level B1. 
Nell’ambito del progetto Erasmus +, dal 14 al 18 novembre le prof.sse Adele Binotti e Silvia Timolina hanno frequentato un corso di inglese a Dublino presso la St Mary’s Boys School . Il corso ha permesso alle docenti di migliorare le proprie skills in L2 e di sperimentare metodologie didattiche innovative, grazie anche alla grande competenza dell’insegnante Michael Farrell della Europass Teacher Academy.  Ma l’esperienza non si è limitata alle sole lezioni di lingua, il pomeriggio le prof. hanno avuto l’opportunità di visitare la meravigliosa Dublino già illuminata dalle luci natalizie.

Altra uscita per il progetto “Risorgimentale”, stavolta per le vie di una Mantova sotto a una pioggia  continua e un clima gelido che non ha scoraggiato gli alunni della 4BS che, assieme ai loro insegnanti Simone Grassetto e Chiara Turci, si sono scaldati al ricordo delle gesta eroiche compiute attorno al 1850, dai giovani componenti del comitato insurrezionale mazziniano. Si è trattato di un trekking urbano sulle tracce dei Martiri di Belfiore, dalle carceri nelle torri del castello di San Giorgio, per concludere con una preghiera nella cripta del Famedio cittadino che custodisce i loro poveri resti. Grazie a Simone Rega, attenta e competente guida di Mantova Tours, si sono attraversate le piazze una volta ospitanti i monumenti dei Martiri e di Garibaldi, quindi le vie del centro, soffermandosi sotto le targhe commemorative dedicate a Don Enrico Tazzoli, la casa natale di Carlo Poma e il carcere della Mainolda dove quest’ultimo è stato rinchiuso, quindi il confortatorio della chiesa di Santa Teresa, luogo da cui Tazzoli, Poma, Scarsellini, Canal e Zambelli sono partiti per raggiungere, sopra a un carro scortato, la valletta di Belfiore (oggi Porta Pradella): quel funesto luogo in cui sono morti per impiccagione.


Si è tenuto il primo incontro, aperto agli studenti delle classi terze e quarte del nostro istituto, del progetto “La classe inclusiva”. Le proff.sse Berardi, Caniglia, Deleonardis, Gattinoni, Masotto e Vecchi hanno avuto il piacere di incontrare gli studenti e le studentesse che liberamente hanno deciso di aderire, per il corrente anno scolastico, al progetto in questione, giunto al suo quarto anno di vita nell’istituto. In un’ottica di crescita del senso di appartenenza all’istituzione scolastica e di rafforzamento dell’attività di tutoring nei confronti degli studenti del biennio, i ragazzi presenti hanno accolto con curiosità e serietà la duplice proposta, illustrata dalle proff.sse Masotto e Vecchi, relativamente a due ambiti di azione. Il primo ambito riguarda l’organizzazione delle presenze degli studenti ai sette Open Day dell’istituto previsti per il corrente anno scolastico. L’idea è quella di affiancare a studenti di terza o quarta altri più giovani delle classi prime e/o seconde, così da fornire al pubblico una visione autentica e verticale del significato dell’essere studenti dell’ITET “A. Mantegna”, dove studenti di diverse età e diversi settori collaborano in maniera efficace e crescono insieme. Il secondo ambito, invece, riguarda la possibilità di valorizzare maggiormente la figura del rappresentante di classe, in forza del delicato e cruciale ruolo che la caratterizza. Dopo le recenti proclamazioni degli eletti, in occasione delle elezioni dello scorso 29 ottobre, i rappresentanti hanno ufficialmente iniziato a svolgere il loro mandato, e, in vista delle imminenti riunioni dei Consigli di classe di novembre, si impegneranno in un’attenta osservazione delle dinamiche di classe, in modo tale da affrontare, da subito, il dialogo con studenti e docenti in maniera costruttiva. Gli studenti, dopo aver ascoltato le proposte di attività e aver contribuito costruttivamente al dialogo con le docenti, si sono prontamente organizzati per creare canali di comunicazione tra loro, e hanno accettato l’idea di futuri incontri per confrontarsi, sempre accompagnati dalle insegnanti, per monitorare gli sviluppi delle azioni intraprese. La riunione si è svolta con molta serenità, e si auspica un positivo proseguimento dell’iniziativa nell’interesse dell’intera comunità scolastica.
Qual è la differenza tra notizia e informazione? Ce lo spiega Roberto Storti, da più di quarant’anni in prima linea sul fronte delle notizie; prima, attraverso Radio Base Mantova, oggi con i social network dai quali trasmette la sua seguitissima rubrica intitolata “Pareri distorti”. Il giornalista è mentore del progetto didattico DIALOGICA (creato dal prof. Simone Grassetto), che ha l'obiettivo di ampliare le possibilità per gli studenti di far sentire la propria voce e di farlo nel modo più corretto e civico, ossia di far capire quale valore possono offrire alla collettività quando restituiscono (online o sul cartaceo) una loro visione di un fatto di cronaca o evento culturale. DIALOGICA rientra nelle attività di Educazione Civica che, nello specifico per le classi prime, intende affrontare le problematiche della cittadinanza digitale (norme comportamentali, pericoli degli ambienti digitali).

https://www.radiobase.eu/rubriche/dialogica/
#dialogica #pareridistorti #giornalismo #informazioni #notizie #progettodidattico 

Classe 1BS a.s. 2022/23
Per il progetto “Risorgimentale” è stata scelta la giornata del 4 novembre, dedicata all’unità nazionale e alle forze armate, per visitare l’ossario di Custoza (prima uscita didattica) e far conoscere agli studenti delle classi 4AR e 4BS i luoghi dove si sono combattute le battaglie più cruenti della prima (25 luglio 1848) e della seconda guerra (24 giugno 1866) per l’indipendenza. Sul colle del Belvedere (172 m.), un poggio morenico tra il Garda e il mantovano, sorge l’Ossario che raccoglie gli amabili resti dei tanti caduti nei combattimenti: italiani e austriaci. Questo monumento funerario, dal 1879 (anno della costruzione, grazie alla raccolta di fondi di un comitato di sindaci) è passato dall’essere un luogo di pellegrinaggio devozione a tappa del turismo patriottico, per completarsi nel 2016, come sito museale. Nella cripta al suo interno ci sono le ossa accatastate in modo ordinato e i crani allineati su mensole di circa 1900 corpi riesumati dalle fosse scoperte nei comuni limitrofi. In cima, nell'incavo dell'obelisco, è racchiuso un piccolo museo della memoria e della devozione che contiene addirittura la reliquia con i resti del generale di brigata Rey di Villarey a cui è dedicato un piccolo monumento eretto a Oliosi di Castelnuovo.
Spostandosi poi a Oliosi gli studenti hanno visitato l’esposizione documentaria e didattica, ricavata negli spazi della ex scuola elementare, incentrata sugli eroi e i fatti più salienti della battaglia del 1866.
Grazie a Carlo Saletti, direttore scientifico dell’istituto mantovano di storia contemporanea, per la preziosa e sentita guida in questi luoghi della memoria.
#giornataunitanazionale #risorgimentoitaliano #custoza #oliosi #forzearmateitaliane

Screenshot 2022 11 04 alle 23.51.10 

Istanbul: Digital Games and Storytelling
Nell’ambito del progetto Erasmus+ dal 24 al 28 ottobre i proff. Francesco Pirovano e Ennio Polcini hanno potuto frequentare un corso di formazione in una città turca dalla bellezza strabiliante: Istanbul. Il corso – ospitato nel prestigioso Liceo Femminile Beyouğlu Anadolu Lisesi – ha fornito interessanti spunti per l’utilizzo di diverse piattaforme online che consentono di creare in modo semplice e intuitivo presentazioni interattive accattivanti, ma che permettono altresì di ottenere un feedback immediato attraverso elementi interattivi quali domande, sondaggi, word cloud etc.. La Dirigente del Beyouğlu Anadolu Lisesi ha inoltre offerto agli ospiti italiani la possibilità di tenere un paio di lezioni in cui i proff. Pirovano e Polcini hanno presentato in lingua inglese la città di Mantova e l’ITET Mantegna alle alunne di due classi. L’interesse da parte delle studentesse per la nostra città e per la nostra scuola è stato notevole. Tante le pause tè (e dolcetti!) che hanno punteggiato le mattine e i pomeriggi a scuola. L’ospitalità turca è stata impareggiabile, come pure le bellezze artistiche e paesaggistiche di Istanbul: le innumerevoli moschee, il superbo palazzo Topkapı, il Bosforo, la collina di Eyüp con il cimitero storico ed una vista mozzafiato sul Corno d’Oro, solo per citarne alcune.

 

Nell’ambito della progettazione ESC dell'Erasmus (corpo di solidarietà Europea), l’istituto è accreditato come ente di accoglienza per poter ospitare ragazzi europei. Grazie a questo accreditamento è arrivata Kristina Bardyova, proveniente da Banska Bystrica (Slovakia) laureanda in scienze politiche e relazioni internazionali e membro dell’Euro-Atlantic Center.

Lavorerà fino al 25 marzo 2023 in compresenza con i docenti di lingua inglese in tutte le classi dell’istituto condividendo con gli studenti il suo vissuto, le sue esperienze e competenze linguistiche, culturali e sociali e collaborerà inoltre con tutti i docenti dell’istituto per la realizzazione di un percorso di educazione civica come deliberato nei consigli di classe di ottobre

La presenza della volontaria è una grande opportunità per i ragazzi dell’istituto e permetterà di potenziare le abilità comunicative degli studenti, stimolando il confronto e l’apertura verso una dimensione Europea.
Nell’ambito del progetto Eramsus si e’ svolta l’ultima mobilità della call 2021 che ha portato a Palma di Maiorca le proff. Cinzia SIlocchi, Valentina Fochi, Paola Menegazzo, Paola Maffioli per frequentare il corso “Stress  relief and well being strategies for teachers” dal 17 al 21 ottobre 2022.
Il corso ha permesso di comprendere le cause e i possibili rimedi dello stress sia dal punto di vista teorico che pratico, con momenti dedicati allo yoga e alla meditazione. Sono state inoltre prese in considerazione alcune strategie per la gestione delle emozioni degli studenti e dei conflitti nell’ambito scolastico.
Durante il corso  sono stati presi contatti con insegnanti di altri paesi per l’organizzazione delle mobilità per gli studenti per la futura call 2023.

“ It’s not stress that kills us, it’s our reaction to it” Hans Selye
Integrare i curriculum scolastici con metodologie di insegnamento non formali e sviluppare competenze digitali per supportare a scuola i giovani del XXI secolo, perché c’è un grande gap generazionale tra studenti, Digital Natives, e docenti, definiti Digital Immigrants.
Queste e altre tematiche sono state affrontate dalle prof.sse Daria Restani e Mariluna Deleonardis che nella settimana dal 17 al 21 ottobre hanno frequentato un Corso di Formazione in lingua inglese tenuto presso l’Hotel Bellevue in una Parigi di eterna bellezza. 
Il tutto è stato reso possibile nell’ambito di un progetto Erasmus che l’Istituto Mantegna porta avanti ormai da qualche anno e che permette al personale della scuola di ampliare i propri orizzonti educativi e formativi.
La Settimana della Lingua Italiana nel Mondo è l’evento di promozione dell’italiano come grande lingua di cultura classica e contemporanea che la rete culturale e diplomatica della Farnesina organizza ogni anno, nella terza settimana di ottobre, intorno a un tema che serve da filo rosso per conferenze, mostre e spettacoli, incontri con scrittori, intellettuali, studiosi, artisti. Il tema di quest'anno è "L'italiano e i giovani. Come scusa?  Non ti follow"

Anche quest'anno il nostro istituto ha partecipato all'evento in collaborazione con il Consolato Generale d'Italia di Rosario (Argentina); le classi 2AE e 2BE hanno presentato i loro cortometraggi e video confrontandosi con altre scuole italiane di Latisana (Udine) e scuole argentine di Rosario, Paranà, Rafaela con l’obiettivo di esplorare le modalità con cui linguaggi e strumenti di comunicazione stanno evolvendo attraverso le generazioni di nativi digitali, nell’ottica di trasmettere, in Italia e all’estero, l’immagine di una lingua e, con essa di un Paese, forti del proprio passato, ma allo stesso tempo vivi e creativi nel presente. 

https://youtu.be/X-WbbDBduyg
https://www.youtube.com/watch?v=Hz1emsFwjp0


Gli studenti, nei giorni compresi tra il 4 e l'8 ottobre, grazie ai loro meriti scolastici e al loro impegno costante nel precedente anno scolastico, hanno potuto prendere parte ad una esperienza formativa e culturale che è riuscita a lasciare un segno indelebile in ciascuno di loro. Un'esperienza che ha permesso ai 29 ragazzi e ai loro docenti di dedicarsi alla scoperta della Costa Azzurra, in particolare della splendida Nizza e dei suoi borghi circostanti. Natura arte e cultura, tutto racchiuso nelle strette vie delle grandi città, nei panorami mozzafiato e nelle pinacoteche dai mille colori. Cannes, Grasse, Saint Paul de Vence, sono solo alcune delle cittadine visitate che hanno fatto da sfondo ad un percorso conoscitivo dei luoghi. Nuove amicizie sono nate, altre invece si sono rafforzate. Tante erano le paure iniziali, poi svanite per lasciar spazio allo stupore a alla spensieratezza.
Nuovi orizzonti e nuove emozioni, un vero assaggio di vita. 
Anche quest'anno il nostro istituto partecipa alla Settimana della Lingua Italiana nel Mondo in collaborazione con il Consolato Generale d'Italia a Rosario (Argentina) che si terrà  dal 17 al 23 ottobre.  ll Tema di quest'anno sarà “L'italiano e i giovani”.
Partecipano le classi 2AE e 2BE che presenteranno le loro attività confrontandosi con altre scuole italiane di Latisana (Udine) e scuole argentine di Rosario, Paranà, Rafaela MARTEDI' 18 OTTOBRE ALLE ORE 14.30.
E' possibile seguire l'iniziativa in modalità virtuale richiedendone l'accesso qui
ISCRIVITI

Il 25 settembre il gruppo italiano del progetto "Erasmus K2: Earthucation Enough for all?!"", composto da Bencivinni Giulia, Sganzerla Giorgia, Opincaru Annais e Solenne Maria Vittoria e accompagnato dalle docenti  Cinzia Silocchi, Paola Maffioli e Paola Menegazzo si è recato in mobilità in Lettonia insieme al gruppo tedesco e greco. La scuola  di Ogres ha organizzato una settimana di avventure alla scoperta degli ecosistemi caratteristici della Lettonia. Foreste, spiagge e paludi sono state protagoniste delle esperienze vissute dai partecipanti al progetto. Le guide ci hanno portato alla scoperta di posti per noi sconosciuti, nei quali abbiamo avuto la possibilità di immergerci nella flora e conoscere la fauna locali. Dal tanto atteso arrivo in aeroporto al commovente saluto finale, le famiglie ospitanti ci hanno resi partecipi della loro routine come parte della loro famiglia.

La settimana è passata velocemente e l’esperienza resterà per sempre nei nostri cuori.

Giulia Bencivinni, Annais Iulia Opincaru, Maria Vittoria Solenne, Giorgia Sganzerla

Alcuni docenti delle classi 1AE e 1CE,, hanno aperto il nuovo anno scolastico proponendo alle classi alcune attività che hanno permesso a ciascun studente di descriversi liberamente riflettendo sulle caratteristiche di tutti e di ciascuno, giungendo alla conclusione che ognuno ha delle peculiarità, delle preferenze , che in alcuni casi ci rendono simili ed altri casi ci rendono diversi. Ciò, però, non deve essere una barriera nella costruzione di un contesto classe sereno ed inclusivo.
Gli studenti si sono mostrati collaborativi e predisposti ad essere guidati in questo percorso he proseguirà anche durante le prossime settimane e che li porterà a diventare "maturi" !

Quando si dice Nizza si pensa subito alle vacanze, al colore blu intenso del mare e del cielo della Costa Azzurra, alla Belle Époque, alle specialità della cucina mediterranea declinata alla francese, dimenticando che questa città – italiana fino al 1860 – è molto più che una splendida meta turistica: Nizza è il quinto comune della Francia per popolazione e la città francese che vanta il maggior numero di musei dopo Parigi. In questo vivace contesto si è svolto il corso “Life Coaching for Teachers: Happy Teachers for Better Students”. Da lunedì 12 a venerdì 16 settembre, dalle 8:30 alle 13:30 di ogni mattina, dodici insegnanti di Germania, Polonia, Bulgaria, Estonia e Italia hanno “lavorato sul campo” con la professoressa Natalie Croome - esperta coach di origine australiana - per apprendere nuove strategie di ascolto attivo, sviluppo dell’intelligenza emotiva e valorizzazione dei punti di forza di ciascuna persona, al fine di creare un ambiente d’apprendimento il più possibile sereno per gli studenti e conseguentemente anche per l’insegnante. Si è quindi parlato di “work-life balance”, cioè di quel giusto equilibrio che ognuno di noi dovrebbe trovare tra vita lavorativa e vita privata per il proprio benessere e quello delle persone che ci circondano. Naturalmente al pomeriggio c’è stato spazio per diverse attività culturali, quali la visita guidata del centro storico di Nizza e le visite libere ai vari musei (Chagall, Matisse, Arte Moderna e Contemporanea etc.), ma anche per attività tipicamente… da spiaggia. Una parentesi luminosa resa possibile dall’accreditamento Erasmus+ del Mantegna che fino al 2027 consentirà a insegnanti e studenti di girare l’Europa per conoscere realtà nuove e stimolanti.

Prof. Ennio Polcini
 20220916 123340 

Come documentare gli aspetti culturali e innovativi della città di Mantova in lingua spagnola ? Ecco ! Gli studenti hanno lavorato in coppia o singolarmente per creare dei video su storia, monumenti, gastronomia, parchi ed eventi. Hanno fatto finta di partecipare al famoso programma della TVE spagnola e a turno hanno presentato i loro video. Poi hanno risposto a delle domande dei compagni e dell'insegnante che fingevano di essere il pubblico del programma. Uno degli alunni, a turno, ha recitato il ruolo del presentatore. Prof.ssa Vania Gauli e gli studenti della classe 4AR

https://youtu.be/JQ3bKYmDxTU

https://youtu.be/NQrZ3BuueOA

https://youtu.be/eLN4NDdn8q4

https://youtu.be/_6oyJNTkwM8

https://youtu.be/U5pbBb9yKgs

https://youtu.be/vV7ty5y6I1A

DANNUNZIANA, tre momenti al Vittoriale
Tre poesie nei luoghi del poeta vate, Gabriele D' Annunzio:
- Qui giacciono i miei cani, 1935
- Inno alla macchina, 1903
- L' ulivo, 1903
Alunni delle classi 5, a.s. 2021/22
Francesco Ardizzoni, Anna Bindini, Francesco Liguori, Wissal Laaoud, Pietro Ferramola, Giulia Novellini.
Prof. Simone Grassetto Silvia Marastoni Roberta Di Monaco
#vittorialedegliitaliani #dannunzio

Gardone Riviera, 24 maggio 2022

https://youtu.be/lIXloNfiNMQ
Si è concluso il progetto “Peer to peer: prevenzione al cyberbullismo” a cui hanno partecipato alcuni studenti delle classi prime che hanno seguito la formazione on line “Ambasciatori del cyberbullismo” proposta dall’associazione MOIGE.
Al fine di promuovere buone prassi di comportamento e di essere punto di riferimento per i coetanei, i giovani “Ambasciatori” hanno realizzato un breve video simulando la tecnica dl sociogramma come strumento di analisi delle relazioni all’interno di un gruppo per prevenire comportamenti anomali.
Gli alunni della classe 1AE, durante l’anno scolastico, nel percorso di educazione civica, hanno affrontato il tema dell’educazione digitale analizzando e riflettendo sul concetto di “bravo cittadino digitale”, in particolare prendendo in esame il “Manifesto delle parole Ostili”, una carta che elenca dieci princìpi di stile utili a migliorare lo stile e il comportamento di chi sta in Rete che è stato distribuito a tutte le scuole d’Italia con circolare ministeriale nella primavera del 2017 e presentato al mondo della scuola attraverso le iniziative dedicate alla formazione didattica, frutto di un protocollo d’intesa con il MIUR. Il Manifesto della comunicazione non ostile è un impegno di responsabilità condivisa che vuole favorire comportamenti rispettosi e civili. Vuole che la Rete sia un luogo accogliente e sicuro per tutti.
Come conclusione dell’attività gli studenti hanno realizzato un breve video.




https://youtu.be/j1AfB27b5R0

https://youtu.be/MHpn4rqA-mI

00ocaGioco dell'Oc-casione per lo Sviluppo Sostenibile ideato e realizzato dalla prof.ssa Laura Lui sugli obiettivi dell'agenda 2030

Sabato 4 giugno la classe 3BR si è recata nel cuore del centro storico di Mantova per. Un breve percorso storico sulle tracce di importanti artisti e umanisti del Quattrocento come Andrea Mantegna e Leon Battista Alberti, già studiati sui libri di scuola. La visita è stata l'occasione per immergersi nella bellezza artistica e architettonica della chiesa e conoscere aspetti della cultura locale e nazionale: la creazione della struttura, gli artisti che vi hanno lavorato, i committenti, la cupola, la cripta e i sacri vasi, la storia di San Longino, i Gonzaga a Mantova. Prima di rientrare a scuola non poteva mancare la foto di gruppo, in compagnia di un nuovo "studente per caso" a quattro zampe, presente al momento dello scatto. 

Accompagnatori : docenti Elisa Masotto, Kim McElwaine / educatrice Ilaria Rebecchi

Viaggio premio a Roma di un gruppo di studenti di 5BR e 5CR a seguito della duplice vincita al Concorso regionale sulla storia del confine orientale che ogni anno viene bandito da Regione Lombardia con due video realizzati da Badaoui, Hu, Sytnyk, Lomuashvili, Lodi, Zucchi (5BR) e da Bettinazzi, Borgato, Lebovitz, Pasquali, Gandolfi, Abbatecola, Zanotti (5CR).
Grazie alla collaborazione del Dirigente Scolastico e del Consiglio d’Istituto, è stato possibile organizzare il viaggio tanto desiderato. Vedere dal vivo i luoghi e i monumenti studiati nel corso degli anni è stato come fare un viaggio dentro il libro di storia: una sensazione bellissima, le storie e i personaggi diventano reali!!  Visitando il Colosseo, i Fori Imperiali, il Pantheon… sembrava di tornare alla gloria dell’Impero romano. Visitando i musei Vaticani si provano emozioni indescrivibili davanti alla maestosità delle opere d’arte e dei tesori che custodiscono, entrando nella Cappella Sistina e nelle stanze di Raffaello, si rimane veramente incantati da come Michelangelo e altri grandi artisti abbiano creato tali meraviglie! Il percorso è proseguito per Piazza Navona con la Fontana dei Fiumi di Bernini e la Chiesa di Sant’Agnese del Borromini, tra i Palazzi istituzionali, percorrendo la centralissima via Del Corso da Piazza Venezia con l’imponente Altare della Patria a piazza del Popolo incrociando via Condotti e salendo a Trinità del Monti in Piazza di Spagna.
Non è mancata la visita a Villa Borghese, che ospita le grandi opere di Bernini, Canova, Raffaello, Caravaggio. Molto suggestiva la passeggiata nel cuore di Trastevere, dove  le strade brulicanti di vita, sono abbellite da fiori e piante rampicanti, noto ai più per essere un quartiere frequentato da turisti e giovani, grazie ai suoi numerosi ristoranti e locali. Inoltre, non potevano mancare il quartiere ebraico con la imponente Sinagoga che riporta alla memoria gli orrori del 900, infine gli incantevoli panorami dal Gianicolo, dal Pincio, dalla terrazza dell’Altare della Patria.

“Roma non è una città come le altre. È un grande museo, un salotto da attraversare in punta di piedi.” (A. Sordi)

Video-intervista alla testimone Marina Smaila
https://youtu.be/AJdb1m78oFA

Le foibe. il sepolcro dei diritti umani
https://youtu.be/dwYAQQtwcfY


“Alternanza Civica e Tecnologia” è un progetto finanziato da Fondazione Cariverona e promosso dalla rete Laboratorio LTO Mantova, e si è concluso con un risultato di grande soddisfazione per la classe 2AM Moda che si qualifica come progetto menzionatoL’obiettivo principale era quello di progettare e produrre una proposta laboratoriale inerente le STEM e la fabbricazione digitale da mettere a disposizione alle scuole di I grado. Nasce così LOG-ON, un’esperienza da realizzare con la taglia vinile. La classe 2AM ha ideato e progettato un LOGO tutto nuovo per rappresentare il nostro istituto e pensato per essere  personalizzato dalle scuole medie. La sfida non era facile e il livello dei progetti davvero alto. Si ringraziano i prof. Conte (Rappresentazione Grafica), Nardi (Chimica), Pommella (Scienze Applicate) e Cordovana (Sostegno). Scoprite il sito dedicato https://sites.google.com/itetmantegna.edu.it/callstem-logon/home-page e guardatevi  il video. Per chi volesse provare a realizzare il suo log-on può mandare una mail alla docente referente Prof.ssa Conte Maria Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Video realizzato da alcuni studenti della classe 5BS per ATS - Valpadana in occasione della giornata mondiale senza tabacco (31 maggio)

GUARDA IL VIDEO 

ATS VALPADANA sito 
ATS VALPADANA Facebook 


Circolare N° 598 del 09.05.2022

Dopo due anni di pausa forzata, finalmente sabato 28 maggio alle otto di sera ci siamo presentati allo start della Minciomarcia davanti al Duomo in una piazza Sordello gremita di gente. Un gruppo folto e colorato di alunni, insegnanti, personale (e qualche “infiltrato”) ha sfidato con l’entusiasmo dei veri sportivi il vento freddo e la pioggia per far vedere che il Mantegna c’era. Dopo i 5 Km di corsa leggera – 10 erano un po’ troppi, visto il tempo – la nostra scuola si è piazzata al quarto posto. Niente medaglia ma pane e salame, parmigiano reggiano, crostatina e acqua minerale per tutti. Una serata all’insegna dello sport, del divertimento e dello stare insieme. Un plauso particolare agli alunni che hanno prestato servizio di volontariato e alle classi 1AA, 1BS, 2AE, 2BT, 2DT, 5BS che hanno aderito all’iniziativa. 
Ci vediamo a maggio 2023!








Le classi 5AA, 5AS, 5BS, 5AR, 5BR, 5CR alla scoperta della casa di D’Annunzio (Il Vittoriale degli italiani)

Quale modo migliore di avvicinarsi al mito D’Annunzio se non trascorrere una giornata presso la sua dimora? Il Vittoriale custodisce molte realtà contemporaneamente. È l’ultima dimora di un poeta, un monumento alla Vittoria dell’Italia nella Grande Guerra, un luogo dove sacro e profano si tengono per mano, un reliquiario che preserva la memoria dei caduti, un camposanto privato in cui gli amati levrieri riposano poco distanti dal loro padrone. Ma non solo. Il Vittoriale degli Italiani è anche un’oasi di verde che domina sullo spettacolare blu del Lago di Garda, con l’Isola Borghese che completa la scenografia, ma per gustarlo appieno, afferrarne l’essenza, bisogna calarsi nello spirito del suo “magnifico abitatore“.  
La Prioria è un’esperienza che si può definire “mistica”, con il leitmotiv della penombra e un’unica stanza chiara, l’officina, in cui D’Annunzio forgiava le proprie opere. Scrivere era il suo mestiere, si definiva “operaio della parola” e la presenza allusiva dell’incudine lo testimonia. Il verso virgiliano “hoc opus, hic labor est” (questo il lavoro, questa la fatica) sta scritto all’esterno a sottolineare che nessuna grande impresa si realizza senza impegno e operosità.

Una ‘camminata empatica’ in un ambiente naturale e nell’ambito del progetto ‘La classe inclusiva’ è proprio ciò che serviva alla classe 2BT che, in data venerdì 20 maggio, ha avuto modo di riscoprirsi come gruppo-classe dopo tutto il tempo trascorso in questi anni senza conoscersi a fondo e viversi.  Gli studenti, entusiasti dell’esperienza, riferiscono di aver goduto di preziosi benefici: hanno, infatti, aumentato il loro grado di coesione come gruppo classe, potenziando il loro benessere emotivo e hanno avuto modo di ascoltare i suoni piacevoli della natura, assaggiando anche delle fragoline spontanee lungo il percorso.  Un’esperienza, dunque, che ha consolidato sentimenti positivi e ha contribuito a far respirare ‘aria fresca e, finalmente, di accordo tra noi compagni’. Docenti: Deleonardis, Martini e Miorali.

Nella splendida giornata di giovedì 19 maggio i ragazzi della classe 3BS, grazie alla vincita del primo premio dantesco Andrea Chaves, hanno avuto l'occasione di visitare Sirmione e le sue antiche bellezze. Gli studenti sono stati guidati attraverso le rovine delle Grotte di Catullo e della Rocca scaligera, dalle precise spiegazioni di Chiara Bertoldi, guida esperta e bravissima. Un viaggio nel passato tra reperti archeologici e fortezze militari risalenti al XIII secolo, in un paesaggio incorniciato da una vista mozzafiato sull'intero specchio d'acqua. Non mancava altro che un assaggio d'estate: tutti in spiaggia a godersi il sole caldo! Al ritorno un bel giro in motoscafo per il periplo della penisola di Sirmione. Un'esperienza unica all'insegna della scoperta, valorizzata dall'amicizia che lega questo gruppo. Esperienze importanti, che lasciano il segno, sia dal punto di vista formativo che disciplinare. Accompagnatori: prof Grassetto e prof.ssa Sarzi Sartori 

Articolo a cura degli studenti 

#sirmione #lagodigarda #lagodigardaofficial #roccascaligera #grottedicatullo #spiaggiasirmione 

Sei un ex studente del Mantegna? Allora rispondi alle domande di questo sondaggio. Grazie mille 

VAI AL SONDAGGIO

Dal Vaticano a Trastevere, dalla storia alla cultura, le classi 5AA, 5AM e 5BS, hanno vissuto un viaggio d'istruzione intenso dal 16 al 19 maggio.  Un percorso nella Roma religiosa (Musei Vaticani, Piazza San Pietro), istituzionale (Palazzo Chigi, Palazzo Madama), antica (Fori Imperiali, Colosseo, Pantheon, Circo Massimo), barocca (Piazza Navona, Cappella Cerasi, San Luigi dei Francesi, Sant'Ignazio di Loyola) e moderna (Trinità dei Monti, Piazza di Spagna, Villa Borghese) che ha visto i ragazzi protagonisti di un viaggio nel tempo, lungo le vie della Capitale. Gli studenti hanno avuto l'opportunità di sedere al tavolo dei ministri durante la visita guidata al Ministero della Pubblica Istruzione in Viale Trastevere e ammirare le sale istituzionali, oltre all'Ufficio di Gabinetto, la Pinacoteca e la Biblioteca. Il viaggio si è concluso al Ghetto ebraico con la visita alla Fondazione Museo della Shoah, reso ancor più intensa dalla presenza del volontario Attilio Lattes, sopravvissuto alla retata romana del 16 ottobre 1943. Un'esperienza che ha consolidato le conoscenze apprese nel quinquennio e che ha contribuito nel piccolo a far respirare ai ragazzi un po' di normalità. 
Docenti: Di Monaco, Orlandelli, Marelli e Messineo

Con il corso “Soft skills for strong teachers” si sono felicemente concluse le mobilità Erasmus che hanno coinvolto tutti gli insegnanti che hanno aderito al progetto. Le prof.sse Cinzia Silocchi, Paola Maffioli, Paola Menegazzo e Valentina Fochi hanno  frequentato il corso dal 9 al 14 maggio ad Amsterdam. L’esperienza è stata  entusiasmante e ha stimolato una riflessione critica sul valore dell’insegnante con l’acquisizione di una nuova e profonda consapevolezza dell’importanza della comunicazione per la risoluzione dei conflitti. Il confronto con insegnanti di altri paesi ha permesso di gettare le basi per futuri progetti che coinvolgeranno ancora una volta i ragazzi del nostro istituto. “Teachers are the real influencers”: questo e’ il leitmotiv di tutte le mobilità che hanno consentito agli insegnanti di rientrare in classe con rinnovato entusiasmo, forza ed energia. La commissione Erasmus ha già iniziato a lavorare per la progettazione del prossimo anno scolastico… stay tuned!  #erasmusplus #amsterdam #teachersfollowteachers #school #mobilitytraining 

Sabato 7 maggio Noemi e Melissa di 5AA, Nicole di 5CR, Beatrice di 5CR e Giuliana di 5BR, accompagnate dai professori Grazia Tomasi e Ennio Polcini, sono partite per la terza mobilità prevista dal progetto Earthucation con destinazione Ogre, Lettonia. Dopo due giorni di pioggia e maltempo a Mantova, arrivare a Riga e trovare il sole è stata una piacevolissima sorpresa. Altrettanto gradito è stato essere accolti all’aeroporto dalle famiglie ospitanti. Il weekend è trascorso all’insegna della scoperta della capitale lettone, una città attraversata dal fiume Daugava dal centro storico molto raccolto con pregevoli monumenti, tanti parchi ed un quartiere con palazzi mozzafiato in stile Liberty, ma anche di Ogre, la cittadina a pochi chilometri da Riga dove si trova la nostra scuola partner. Lunedì, infatti, siamo stati per la prima volta alla Vidusskola, un istituto grande e moderno frequentato da alunni dalle elementari fino alle superiori. Accoglienza a suon di musica tipica (coro dei ragazzi) e balli folcloristici in cui tutti – insegnanti e studenti stranieri compresi – sono stati coinvolti! A seguire: visita dell’edificio scolastico, pranzo in mensa, presentazione in inglese dei video prodotti sul tema “transport” e poi un tour guidato dagli studenti lettoni attraverso Ogre. La settimana sta trascorrendo quindi tra attività a scuola, visite a parchi naturali e musei (Railway Museum, Riga Motor Museum…), nonché momenti di svago insieme agli altri studenti delle scuole greca e tedesca che partecipano al progetto. “Earthucation” proseguirà per tutto il prossimo anno scolastico con nuove mobilità in Grecia, Lettonia e Germania.
Il progetto "Educazione e prevenzione al cyberbullismo", coordinato dalla referente Piva Tiziana e organizzato in collaborazione con l'associazione “MOIGE- Proteggiamo i nostri figli”, è un progetto a cui hanno partecipato gli studenti: Badreddine Boudal, Giacomo Kenneth Cestari, Khriystyna Didyk, Miriam Fanigliulo, Sara Oliosi e Sofia Sarzi delle classi prime.
A conclusione del corso di formazione svoltosi in modalità on line, sulle tematiche del cyberbullismo, gli studenti che hanno concluso il percorso sono stati eletti "ambasciatori" del bullismo/cyberbullismo, per questo sono un punto di riferimento per la scuola, oltre agli adulti, e hanno l’obiettivo di aiutare gli altri e sensibilizzare l'uso consapevole degli strumenti informatici.

Alcune condiderazioni degli studenti "ambasciatori" 
il corso MOIGE che abbiamo svolto è...
<<Corso non pesante>> come si potrebbe immaginare
Badreddine Boudal
<<Molto interessante perché approfondisce argomenti che vengono tralasciati nelle scuole inferiori (medie e via dicendo), si imparano cose nuove. E' utile e interessante perché si impara la parte di internet che viene tralasciato>> e quindi come difendersi
Giacomo Kenneth Cestari
<<Ha aiutato per conscersi meglio>>
Khriystyna Didyk e Sara Oliosi
<<Corso interessante con novità e nuove cose da scoprire>>
Fanigliulo Miriam
<<Progetto molto interessante, utile; ha un grande scopo educativo, non tanto pesante e forse anche divertente>>
Sofia Sarzi
A conclusione delle attività verrà realizzato un video per partecipare al concorso indetto dalla #reteantibullo della provincia di Mantova, volto a sensibilizzare giovani e adulti a questo problema.
Ringraziamo anche Zohaib, Nicolas, Annachiara, Jasleen, Yasmin, Janbhi, Majdi e Martina per la partecipazione alle riprese video. Ringraziamo ancora la professoressa Piva Tiziana per averci supportato per tutta la durata del progetto.
Fanigliulo Miriam

Nelle giornate tra martedì 3 e venerdì 6 maggio 2022, i ragazzi delle classi 3AA, 3AS e 3BS si sono cimentati nella scoperta delle bellezze naturalistiche dell'isola del Giglio, fulcro dell'arcipelago toscano. Un viaggio d'istruzione legato all'alternanza scuola-lavoro (PCTO) , che ha portato le tre classi e i suoi accompagnatori ad una completa immersione nei paesaggi e nella flora di quest'isola granitica dalle acque cristalline. Sotto la supervisione delle nostre guide, precise e concise nelle spiegazioni, abbiamo visitato Giglio Castello (il centro storico) e le spiagge di "Le Cannelle" e dell'Arenella. Andando oltre all'intento educativo dell'escursione, i ragazzi hanno vissuto in compagnia tre giorni intensi, ridendo e scherzando, imparando a convivere ed ad accettarsi. Dopo due anni di pandemia hanno nuovamente sperimentato sulla loro pelle la socialità dimenticata col tempo.
Si ringraziano le guide locali e gli accompagnatori Cinzia Manicardi, Augusta Lodi Rizzini, Fausto Pierri, Laura Lui, Davide Grosso e Mariluna De Leonardis.

 
Lunedì 9 maggio dalle ore 8.00 alle ore 10.00, gli studenti delle classi prime e seconde hanno partecipato a un interessante incontro dal titolo "Utilizzo corretto dello smartphone, rischi e responsabilità" organizzato in collaborazione con la #reteantibullo, coordinata dalla DS Palladino dell'IC 1 di Mantova, a cui aderiscono molti Istituti Comprensivi e scuole secondarie di secondo grado della provincia di Mantova.
I relatori Maria Alario, psicologa, e Roberto Flauto, docente di Sociologia dell'Arte e della Letteratura, hanno dialogato con gli studenti affrontando tematiche legate al bullismo e al cyber bullismo e al ruolo delle nuove tecnologie nelle nostre azioni quotidiane a supporto del benessere individuale in un'ottica di prevenzione a comportamenti scorretti.
Oggi 5 maggio (1821-2022), la classe 4BS (Tecnologico Sanitario) ha ripercorso le tracce mantovane del grande Napoleone Bonaparte che giunse in città il 1 marzo 1797, anno V della Repubblica francese.
L’ Archivio di Stato di Mantova, istituito nel 1868, custodisce in quella che fu la chiesa della Santissima Trinità, famosa per essere stata spogliata dai francesi della pala d’altare del Rubens, documenti riguardanti la famiglia Gonzaga oltre a quelli prodotti dalle istituzioni pubbliche e private (cause civili e giudiziarie) dello stato italiano. Sono 25.000 i metri lineari di scaffalature.
Interessante: Mappa di Mantova (riprodotta), riguardante la rivelazione del 1778 (Catasto Teresiano del 1822-1824);
Atti riguardanti la peste;
Atti dei tumulti contro gli ebrei del ghetto di Mantova
Uscita didattica: prof. Simone Grassetto e prof.ssa Ermana Marelli
Si ringrazia il funzionario Anna Casotto per l’ottima guida

È iniziato il 28 aprile per le classi 3AR e 3CR, accompagnate dalle prof. Caniglia, Fadda e Marani, il “Tour delle Marche”.  Nella prima giornata si è svolta la visita guidata, insieme all’esperta Arianna, al Castello di Gradara con proseguimento verso il Palazzo Ducale di Urbino. In secondo luogo sono stati visitati il centro e il lungomare di Pesaro e il centro di Recanati insieme alla casa di Giacomo Leopardi, grazie alla giovane guida Olimpia, e il lungomare di Porto Recanati. I ragazzi si sono addentrati all’interno di molte storie legate alle famiglie più caratteristiche dell’Italia medievale e rinascimentale e successivamente hanno potuto vedere da vicino uno dei poeti più rilevanti del Paese.

Articolo a cura degli studenti

Viaggio di istruzione a Trieste e dintorni per le classi 5AR, 5BR, 5CR del settore economico (26-29 aprile 2022). È stata un'esperienza di alto valore culturale che ha contribuito ad arricchire le conoscenze apprese in classe riguardo la storia del Novecento perché gli studenti hanno avuto l'opportunità di visitare la Risiera di San Sabba, la foiba di Basovizza a Trieste, il Museo della Grande Guerra a Gorizia e Nova Gorica, oltre al castello di Miramare. Il viaggio è stato un'occasione per consolidare i rapporti interpersonali e riprendere a viaggiare dopo gli ultimi due anni di pandemia che hanno bloccato ogni attività scolastica ed extra scolastica. Accompagnatori i proff: Masiello, Berardi, Corbellani, Restani, Tomasi, Mellettini

Intenso il programma della visita guidata che gli studenti di 3BS (Tecnologico sanitario) hanno svolto giovedì 28 aprile presso la sede dell’Ente Parco del Mincio e quindi sul territorio delle Colline Moreniche Mantovane per conoscere ed apprezzare le ricchezze ambientali e naturalistiche del nostro territorio. Durante il mattino sono stati molto apprezzati gli interventi del personale del Parco del Mincio e del Gruppo Carabinieri Forestali di Mantova anche sul tema dei possibili sbocchi professionali nei vari settori dell’Arma e della tutela della natura. Nel pomeriggio splendida escursione accompagnati dal Dott. Emilio Guidotti alla scoperta degli ambienti naturali morenici, con approfondimento sulle fioriture e la biodiversità floristica che caratterizza i prati aridi, ovvero i pendii erbosi collinari esposti al sole. 
Uscita didattica prof. Davide Lini, prof.ssa Rita Minelli. #enteparcodelmincio #collinemoreniche #fiumemincio #mantova

Piera AielloVenerdì 06 Maggio 2022 dalle ore 11:00 alle ore 13:30 sarà ospite a scuola Piera Aiello ex testimone di giustizia e membro della Camera dei Deputati dal 2018. L'incontro, rivolto a tutte le classi dell'istituto (via Gmeet), è stato organizzato dalla prof.ssa Silvia Marastoni e vedrà l'intervento del prof. Sebastiano Barbi (F.S. supporto agli studenti) e di Maria Regina Brun e Azzolino Ronconi.

“E come in cielo il ver si vide” (Paradiso, XXVIII, 87)
Vedere la verità, cercarla con il cuore che la desidera intensamente, distinguerla nitida e luminosa in mezzo alla falsità. Così, citando dalla Divina Commedia, cominciava il bando di invito alle scuole superiori di tutta Italia a produrre un breve video che sapesse affrontare il tema della ricerca della verità tanto caro a Dante.
Gli studenti della classe 3BS, motivati e guidati dal loro prof. di italiano Simone Grassetto, si sono impegnati per due pomeriggi la settimana (1,5 ore ciascuno) per 5 settimane doposcuola, tra febbraio e marzo, imparando il copione e occupandosi del trucco e dei costumi.
Il video ha vinto il Primo premio del Concorso Nazionale Dantesco 2022.
Il premio è stato consegnato agli studenti durante la cerimonia di premiazione nella Basilica di San Francesco a Ravenna alla presenza del comitato organizzatore coordinato dalla prof.ssa Manuela Mambelli (Dante in rete), del conte Pier Alvise Serego Alighieri (ultimo discendente di Dante) e dei genitori di Andrea Chaves. La premiazione si è conclusa con la deposizione di una corona di alloro nella tomba di Dante e la declamazione del canto XXVIII del Paradiso a cura degli studenti delle scuole vincitrici.

Motivazione della giuria :
La verità ingannatrice si nasconde ovunque, ieri come oggi e oggi sa ben
celarsi anche nell'universo occulto del cyberspazio.
Originale e piuttosto attuale la trama e lo svolgimento del video che,
cogliendo spunto dal mondo oscuro e parallelo del cyberspazio, induce lo
spettatore alla riflessione e al dubbio per l'intera durata del cortometraggio,
fino all'ultima imprevedibile sequenza.


Cerimonia di premiazione (26 aprile 2022)
Programma della giornata
https://centrodantesco.it/wp-content/uploads/2022/04/Volantino-ediz.-2022-1.pdf

Bando
CONCORSO DANTESCO NAZIONALE e MULTIMEDIALE a PREMI “ ANDREA CHAVES “ riservato agli Istituti di Istruzione secondaria di II grado statali e paritari di tutto il territorio nazionale
https://centrodantesco.it/wp-content/uploads/2021/11/Volantino-e-Bando-di-Concorso-ediz.-2022-1.pdf

Ente promotore
Centro Dantesco
https://centrodantesco.it/
È iniziata Lunedì 25 aprile una nuova esperimento di mobilità Erasmus che vede coinvolte le docenti Gauli Vania, Piva Tiziana, Tosetti Anna a Santa Cruz de Tenerife. Il soggiorno prevede la partecipazione al corso Google for Education: Search, Collaborate and Create che coinvolge 15 insegnanti provenienti da diversi Paesi europei: Germania 🇩🇪, Slovenia, 🇵🇱, Italia 🇮🇹 oltre ad escursioni alla scoperta dell’ Isola e della sua storia. Questi temi saranno oggetto di lavori svolti in gruppo, percorsi che saranno presentati e condivisi alla fine del corso.

Memoriale della ShoahEntrare al Memoriale della Shoah è un’esperienza forte, di quelle che lasciano il segno. Il 13 aprile, le classi 5AR, 5BR e 5CR hanno visitato questo luogo simbolo della deportazione degli Ebrei e degli altri perseguitati verso i campi di concentramento e di sterminio. Lo spazio del Memoriale è parte di un’estesa area di manovra realizzata in origine per i vagoni postali, che comprendeva 24 binari paralleli. Gli spazi interni si articolano su due livelli: piano terra e rialzato e piano interrato. Da qui, fra il 1943 e il 1945 partirono 20 convogli RSHA: carri bestiame sui quali furono stipati migliaia di prigionieri. Superato l’ingresso principale affacciato su piazza Edmond J. Safra si accede all’atrio, dominato da un lungo muro lacerato al centro, nel quale è incisa la grande scritta “Indifferenza” che secondo Liliana Segre, deportata da questi spazi, è motivo per il quale la Shoah è stata possibile. Accompagnati da Valentina, guida molto preparata e competente, gli studenti hanno avuto l’opportunità di accedere al piano rialzato,  un’area che era nascosta al pubblico che fu requisita dall’occupante nazista nel settembre 1943 e adibita fino alla liberazione, alla formazione dei treni speciali diretti ai campi di transito, di concentramento e di sterminio. La visita poi è proseguita in tutti gli spazi allestiti vicino al binario 21, nella sala delle testimonianze e vicino al Muro dei Nomi, che riporta l’identità di tutte le persone che sono state deportate da questa stazione. La giornata è proseguita con la visita ad alcuni punti di interesse della città, partendo dal piazzale della stazione ferroviaria, in cui primeggia la grande “Mela Reintegrata" di Michelangelo Pistoletto, per proseguire nel centro della città.

#memorialedellashoah #memoria #indifferenza #lilianasegre 

Giornata perfetta di sole e di leggera brezza primaverile quella che ha accompagnato gli studenti della 3BS, nella visita alla foresta della Carpaneta (Gazzo Bigarello, Mantova). Un'immersione nella riserva biogenetica e nel parco di Arlecchino (analogia della biodiversità) per riconosce ed interpretare i lineamenti del paesaggio rurale mantovano e imparare a riconoscere le principali specie arboree ed arbustive. La Carpaneta è una foresta artificiale (concepita 18 anni fa) con piantumazione a sesto di impianto sinusoidale di 2,5 metri di interfila 2 metri di intrafila. La passeggiata ha ripercorso anche le tappe di due parchi letterari, quello dedicato a Virgilio e quello dedicato a Elzéard Bouffier (il protagonista de "L'uomo che piantava alberi"). Di Virgilio sono stati riprodotti degli ideali paesaggi arborei tratti dalle Bucoliche, dalle Georgiche e dall'Eneide.
A conclusione del giro sono stati posti nel prato i libri di Mario Rigoni Stern (portati dai ragazzi), per omaggiare la sua dedizione nel confronti dei processi di forestazione.

#albericarpaneta
#didatticaattiva

https://www.ersaf.lombardia.it/it/b/621/carpaneta

Grecia e Polonia sono solo le due più recenti esperienze che hanno coinvolto le studentesse e gli studenti del nostro istituto.
Due bellissime occasioni di scambio culturale e crescita personale per i ragazzi in un momento storico in cui l'accoglienza non è mai stata così importante. #accoglienza #erasmustudent #erasmusearthucation #erasmusplusproject #Danzica #Veroia #Grecia IX Liceum Ogólnokształcące w Gdańsku Gazzetta di Mantova

CLICCA QUI PER LEGGERE L'ARTICOLO
Secondo ERASMUS a Dublino per alcuni insegnanti dell’ITET Mantegna.
In questa seconda occasione le Prof.sse D’aria Restani e Elisa Masotto approcciano la capitale Irlandese, frequentando un corso dal titolo: “ Embracing diversità - Preventing bullying and violence”, in Haddington Road, presso Mary’s Boys School, nel centro di una Dublino intima come un villaggio, accogliente come un Pub, ricca di storia, nonché patria di musicisti e scrittori.
La prima giornata si è conclusa all’insegna della multiculturalità grazie alla condivisione tra docenti provenienti da Italia, Spagna, Germania, Croazia e Finlandia. Viva l’Europa

danzica centroPer il programma mobilità Erasmus studenti a Danzica (Polonia), dal 28 marzo al 4 aprile 2022, i ragazzi e i prof accompagnatori S. Grassetto e C. Mellettini, sono stati ricevuti calorosamente in aeroporto dove i genitori dei ragazzi ospitanti hanno direttamente accompagnato gli studenti del Mantegna nelle loro rispettive abitazioni. Il programma della settimana è stato veramente ricco e denso di emozioni ed esperienze. Martedì 29 marzo, percorso guidato alla città di Danzica a cura degli studenti dell'istitutto  IX Liceum Ogólnokształcące w Gdańsku,  e successiva visita al museo della II Guerra Mondiale; un museo veramente molto bello dal punto di vista espositivo e informativo.

Il secondo giorno di permanenza è stato dedicato alle attività didattiche in lingua inglese presso la scuola ospitante e riguardanti gli scambi culturali degli usi e dei costumi tra Italia e Polonia. Giovedì uscita fuori porta verso sud est per la visita guidata al castello medievale di Malbork, la costruzione in mattoni, patrimonio dell’Unesco. più grande al mondo. Il giorno successivo la visita ha visto protagoniste le città costiere sul Mar baltico di Gdynia e Sopot, il cui molo è il più lungo esistente costruito in legno.

L’escussione naturalistica di sabato è stata invece dedicata alle dune mobili di Leba e Łącka Gòra all’interno del Słowiński National park, già ricco di biodiversità floristica e di faunistica. A detta degli studenti del Mantegna l’esperienza di questo viaggio Erasmus si è impreziosita e arricchita di giorno in giorno di un bellissimo rapporto di amicizia instaurato con i loro compagni coetanei polacchi, tanto che quest’ultimi ci hanno accompagnato all’aeroporto per il rientro, per un ultimo abbraccio solidale. 

danzica centro gruppodanzica docenti 1 danzica diplomi

EARTHUCATION1Seconda mobilità per il Mantegna con il progetto ERASMUS "EARTHUCATION" in Grecia.
Domenica 27 marzo gli studenti Giulia Bencivinni, Luca Brusini, Annais Opincaru e Maria Vittoria Solenne e le loro insegnanti Cinzia Silocchi, Paola Maffioli e Paola Menegazzo sono stati accolti con grande entusiasmo dai patners greci di Veroia ed hanno iniziato le attività inerenti il focus "le energie rinnovabili". I nostri studenti lavoreranno tutta la settimana con i nuovi amici di Grecia, Lettonia e Germania.
Splendida mattinata, il 23 marzo, per i ragazzi della classe 2CT che hanno avuto l’opportunità di visitare l’antica dimora nobiliare dei conti d’Arco. L’interessante percorso guidato ha permesso loro di apprezzare il palazzo con le sue sale elegantemente arredate, le preziose collezioni della famiglia e il magnifico giardino.  
La visita si è conclusa nelle stanze della Prima Palazzina dove è stato possibile ammirare il gabinetto naturalistico ottocentesco del Conte Luigi d'Arco. #gitascolastica #visitadidattica #mantova #arte 

Assemblea dì istituto del 23/03/2022

Riflessioni sul tema delle dipendenze grazie all'intervento degli esperti del SER.D di Mantova. Insieme al dott Zagni e alle dott.sse Di Bella e Fusaro gli studenti hanno riflettuto sul tema delle principali sostanze stupefacenti che sono alla base dei comportamenti patologici di dipendenza. Le classi si sono sfidate in un divertente quiz sulla sui temi presentati dagli esperti e infine hanno realizzato alcuni cartelloni e presentazioni multimediali sulla base di alcuni macro argomenti loro assegnati. L'assemblea è stata molto dinamica e ha visto la partecipazione attiva di tutti in modo produttivo e creativo. 

Anita Gazzani di Doppio Volto Mantova parla ai ragazzi di 3BS della sua idea di trasformare lo scarto nobile del riso (pula di riso) in una componente per la creazione di una linea cosmetica naturale. Un ottimo esempio di eccellenza nell'utilizzo di risorse del territorio mantovano.
Una delegazione di studenti accompagnata dai docenti prof. Masiello e prof. Pelizzoni ha partecipato alla XXVII Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, organizzata dall'associazione Libera e tenutasi presso l'auditorium del MAMU.
Un’occasione importante a cui il nostro istituto non è voluto mancare; un’opportunità per onorare tutti coloro che hanno perso la vita per mano mafiosa, ma anche per riflettere su quello che il fenomeno mafioso rappresenta, ancora, oggi. Un problema che investe tutti e chiama ognuno di noi alla responsabilità.
Non è possibile restare inermi e far finta di nulla. Occorre, altresì, continuare a diffondere la cultura della legalità. Solo in questo modo si può sperare di sconfiggere la mafia.
Per questo, la presenza delle giovani generazioni è così importante: è a loro affidato il compito di continuare a lottare e restare vigili.
Alla presenza delle istituzioni locali e dei rappresentanti delle forze dell’ordine, gli studenti hanno assistito al racconto di storie e testimonianze.
Quello della lettura dei nomi delle migliaia di vittime, il momento, certamente, più toccante. Ed è stato affidato, proprio, agli studenti, il compito di declamarli.
Non è mancato, poi, un pensiero al conflitto in Ucraina e alle troppe vittime che esso
ha già provocato. 


  
Si è concluso in questi giorni il progetto "Per una tutela dei diritti umani" realizzato in collaborazione con il CDE (centro documentazione europeo)-Università di Verona. ll progetto si è articolato in due incontri dal titolo "Afghanistan, cooperazione allo sviluppo e diritti umani: cosa fare oggi? Come sostenere i diritti delle donne afghane ?
La dott.ssa Isolde Quadranti, responsabile del CDE, ha sottolineato il concetto di  solidarietà internazionale come "un diritto umano fondamentale attraverso il quale i popoli e gli individui hanno la libertà di godere, sulla base di uguaglianza e di non discriminazione, i vantaggi di una società internazionale armoniosa con un giusto ed equo ordine politico ed economico internazionale, in cui tutti i diritti umani e le libertà fondamentali possano essere pienamente realizzati.
Analizzando la situazione in Afganistan, ha poi sottolineato come l’arrivo dei Talebani, che governavano già gran parte del Paese, ha cancellato  anche quei piccoli passi verso una società aperta al confronto come il Diritto all’istruzione, oltre al' assistenza sanitaria, pertanto   la tutela dei diritti fondamentali devono figurare tra le richieste fondamentali della Comunità internazionale. Ha poi concluso sottolineando che “I diritti delle donne e delle ragazze afghane devono essere una priorità negli aiuti umanitari. Il nostro impegno è verso il popolo dell’Afghanistan, non verso i suoi governanti”.

Considerazioni in merito alla situazione conflittuale in atto

Le sconvolgenti notizie provenienti dal territorio ucraino, in cui muoiono tante persone e vengono bombardati gli ospedali, devono portare tutti noi ad una riflessione in merito a cosa significhi vivere in uno territorio in cui i diritti umani non vengono rispettati. Tutta la comunità scolastica dell'istituto Mantegna è vicina alle popolazioni colpite e si rende disponibile ad aiutare chi è in difficoltà. Tutta la comunità scolastica chiede la fine della guerra e l'attivazione immediata della diplomazia per ristabilire le umane condizioni di vita.

Dirigente scolastico
ing. Cau Alessandro

Leggi la circolare NO alla guerra in Ucraina

Si concluderà con la pubblicazione di un’antologia di 15 racconti l’esperienza di un gruppo di studenti del ‘Mantegna’ che ha partecipato ad un progetto di Scrittura ed editoria organizzato da Mondadori Electa. L’iniziativa, nata in seno al Festival della letteratura di Mantova e inaugurata da un ciclo di conferenze, ha coinvolto alcuni ragazzi del triennio del nostro Istituto e di altre scuole tra cui il ‘Fermi’, il liceo classico ‘Virgilio’, il liceo delle scienze umane ‘I. d’Este’: una parte di questi studenti ha partecipato ad un corso di scrittura creativa e i racconti prodotti - ambientati in luoghi significativi della nostra città - sono stati selezionati, revisionati ed editati dal resto del gruppo che ha, invece, frequentato il corso di editoria. Tre i racconti degli alunni del ‘Mantegna’ che saranno pubblicati: ‘Mia Mantova’, di G. Bencivinni (4AS), ‘Il lago di Mantova’di S. Sikder (4AS), ‘Viale Risorgimento’ di D. Smania (4AS).
Grande accoglienza per le prof.sse Valentina Fochi e Paola Menegazzo nell'istituto IX Liceum Ogólnokształcące w Gdańsku di Danzica, dove a fine mese andrà un gruppo di nostri studenti per una settimana grazie ad un progetto #ErasmusPlus.
Le prof.sse, insieme con i docenti della scuola, organizzeranno le varie attività che saranno svolte sia all'interno della scuola che nei dintorni della città. Gli studenti saranno ospitati presso le famiglie e potranno così ampliare la conoscenza di un altro paese europeo.

Forse Dublino è la città più adatta ad ospitare un corso intitolato “Mindfulness for Teachers: A Hands-on Approach”.  Nella capitale irlandese, infatti, la gente è molto “mindful”: attenta agli altri, calata nel momento attuale, non giudicante. Ci si sente subito a casa in questa città ventosa, dal tempo variabile, costantemente accompagnata dal grido dei gabbiani. Piena di palazzi e monumenti che ricordano la sua storia travagliata, la sua cultura millenaria, i suoi letterati strepitosi. Ma altrettanto piena di giovani di tutto il mondo e di locali tipici dove si ascolta musica dal vivo, sorseggiando una Guinness dal gusto inconfondibile. Il corso sulla “Mindfulness” presso la Europass Teacher Accademy sta trasmettendo ai 12 insegnanti spagnoli, portoghesi, ungheresi, irlandesi del nord e italiani qualche buona tecnica per gestire le situazioni di stress nelle classi e, più in generale, per migliorare la comunicazione tra studenti e insegnanti: un’altra bella opportunità resa possibile dall’adesione del Mantegna al programma Erasmus+. Prof. Ennio Polcini
PHOTO 2022 03 08 23 55 04

Sfiora il podio dai 3m Caterina Boscaglia, in gara nel week end ai campionati italiani indoor di categoria.
La junior della Canottieri Mincio con il punteggio di 291 si avvicina molto non solo al bronzo, ottenuto con 298 dalla Gonini (Carabinieri), ma anche ai 303 della seconda, la Ciancaglini (Asd Carlo Dibiase). Anche Beatrice Micale si avvicina al podio dai 3m, chiude al 6° posto a 202 punti, non troppo distante dai 227 del terzo posto occupato da Ilaria Cambria (Can. Aniene). “Sono contento dei risultati sia di Caterina che di Beatrice – commenta il tecnico della Mincio Francesco Priori dopo questa ultima giornata di campionato - entrambe sono penalizzate dal trampolino più basso perché fisicamente sono meno potenti delle atlete, ma dai 3m ho visto prestazioni molto buone e non lontane dal podio”.
targaGent.mo dott. Riboldi di Indire
la ringraziamo a nome del Dirigente Scolastico ing. Alessandro Cau per la targa che ci avete inviato.
 
Il team Erasmus Mantegna
prof.ssa Silocchi Cinzia, prof. Menegazzo Paola, prof.ssa Fochi Valentina, prof. Polcini Ennio
 
ACCREDITAMENTO ERASMUS 2021-2027 - PROGETTO 2020-1-IT02-KA120-SCH-094883
Pace per l'ucrainaAll'Istituto tecnico Mantegna, su iniziativa del preside, alle 11.30 verrà osservato un minuto di silenzio per la pace in Ucraina
Venerdì 25 febbraio, gli alunni della 4CS, con la prof.ssa Roberta Di Monaco e la prof.ssa Laura Lui, hanno visitato le sale storiche della Biblioteca Teresiana di Mantova. Grazie alla dott.ssa Maria Sole Boni responsabile e curatrice della sezione "Libro antico, fondi archivistici e percorsi didattici per le scuole", i ragazzi hanno avuto l'occasione di ammirare la monumentalità delle sale storiche, conoscere la loro storia dal 1780 e soprattutto visionare e sfogliare alcune testimonianze del passato legate al loro percorso di studio nel settore sanitario (manoscritti, Incunaboli e testi a stampa). La guida ha mostrato testi di anatomia e studio del corpo umano del Cinquecento (il volume "De corporis hymani" di Andrea Vesalii, ad esempio); nello specifico, anche pagine relative ad armi, strumenti chirurgici e medicinali usati in passato. Molta meraviglia da parte dei ragazzi, grazie alla quale è stato possibile godere di questo pubblico patrimonio storico-artistico.
Continua presso l'Istituto Mantegna il progetto ERASMUS
Viaggio mobilità studio per insegnanti che vogliono prendere contatto diretto con altre scuole e culture per acquisire nuove competenze professionali e portare a casa buone pratiche di insegnamento.
Le docenti Tomasi Grazia, Corbellani Antonella e Mellettini Claudia, nella settimana dal 19 al 26 febbraio 2022 seguiranno un corso sull’inclusione e prevenzione dei fenomeni dì bullismo.

Domenica 27 febbraio 2022 partirà per Santa Cruz anche il nostro dirigente scolastico ing. Alessandro Cau che seguirà un corso sul Team building che porterà alla realizzazione dì un progetto per costruire quello spirito dì collaborazione e squadra importantissimo nella gestione delle relazioni. Formazione docenti su inclusione, prevenzione al bullismo, soft skills, team building, innovazione digitale.
Il Mantegna ritiene di fondamentale importanza la partecipazione attiva dello staff dì dirigenza, per permettere un effettivo e reale miglioramento della scuola con la realizzazione dì progetti innovativi e dì collaborazione con istituti dì altre nazioni.

Il progetto Erasmus, portato avanti da una commissione che si è appositamente costituita, è un valore aggiunto importantissimo per il nostro istituto. Un’opportunità per i docenti dì confrontarsi con colleghi europei, formarsi su tematiche specifiche, pianificare e programmare nuovi progetti per l’istituto e tornare a lavorare con i ragazzi con rinnovato entusiasmo ed energia.




#erasmusplus #languagecampustenerife
#formazionedocenti
#languagecampus

Con dei 'se' non verrà mai scritta una storia” Alessandro Gallo (@alessandro.gallo.insta

In data 14 febbraio 2022, le classi 1AS/AM, 1BS, 2AE, 2BE, 2AT, 2AM, 2BT, 2CT, 2DT, 3AR, 3BR, 3CR, 4CS, 4AR e 4BR hanno partecipato ad una videoconferenza tenuta dallo scrittore, attore, editore e regista teatrale Alessandro Gallo. I ragazzi hanno avuto un dialogo diretto con l’esperto che è stato esaustivo e coinvolgente nell’affrontare diversi ambiti, come: il movimento camorrista, la mentalità omertosa e prepotente che caratterizza purtroppo la maggior parte del Sud e la sicurezza che può garantire la scuola a coloro che presentano disagi e non. L’incontro rientra nel progetto “Progetto Legalità” e grazie alla sua esperienza e ai suoi valori, il relatore ha dato testimonianza di una realtà diversa dalla nostra, dando vita a diversi spunti di riflessione riguardanti un argomento che tocca la vita e la sensibilità di ognuno di noi.

Ester  Carletti 3AR (as 2021/22)

Alcuni alunni di 5BR e 5CR hanno partecipato alla premiazione della XIV edizione del concorso scolastico regionale "L'esodo giuliano dalmata e la memoria delle foibe in Lombardia" come vincitori del terzo premio che generalmente consiste in un viaggio di 4 giorni a Trieste, che quest anno, a causa della pandemia, è stato sostituito da una somma di denaro che sarà versata all'istituto scolastico.
L'evento si è svolto alla presenza di autorità istituzionali quali Attilio Fontana, presidente della Lombardia, Francesca Brianza, vicepresidente, Marcella Fusco, rappresentante dell'ufficio scolastico regionale presso l'Aula Consigliare della sede di Regione Lombardia a Milano.
I ragazzi hanno partecipato con entusiasmo sentendosi gratificati per il lavoro svolto. 

All'incontro premiazione erano presenti il prof. Pietro Tarticchio, esule istriano, Giovanni Malanchini, presidente della Commissione giudicatrice, Anna Maria Crasti responsabile scuola dell' ANVGD e Matteo Gherghetta, presidente di ANVDG Lombardia.

10 febbraio 2022 GIORNO DEL RICORDO

libera contro le mafieViene rinnovata anche quest'anno l'adesione a LIBERA, l'associazione fondata da don Luigi Ciotti che dal 1994 si adopera attivamente nella lotta alla criminalità organizzata. LIBERA, in particolare, fornisce supporto ai familiari delle vittime di mafia e ai testimoni di giustizia e opera per promuovere la responsabilità e la consapevolezza delle persone al fine di contrastare l'illegalità. Da alcuni anni la nostra scuola è legata a LIBERA nel contesto del progetto 'Legalità e cittadinanza responsabile' attivo dal 2015, grazie al quale sono sono stati ospitati alcuni testimoni di giustizia, familiari di vittime di mafia che hanno portato ai ragazzi un messaggio di pace e di speranza. Gli studenti, inoltre, sono stati coinvolti nelle iniziative di LIBERA come la "Marcia in Memoria delle Vittime Innocenti di tutte le mafie" che si tiene tutti gli anni il 21 marzo in varie città d'Italia.
La cultura e l'etica sono stati i temi principali dell'incontro che si è svolto il 28 gennaio 2022 all'Itet Mantegna in cui il dr. Stefano Patuzzi, ebraista e musicologo, si è confrontato con gli studenti sulle contraddizioni della cultura occidentale. Il relatore è presidente di “Man Tovah”, associazione di cultura ebraica; docente di civiltà ebraica presso la biblioteca "Teresiana" di Mantova e membro del gruppo internazionale di studi della musica ebraica presso la Fondazione Levi di Venezia. Ringraziamo sentitamente il dr. Patuzzi per il prezioso contributo.
Questa iniziativa è parte del progetto didattico "Percorsi di Memoria", in atto presso il nostro Istituto.
Il triennio dell'indirizzo Ambientale, in PCTO sul Rio, ha effettuato le analisi dell'acqua con la prof.ssa Manicardi per la ricerca dell' E. Coli e le microplastiche.
Gli alunni realizzeranno un video da presentare in occasione degli incontri del progetto Erasmus KA2 "Earthucation" in collaborazione con Germania, Grecia e Lettonia.
Attachments:
Download this file (GdM 31012022.jpg)GdM 31012022.jpg[Articolo della Gazzetta di Mantova]309 kB
Il Mantegna si mette dalla parte dei ragazzi e dei loro bisogni. Sabato 29 Gennaio, dalle 9 alle 13, si è tenuta la prima assemblea dell'anno scolastico 2021/22 sul tema del disagio psicologico ed emotivo degli adolescenti. Partendo dalla visione di un docufilm dal titolo "Come stanno i ragazzi", in cui si sono viste ricostruzioni e testimonianze dei giovani sui i temi dell'ansia, dei disturbi alimentari e delle forme di autolesionismo fino ad arrivare al suicidio, gli studenti hanno poi avuto modo di ascoltare gli interventi di diversi esperti che hanno spaziato dalla neuropsichiatria infantile all'importanza di chiedere aiuto al momento opportuno senza avere paura. Tutti hanno capito che bisogna far cadere i tabù perché una diagnosi di disturbo d'ansia o alimentare può essere una condanna in cui una persona si deve identificare per sempre. Molte sono state le domande da parte degli alunni, attraverso le quali è nato un proficuo dibattito.

La classe 5CR ha recentemente concluso il progetto “La mia vita in te”, inserito nel progetto d’Istituto di educazione alla salute e iniziato lo scorso anno scolastico. Si tratta di un progetto di educazione alla donazione di midollo osseo e cellule staminali, organi, tessuti, cellule e sangue, realizzato in rete da istituzioni e associazioni. Capofila è l'AST Mantova che ha firmato un protocollo d'intesa con l'Azienda Ospedaliera "Carlo Poma", l'Ufficio Scolastico Territoriale, la Provincia di Mantova, l'ABEO Mantova, l'ADMO Lombardia, l'AIDO Mantova, l'AVIS Provinciale Mantova e il CSVM. L'obiettivo è promuovere la cultura della donazione sul territorio, negli ambienti sanitari e negli istituti d'istruzione secondaria di secondo grado. Le fasi del progetto prevedono l'attività scolastica con gli studenti degli ultimi due anni delle scuole secondarie di secondo grado. Alle quarte è dedicato un intervento FORMATIVO articolato in due incontri sugli aspetti etici e culturali della donazione, sulla morte encefalica e la normativa ad essa relativa; alle quinte è indirizzato un intervento INFORMATIVO con personale medico nel quale vengono illustrati gli aspetti medici della donazione e l'attività delle associazioni del territorio. 

I ragazzi dopo aver visionato video e testimonianze, si sono confrontati con personale specializzato per trovare risposte ai loro interrogativi sulla cultura del dono.

Il progetto è stato un’opportunità per conoscere le varie associazioni di volontariato che operano nel mantovano e per riflettere su tematiche tanto importanti e utili nella nostra società del benessere e del consumo.

Grazie al progetto Erasmus “Corpo Europeo di Solidarietà” è arrivato da Santa Cruz di Tenerife, Alberto Diaz Pineda, che lavorerà in compresenza con i docenti di inglese, spagnolo e scienze motorie fino alla fine di Maggio. Alberto ha frequentato una scuola superiore tedesca a Santa Cruz, proseguendo poi gli studi in un college negli Stati Uniti, studiando Business Administration, grazie ad una borsa di studio per le proprie abilità come tennista. 

Alberto è un ragazzo pieno di interessi, entusiasmo e voglia di mettersi in gioco. Una bellissima opportunità di crescita per lui e uno stimolo davvero importante per tutti i ragazzi del Mantegna: una ventata di aria fresca e internazionalità in un periodo difficile per tutti.

Dino PerboniIncontri di Educazione Civica per le classi quarte di istituto. Oggiall’incontro è stato nostro ospite Dino Perboni che ha parlato dei rapporti tra mondo del lavoro e scuola. La scuola consente allo studente di formarsi in modo tale da poter soddisfare le richieste del mondo del lavoro ? C’è confronto tra la scuola e il mondo del lavoro ? Cosa comporta la tanto decantata flessibilità? Quali politiche vengono messe in campo dallo Stato italiano per favorire l’occupazione giovanile?

Queste sono solo alcune delle moltissime domande che gli studenti e i docenti del Mantegna hanno posto al dott. Perboni che ha risposto in modo esaustivo, avvalendosi della sua lunga esperienza nel campo del diritto del lavoro.

Iscriviti al Mantegna di MantovaSi informano tutti gli studenti che intendono iscriversi nelle classi prime dell'Istituto Mantegna per l'anno scolastico 2022/23 che il codice scuola da utilizzare sulla piattaforma ministeriale è il seguente: MNTE01000B

Vai su https://www.istruzione.it/iscrizionionline/
Si è concluso in queste settimane il ciclo di webinar di formazione per docenti di lingua italiana, organizzato dal Consolato Generale d'Italia di Rosario in Argentina in collaborazione con l'Associazione Proteo Fare Sapere di Milano volto a valorizzare e promuovere oltre che la lingua e la cultura italiana, le metodologie e le prassi didattico-educative sperimentate nelle classi del nostro Istituto.
Il progetto volto a creare una rete di docenti ed esperti afferenti a scuole / associazioni / Enti promotori per sviluppare senso di appartenenza alla comunità italiana all'estero e migliorare le competenze linguistiche e comunicative, ha visto la partecipazione di alcuni docenti dell'Istituto Mantegna in qualità di formatori. La prof.ssa Tosetti Anna, prof.ssa Di Monaco Roberta, prof.ssa Marastoni Silvia, prof.ssa Piva Tiziana e il prof. Grassetto Simone hanno ricevuto in questi giorni l'attestato e la lettera di ringraziamento da parte del Console generale. Ci auguramo di poter continuare la collaborazione anche nei prossimi anni.
webinar rosario
In data 26 novembre 2021, le classi 3AR e 3CR, accompagnate dai docenti Caniglia Laura, Masotto Elisa, Fadda Giuseppina e Cavicchini Matteo, hanno partecipato ad un’uscita sul territorio mantovano. L’incontro ha avuto lo scopo di integrare il programma di Storia di terza con una esperienza diretta che approfondisse la conoscenza dell’epoca medievale della nostra città.
I ragazzi si sono documentati e, attraverso la metodologia Flipped Classroom, hanno preparato il materiale da esporre ai compagni, diventando delle vere e proprie “guide turistiche”.
Durante il percorso ognuno ha avuto la possibilità di esplicare brevemente la storia dei più importanti simboli del centro, come: Palazzo Ducale, Palazzo Bonacolsi, Palazzo della Ragione, Torre degli Zuccaro, Rotonda di San Lorenzo, Torre dell’Orologio, Voltone San Pietro, Torre del Podestà, Palazzo del Capitano e Piazza delle Erbe.
Nelle due ore trascorse, le classi si sono confrontate e divertite in semplicità arricchendo i propri orizzonti.
(articolo di Ester Carletti, 3AR)
Le classi quinte dell'indirizzo sanitario hanno visitato l'allevamento di vacche da latte di corte Spinosa.
Guidate dalla gentilissima Dott.ssa Cabiria Lugli, i nostri studenti hanno potuto osservare tutti gli step della vita del bovino.
Illuminanti le nuove tecniche di inseminazione mirata alla nascita di femmine e rassicuranti i dati sull'uso dei farmaci.
Nell'azienda si chiude il cerchio dell'economia circolare con la produzione di energia dalle deiezioni raccolte.
Per concludere è stato possibile ammirare la Corte, con le parti restaurate, e la piccola Chiesa perfettamente. conservata.
Per i ragazzi il prossimo appuntamento sarà il 14 dicembre con la visita alla Latteria che trasforma in grana Padano il latte qui prodotto.
Chiudiamo il nostro breve report con i ringraziamenti alla famiglia Lugli che ci ha ospitato e accompagnato in questo percorso prezioso per la formazione.

Articolo della prof.ssa Cinzia Manicardi


Domenica 21 novembre 2021, Eleonora, Ludovica e Nora di 5AR, Matteo di 5CR e i proff. Paola Maffioli e Ennio Polcini sono partiti per la prima mobilità a Dierdorf (Germania) nell’ambito del progetto Earthucation.
L’accoglienza riservata agli studenti/insegnanti italiani, lettoni e greci dal Liceo Martin Butzer è stata calorosa, anche per compensare la temperatura esterna che in questi giorni è attorno allo zero.
I ragazzi sono ospiti degli studenti del Martin-Butzer e sperimentano dal vivo com'è la vita quotidiana in una famiglia tedesca, mettendo anche in pratica il tedesco che hanno studiato in questi anni al Mantegna, anche se la lingua veicolare per il progetto rimane comunque l’inglese.
Tema della settimana è la cosiddetta mindfulness. Svariate sono le attività organizzate dai colleghi tedeschi per gli studenti europei:
  • Un tour guidato dagli studenti tedeschi attraverso gli spazi del loro enorme liceo;
  • L’analisi delle situazioni di stress provate dagli studenti e la condivisione degli “stress diaries” tenuti da ogni studente prima di partire;
  • Il “forest bathing”, una immersione con guida specializzata in un bosco adiacente alla scuola;
  • Un workshop con un esperto che insegna la meditazione, la consapevolezza e le strategie per ridurre lo stress;
  • Una gita a Coblenza con visita della città e del mercatino natalizio presso la Fortezza Ehrenbreitstein sul Reno;
  • Il feedback della settimana e la condivisione dei risultati della Logo Competition svolta nelle ultime settimane per la creazione del logo del progetto;
  • Distribuzione delle t-shirt con il logo;
  • Mercatino natalizio sostenibile presso il Liceo Martin Butzer.


Spazio per la noia: zero.
Le prossime mobilità vedranno gli altri studenti delle quinte del Mantegna partire per la Grecia (marzo) e la Lettonia (maggio).
Il progetto proseguirà per tutto il prossimo anno scolastico e c’è ancora posto per nuove candidature. Chiedete agli studenti di 5AR e 5CR se ne vale la pena.

Erasmus+ “Earthucation: Enough for all?!”

Articolo di Ennio Polcini

Si comunica che è attivo lo sportello di consultazione  psicologica, gestito dalla psicologa, dott.ssa Elena Bongiovanni. Il servizio dello sportello psicologico, anche in relazione alla situazione contestuale di precarietà emotiva e vulnerabilità post traumatica, derivante dall’emergenza COVID-19, è volto a favorire la promozione del benessere dell’intera organizzazione scolastica, attraverso la creazione di luoghi deputati all’ascolto supportivo dei propri vissuti e bisogni sia personali che professionali, con l’obiettivo di:

  • Educare alla gestione dello stress e prevenire situazioni di burnout
  • Potenziare le competenze comunicativo-relazionali e le strategie di resilienza
  • Prevenire l’insorgere di forme di malessere psico-fisico e/o relazionale
  • Rispondere a traumi e disagi derivanti dalla pandemia in corso.

Le attività dello sportello si esplicheranno in:

- colloqui individuali di consulenza e supporto per studenti, personale scolastico (Docenti, ATA) e genitori/famiglie in merito a situazioni/eventi di disagio o complessità che possono interessare sia l’attività professionale che il contesto di vita più ampio, con ricadute sul benessere personale;

- incontri/colloqui di supervisione/intervisione in piccolo gruppo/equipe per tutto il personale scolastico per la gestione di casi e/o la strutturazione di interventi specifici.

Le attività dello sportello nel rispetto delle disposizioni di tutela della salute, imposte dall’emergenza Covid-19, saranno svolte sia in presenza che a distanza attraverso la piattaforma Meet e previa acquisizione del Consenso Informato alla prestazione (art.24 del Codice Deontologico degli Psicologi) e al Trattamento dei Dati, ai sensi del Regolamento UE 2016/679 (di seguito GDPR, 2018).

Per accedere allo sportello psicologico, è necessario inviare un’email di prenotazione alla psicologa, dott.ssa Elena Bongiovanni, all’ indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L’accesso allo sportello è gratuito e libero sia per gli adulti che per gli studenti. Per gli studenti minorenni è necessaria l’autorizzazione di entrambi i genitori. Essa segnala semplicemente la possibilità di poter usufruire in futuro del servizio, nel caso in cui lo studente ne faccia  richiesta.

Il contenuto dei colloqui è protetto dal segreto professionale.

Consulta i seguenti documenti allegati:

COME ACCEDERE ALLO  SPORTELLO PSICOLOGICO
MODULO CONSENSO MINORENNI
MODULO CONSENSO MAGGIORENNI
CONSENSO INFORMATO alla CONSULTAZIONE PSICOLOGICA PER I MINORI 

LOCANDINA

Anna Maria CrastiSono iniziati in questi giorni gli incontri del progetto "Percorsi di memoria". Mercoledì 17/11/21 e giovedì 18/11/21 le classi 5BR e 5CR hanno incontrato in modalità on line, la prof.ssa Anna Maria Crasti, esule istriana, nata a Orsera d'Istria nel 1941, attualmente attiva presso l'ANVGD (Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia) sezione di Milano. La professoressa dopo aver fatto una breve introduzione, ha portato la sua testimonianza della storia del confine orientale della nostra nazione e delle atrocità subite dopo la seconda guerra mondiale in fuga dall'Istria verso Trieste. Gli incontri proseguiranno nelle prossime settimane con altre classi dell'Istituto.
Oggi le classi 4AS, 5BR, 5CR si sono collegate con le classi di Santa Fe e con  l'Istituto Mattei di Latisana (UD) per condividere con gli studenti argentini la conclusione del loro anno scolastico e concludere il progetto "Il viaggio: conoscere l'Italia attraverso gli occhi di Dante e Virgilio" inserito nella settimana della lingua italiana nel mondo.
E' stato un momento di gioia e di festa virtuale che ha dimostrato l'entusiasmo con cui docenti e studenti hanno partecipato al progetto che ha voluto promuovere la nostra lingua e la nostra cultura. Per questo si auspica che la collaborazione possa continuare nei prossimi anni."

Le classi 5AS e 5BS hanno visitato la mostra foto-documentaria sull'occupazione italiana della Libia, dal titolo “Violenza e colonialismo, 1911-1943”, allestita alla Casa del Mantegna. Con la gentile guida offerta da Giorgia Giusti, i ragazzi hanno potuto seguire la cronologia degli eventi narrati nei diversi pannelli, in lingua italiana e araba (a cura di Costantino di Sante e Salaheddin Sury).  Partendo dalla rivolta di Sciara Sciat si è proseguiti analizzando le repressioni e le rappresaglie, terminate con impiccagioni e deportazioni dei cittadini libici nelle colonie di detenzione in Italia. Durante le due guerre mondiali si sono alternati in Libia i più feroci governatori che sono arrivati ad attuare trasferimenti forzati della popolazione in vei e propri campi di concentramento. I ragazzi si sono soffermati a fotografare il pannello con narrata la vicenda della resistenza organizzata dal leader anticolonialista libico, Omar al-Mukhtar.

Tutto quello che si è appreso è che si hanno le prove per sfatare il mito degli “Italiani brava gente”, solamente accennato nel loro libro di storia.





Viaggio studio per insegnanti, allo scopo di conoscere altre realtà formative e fare rete.

HELSINKI, Finlandia
03 - 09 ottobre 2021

Gli insegnanti (da sinistra) Simone Grassetto, Maria Conte, Ennio Polcini, Grazia Soliani.

Gruppo di lavoro alla conoscenza della cultura e della scuola finalndese.



All'interno del progetto Erasmus+ Ka1 "Il Mantegna in Europa per tutti e per ciascuno", è presente l'attività di mobilità dal titolo "English for Teachers", un percorso di potenziamento della lingua inglese per docenti di discipline non linguistiche.

Abbiamo partecipato al modulo programmato dal 23 al 29 febbraio 2020 a Dublino e si è rivelato un’interessante esperienza culturale, educativa e sociale nella promozione dell'apprendimento e della comunicazione interculturale e nello sviluppo delle competenze linguistiche.

Il corso si è svolto seguendo perfettamente il cronoprogramma. È stato intensivo e strutturato in maniera ottimale, un giusto compromesso tra lezioni teoriche e pratiche che ha facilitato la comprensione degli argomenti trattati nel quotidiano e ha permesso di assimilarli al meglio, fornendo gli strumenti più adatti. La parte pratica è stata fondamentale per sviluppare tutte le competenze necessarie.

La settimana è trascorsa velocemente. È stata molto impegnativa ma, nonostante le numerose attività, abbiamo vissuto pienamente ogni singolo momento, anche grazie al nostro tutor Alex, insegnante empatico, professionale e coinvolgente. Alex ha avuto la capacità di rendere tutto molto semplice, stimolando il confronto e l’interazione tra i partecipanti dei 14 Paesi Europei coinvolti nel percorso, attraverso metodologie di insegnamento che ci hanno permesso di fissare bene le nozioni apprese. Ad esempio, il gioco "Alla scoperta di Dublino - The TreasureHunt" fatto il secondo giorno, è stato l’occasione per scoprire la città attraverso un’attività piacevole e al tempo stesso iniziare a lavorare in gruppo in maniera coesa e produttiva.

Durante il corso abbiamo ampliato il nostro vocabolario di inglese studiando la cultura, le tradizioni e la storia dell'Irlanda, ascoltando musica irlandese e visitando i musei e il sito di Glendalough, poco a sud di Dublino, che ospita le rovine di un antico monastero nel contesto di un suggestivo scenario naturale. Ci siamo confrontati su tradizioni alimentari, miti e leggende, invenzioni e tecnologie, hobby e tempo libero, e ognuno dei partecipanti ha raccontato aspetti della propria nazione, affrontando anche tematiche attuali e quotidiane.

L’esperienza è stata positiva e ricca di stimoli. Molti gli spunti su cui lavorare anche dopo il ritorno in Italia. Abbiamo apprezzato le varie segnalazioni di siti per l'apprendimento dell'inglese in autonomia e siamo certi che quanto appreso in questo programma educativo e didattico ci sarà molto utile nel nostro lavoro quotidiano.

Descrivere questo percorso con un articolo è riduttivo. Siamo convinti che bisogna vivere in prima personaun’esperienza formativa come questa.

Ringraziamo lo staff organizzativo dell’Istituto per averci dato questa meravigliosa opportunità di crescita professionale e personale.

Auguriamo a tutti i colleghi di vivere, almeno una volta, un’esperienza simile.

Maria Rosaria Marseglia, Marco Bompieri

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
01/21 
start stop bwd fwd

Dal 12 al 18 gennaio 4 insegnanti del nostro istituto hanno partecipato ad una attività di mobilità dal titolo “Digital turn-How make your school more digital” all’interno del progetto Erasmus+ Ka1 “Il Mantegna per tutti e per ciascuno”. Il corso si è svolto a Santa Cruz (Tenerif) ed ha permesso ai nostri insegnanti di ottenere una visione più ampia sulla digitalizzazione della scuola, in particolare sulla gestione del cambiamento delle innovazioni digitali a livello organizzativo, nel contesto della progettazione ed attuazione del digital turn. Questa esperienza contribuirà sicuramente a migliorare lo spirito di internazionalizzazione della nostra scuola, avendo offerto la possibilità di conoscere e collaborare con colleghi di altre 8 nazioni e scoprire che, al di là di una distanza geografica, l’entusiasmo di cambiare il modo di fare scuola accumuna tutti.

Prof. Della Sciucca, Fochi, Menegazzo e Silocchi

1

Gazzetta di Mantova
30 Novembre 2019


STUDENTI A LEZIONE DI ALTA MODA MA CON MATERIALI DA RICICLO


Articolo consultabile direttamente anche al seguente link

1
1
2
3
4
5
1/5 
start stop bwd fwd

Foto di Nicola Scansani - Gazzetta di Mantova 
Gazzetta di Mantova
04 Novembre 2019


La scuola nei paesi Europei Erasmus per gli insegnanti

Articolo consultabile direttamente al seguente link

1


“È un oceano di nuvole e luce” il cielo d’Irlanda che ci saluta.
Lasciamo Dublino con un sole e un’aria tersa che ci fanno dimenticare i giorni di pioggia e vento intenso.
Siamo entusiaste della nostra esperienza, la prima rispetto quella già vissuta dai nostri colleghi in Erasmus+.
English for Teachers non è stato un corso di apprendimento della lingua inglese tradizionale, ma un modo di operare assieme a docenti europei in un’ottica di conoscenza reciproca, attraverso giochi di ruolo, momenti di lavoro e proposte progettuali fornite dai tutor di English Matters. A noi l’abilità di comprendere ciò che ascoltavamo e parlare per farci intendere, costruendo piano piano un vocabolario più ricco e imparando la cultura e la storia del paese ospitante. Ci lasciano un compito importante: di continuare a collaborare e soprattutto di disseminare ciò che abbiamo imparato in modo da poter accorciare sempre più le distanze fra scuole europee impegnandoci per costruire un progetto di scambio e di crescita.
Un grazie di cuore al team, che lavorando con tenacia ed impegno ci ha dato l’opportunità di sentirci sempre più cittadini europei.

Prof.sse Agnese Ramparelli, Adele Binotti e Ermana Marelli

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
01/14 
start stop bwd fwd

Sabato 9 e domenica 10 Novembre 2019 i nostri ragazzi della classe quarta ambientale hanno presentato i laboratori di scienze presso lo spazio Capriate. L'attività, riconosciuta come PCTO, è iniziata durante l'estate e continuata per 5 pomeriggi di formazione in convenzione con Alkemica.
Prof.ssa Cinzia Manicardi

1
2
3
4
5
6
1/6 
start stop bwd fwd

03/10/21 – 09/10/21
Docenti: Simone Grassetto / Maria Conte / Ennio Polcini / Grazia Soliani

Erasmus +
Structured Educational Visit to Schools & Training Seminars in Sveden

Vedi la Presentazione dell'esperienza
19/09/21 – 25/09/21
Docenti: Fochi Valentina / Menegazzo Paola / Silocchi Cinzia

Erasmus +
Structured Educational Visit to Schools & Training Seminars in Sveden

Vedi la Presentazione dell'esperienza

Sabato 12 ottobre 19 si è concluso il percorso Erasmus + ad Helsinki per Tiziana Piva, Anna Tosetti e Marco Bompieri che, grazie alla fattiva operosità del gruppo di lavoro che ha seguito il progetto e English Matters, hanno avuto un'importante occasione di crescita personale e professionale.
Questa esperienza ha permesso di conoscere la cultura e la società finnica, visitare luoghi indimenticabili e in particolare conoscere il sistema educativo finlandese che é stato presentato in modo verticale, dalla scuola primaria alla secondaria di secondo grado. Autonomia e responsabilità sono le basi di un sistema circolare che coinvolge famiglia, scuola, territorio e che si possono riassumere in queste parole chiave: flessibilità, attenzione, fiducia, individualizzazione, personalizzazione, nuove tecnologie e spazi di lavoro aperti.
Come più volte é stato sottolineato, la mission della scuola finlandese è così sintetizzabile:
"education is not preparation of life, education is life itself" (J. Dewey) perché "Stay happy at school, be happy in life".

Piva Tiziana, Tosetti Anna e Bompieri Marco

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
01/22 
start stop bwd fwd

“Tack” – „grazie“ in Svedese – si sente spesso in Svezia, perché gli Svedesi sono gente aperta, disponibile, gentile e riconoscente: ne ho fatto diretta esperienza durante il mio soggiorno a Stoccolma dal 22 al 28 settembre.

Sono stato il primo dei 18 insegnanti del Mantegna, Preside incluso, a partire per un Paese europeo grazie al progetto Erasmus+, a cui la nostra scuola ha aderito lo scorso anno scolastico (http://www.erasmusplus.it/erasmusplus/erasmus/). Un progetto che avevo già conosciuto nel 1988 (https://www.youtube.com/watch?v=Uv6C417A9Mc), quando si chiamava solo Erasmus ed io, giovane studente di lingue, avevo frequentato per sei mesi la Pädagogische Hochschule di Ludwigsburg in Germania. Un’esperienza indimenticabile che aveva consolidato le mie conoscenze del tedesco e mi aveva regalato una nuova dimensione europea.

Questo, infatti, era ed è tuttora il senso del progetto Erasmus+: la mobilità di dirigenti, insegnanti, studenti e personale amministrativo nei Paesi dell’Unione Europea allo scopo di sperimentare dal vivo nuove realtà scolastiche, confrontarsi con sistemi educativi diversi, conoscere colleghe e colleghi di altre scuole d’Europa, scambiare con loro idee, metodi e opinioni ed importare nella propria scuola le buone pratiche apprese.

È quanto ho fatto per una settimana insieme ad altri 74 insegnanti provenienti da Italia, Spagna, Portogallo, Grecia, Cipro, Croazia, Slovenia, Bulgaria, Repubblica Ceca e Germania. Una settimana intensissima, con tanto lavoro “sul campo”, ma anche visite memorabili a Stoccolma e Uppsala e piacevolissimi momenti di svago trascorsi con un gruppo decisamente affiatato.

Alle colleghe Stefania Della Sciucca, Valentina Fochi, Paola Menegazzo e Cinzia Silocchi, che con dedizione e professionalità hanno gestito l’enorme sforzo organizzativo indispensabile per far decollare il progetto Erasmus+ nel nostro istituto, va quindi un “tack tack” di cuore!

Ennio Polcini


1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
01/10 
start stop bwd fwd

                                        AVVISO

OGGETTO: A.S. 2018/2019 pubblicazione graduatorie interne definitive di istituto personale docente

Si avvisano i docenti interessati, che nell'area riservata del sito (documenti riservati) sono state pubblicate le graduatorie di cui in oggetto.
L'Erasmus per i Prof. Viaggi per conoscere le scuole Europee.
I docenti studieranno inglese e nuovi metodi didattici.
"Dobbiamo aprirci all'innovazione per il bene dei ragazzi"

ErasmusGazzetta

E’ stato approvato il progetto ERASMUS + nell’ambito dell’azione chiave KA1 “IL MANTEGNA IN EUROPA PER TUTTI E PER CIASCUNO” che permetterà al personale docente e non docente dell’istituto di seguire corsi di formazione in diverse nazioni Europee.

Il progetto predisposto dalla commissione costituita dalle prof.sse Stefania Della Sciucca, Valentina Fochi, Paola Menegazzo, Cinzia Silocchi e dal DSGA Renata Soncini ha ottenuto l’approvazione ed un finanziamento di € 58.000,00 e permetterà al personale di seguire percorsi di formazione in Svezia, Finlandia, Spagna e Portogallo, Estonia, Irlanda.

Il progetto permetterà di migliorare l’offerta formativa, la qualità dell’insegnamento, il management dall'amministrazione scolastica favorendo un’apertura alla dimensione europea dell’intero istituto. Il personale avrà infatti la possibilità di formarsi confrontandosi con i diversi sistemi scolastici europei, sperimentando modelli educativi innovativi anche attraverso l’uso delle nuove tecnologie.

Il progetto approvato  si articola nelle seguenti attività:
     A) visite strutturate ad istituti scolastici e partecipazione a seminari e laboratori
     B) corsi su metodologie didattiche innovative ed inclusive
   C) corsi di lingua inglese per potenziare la metodologia CLIL e avviare progetti di collaborazione Europea che possano coinvolgere anche gli studenti.

BUONA FORMAZIONE A TUTTI !
erasmus

Si avvisano i docenti che la presentazione dell'Animatore Digitale, Prof.ssa Maria Rosaria Marseglia, è stata caricata nell'area riservata dei docenti

Il Collegio Docenti è convocato per lunedì 3 settembre 2018, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede centrale.
Seguirà Formazione “GDPR – general data protection regulation” dalle ore 17.00 alle ore 19.00 sempre presso la sede centrale.
 

Nel tardo pomeriggio di oggi, 30 Agosto 2018, il personale tutto dell'ITET Andrea Mantegna ha affettuosamente salutato il suo DS Prof. Michele Negro che lascia il timone della scuola dopo tre anni.

Un sentito ringraziamento per la sua professionalità e sensibilità manifestata in questo cammino insieme e l'augurio di buon lavoro nella nuova sede che gli è stata assegnata da parte di tutto il personale docente e non.

Nell'area DOCENTI del sito, sezione MODULISTICA/FINE ANNO  è stato caricato il MODULO DICHIARAZIONE REALIZZAZIONE ATTIVITA' DI FORMAZIONE.

Oggi 21 Aprile 2018, docenti e collaboratori scolastici di tante scuole di Mantova hanno partecipato all'evento conclusivo del corso Basic Life Support – early Defibrillation (BLSD), vale a dire “supporto di base delle funzioni vitali – defibrillazione precoce”.

Il Mantegna "ha schierato in campo" Daniele Alessandro, Manuela Amalia Berardi, Adele Binotti, Antonella Dall'Oglio, Lorella Ferrari, Monica Gioni, Davide Remo Grosso, Ermana Marelli, Filomena Marcellini, Giuseppe Militello, Domenico Moretti, Stella Panarisi, Fausto Pierri, Stefania Roversi e Fausta Trazzi.

Si avvisano tutti i docenti che è stata aggiornata l'area DSA/BES del nostro sito.

 

Si chiede ai COORDINATORI di CLASSE ed ai DOCENTI di SOSTEGNO di inviare rispettivamente i PDP ed i PEI al seguente indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro il 27/11/2017 con oggetto: PDP – INIZIALI ALUNNO – CLASSE e NON all’indirizzo del Dirigente come da comunicazione precedente. Anche chi ha già provveduto all’invio è pregato di inoltrare nuovamente all’indirizzo sopra indicato. Si ringrazia per la collaborazione.

                                       AVVISO

I COORDINATORI di CLASSE ed i DOCENTI di SOSTEGNO devono inviare rispettivamente i PDP ed i PEI al seguente indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  entro il 27/11/2017 con oggetto: PDP – INIZIALI ALUNNO – CLASSE. Si ringrazia per la collaborazione.

Si comunica che nell'area riservata del sito è stata pubblicata la bozza del verbale del Collegio dei Docenti del 17 Ottobre 2017.

Si comunica che nell'area riservata del sito è stata pubblicata la bozza del verbale del Collegio dei Docenti del 16 Febbraio 2018.

Si comunica che nell'area riservata del sito è stata pubblicata la bozza del verbale del Collegio dei Docenti del 20 Marzo 2018.

Nell'area DSA/BES del sito sono stati pubblicati i file per la compilazione dei PDP.

Nell'area DSA/BES del sito sono stati pubblicati i file per la compilazione dei PDP.

Nell'area DSA/BES del sito sono state pubblicate le slides dell'incontro formativo tenutosi con la Dot.ssa Rebuzzi. Sempre nella stessa area sono stati caricati i decreti legislativi del 13 aprile 2017 n.62 e n.66 .

  Si ricorda che nell'area riservata del sito è stata già pubblicata la bozza del verbale del Collegio dei Docenti del 18 Settembre 2017.

Dalla data odierna, fino al 5 agosto 2017, i docenti di ruolo, inclusi i docenti in anno di prova, potranno compilare la modulistica relativa alla premialità 2016/2017. La stessa è reperibile all’interno del RE (circolare 603), nonché all’albo di Istituto (prot. 10181) ed infine nella sezione Comunicati del sito (prot. 10181). Le schede andranno datate e sottoscritte in ogni pagina e consegnate a mano a scuola o tramite raccomandata. Non farà fede il timbro postale.

E' possiblie scaricare il modulo (allegato 1)►QUI e la definizione dei criteri di valutazione ►QUI.

 

 

 Si avvisa che nell'area DOCENTI - MODULISTICA - FINE ANNO sono stati caricati i  moduli revisonati per gli adempimenti di fine anno.

In data 21/03/2017 il Garante della Privacy ha emanato una nota circa le modalità di redazione del documento del 15 maggio per le classi quinte. Si comunica che tale nota è stata pubblicata nell'area Docenti → Modulistica

 

 

Nella sezione “Docenti/Modulistica” del nostro sito è disponibile per il download l’aggiornamento del modello in Microsoft Word precompilato per la stesura del Documento di Classe (“DOCUMENTO_FINALE_CLASSI_QUINTE.doc”) e il relativo file con le indicazioni di compilazione.

Nella sezione “Docenti/Modulistica” del nostro sito è disponibile per il download l’aggiornamento del modello in Microsoft Word precompilato per la stesura del DOCUMENTO FINALE CLASSI QUINTE (Revisione 2018),

Si comunica che in Modulistica, sezione DSA/BES, sono stati caricati tutti i documenti  del corso di formazione-aggiornamento su DVA-DSA-BES del 16 settembre 2016 e tutte le nuove versioni dei moduli  per la predisposizione dei PEI e dei PDP. 

Anche quest’anno il nostro Istituto arricchisce la propria offerta formativa facendo arrivare direttamente dall’Università di Amburgo una giovane assistente linguistica, grazie all’ormai collaudato Site Program (http://siteprogram.pacioli.net/).

Dal primo di ottobre fino a fine novembre gli alunni del settore economico che studiano il tedesco potranno contare sulla presenza di Nina Breuer la quale, coadiuvando il Prof. Polcini, approfondirà aspetti di civiltà della Germania ed offrirà a tutti gli studenti una possibilità in più per esercitare e quindi migliorare le proprie abilità linguistiche, soprattutto a livello di comprensione e produzione orale.

Se volete sapere qualcosa di più sul conto di Nina cliccate QUI.

 

Prof. Ennio Polcini

Nell'area riservata, alla voce Documenti Riservati, è stata caricata la bozza del regolamento per l'accoglienza degli alunni di rientro da un periodo di studi all'estero. Si prega di prenderne visione per il prossimo Collegio dei Docenti. 

Si ricorda che la bozza del verbale della seduta precedente è visionabile sempre nell'area riservata alla voce Collegi Docenti.

 

Si comunica che nell'area riservata del sito è stato pubblicato il verbale del Collegio dei Docenti del 26 ottobre 2016.

  Si comunica che nell'area riservata del sito è stato pubblicato il verbale del Collegio dei Docenti del 26 ottobre 2016.

  Si comunica che nell'area riservata del sito è stata pubblicata la bozza del verbale

  del Collegio dei Docenti del 21 febbraio 2017.

 Il Collegio Docenti è convocato per Venerdì 1 settembre 2017, dalle ore 8.30 alle ore 11.00. L' Ordine del Giorno è  scaricabile ►qui .

Si comunica che nell'area riservata del sito è stata pubblicata la bozza del verbale del Collegio dei Docenti del 17 giugno 2017.

Si comunica che nell'area riservata del sito è stata pubblicata la bozza del verbale del Collegio dei Docenti del 16 giugno 2018.

Si comunica che nell'area riservata del sito è stata pubblicata la bozza del verbale del Collegio dei Docenti del 02 settembre 2019.

Nella Sezione Albo Pretorio → Avvisi è disponibile l’Avviso pubblico disponibilità di posti nell'Organico dell'Autonomia – L’Avviso – CLASSE DI CONCORSO A038 FISICA

Il termine perentorio per l’inoltro delle candidature da parte dei docenti a tempo indeterminato inseriti nell’ambito 019 è fissato per il 10 SETTEMBRE ORE 15:00

Nelle sezione ►Albo Pretorio On-line è possibile prendere visione della convocazione del primo Collegio Docenti per l’a.s. 2016/2017. Lo stesso è fissato per giovedì 1 settembre 2016 dalle ore 8.30 alle ore 11.30.

 

Il Dirigente Scolastico
Michele Negro

AVVISO PUBBLICO di disponibilità di posti nell’Organico dell’Autonomia presso l’ITET “A. Mantegna” di Mantova (1° Comunicazione).

PremioSONO DISPONIBILI ALL’INTERNO DELL’AREA RISERVATA LE GRIGLIE DI AUTO-OSSERVAZIONE IN FORMATO PDF E WORD PER ACCEDERE ALLA PREMIALITA’ DOCENTI A.S. 2015/2016. LE STESSE ANDRANNO COMPILATE DAGLI INTERESSATI ENTRO IL 10 AGOSTO 2016 E CONSEGNATE NEI SEGUENTI MODI: BREVI MANU/POSTA ORDINARIA/PEC CON FIRMA DIGITALE.

Avvisiamo che da lunedì prossimo, 5 ottobre 2015, sarà in vigore l'orario definitivo dei docenti. In allegato il dispositivo della Dirigenza.

►Circolare della Dirigenza

Area riservataMessaggio per i docenti del Mantegna:

Nell'area riservata è disponibile il calendario degli scrutini finali per il presente anno scolastico. Si anticipa che la serie di riunioni inizierà il giorno 26/08/2015 e si concluderà il 31 seguente. Chi non ricordasse le credenziali di accesso può richiederle all'indirizzo di posta seguente: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PS. All'area riservata si accede attraverso PANNELLO LOGIN in questa pagina, sulla destra.

21/08/2015 Apportate alcune modifiche al file originale. Preghiamo di prenderne visione!

Nell'area riservata ai docenti è disponibile l'elenco dei coordinatori di classe e dei relativi segretari per il presente anno scolastico.

Dopo la riunione svoltasi il 5 novembre scorso rivolta ai coordinatori delle classi interessate, è resa disponibile la documentazione sulla normativa per i Bisogni Educativi Speciali. I file relativi sono reperibili reperibili nell'area riservata ai Docenti.

Nell'area riservata per i docenti sono disponibili i file in .pdf della programmazione dei Consigli di Classe di settembre e novembre 2013.

Qualora qualcuno non fosse in possesso delle credenziali di accesso (Nome utente e Password) può richiederle via email al webmaster locale al seguente indirizzo "Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.". Dopo una veloce verifica i dati richiesti saranno trasmessi con una risposta alla email inviata.

Nell'area riservata ai docenti (http://itasmantegna.it/documenti-riservati) è reperibile il file con l'elenco dei coordinatori e dei segretari dei Consigli di Classe per il presente anno scolastico 2013/14.

Qualora qualcuno non fosse in possesso delle credenziali di accesso (Nome utente e Password) può richiederle via email al webmaster locale al seguente indirizzo "Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.". Dopo una veloce verifica i dati richiesti saranno trasmessi con una risposta alla email inviata.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.